INPGI, RIFORMA. PUNTOEACAPO: COSI’ CAMBIA LA PREVIDENZA DEI GIORNALISTI

Spunta la flessibilità in uscita. “Illegittimo un nuovo prelievo sulle pensioni”

Flessibilità pensionistica in uscita anche per i giornalisti con un meccanismo di ‘’staffetta generazionale’’ – una assunzione a fronte di  un pensionamento – il mantenimento dei diritti maturati al 31 dicembre 2016, ma anche un aggravio della solidarietà richiesta a chi oggi è già in pensione, con un prelievo che parte già dai 38 mila euro di reddito. Sono le ultime novità della riforma delle pensioni dei giornalisti che il Cda Inpgi intende approvare il 28 settembre e che sono emerse nel corso del convegno organizzato da Puntoeacapo presso la Camera dei Deputati.

‘’Sappiamo che ci sono interventi inderogabili – ha detto Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo e rappresentante di minoranza nel Cda Inpgi – ma devono anche essere giusti. Noi ci siamo impegnati affinchè le misure che verranno introdotte non abbiano impatti devastanti ’’.  In particolare, all’impianto della manovra che è già stato inviato alla Fnsi e da questa reso pubblico saranno introdotti alcuni correttivi di rilievo, ben visti da Puntoeacapo. ‘’Saranno mantenuti anche dopo l’avvio della riforma, il primo gennaio 2017, i diritti già maturati che di fatto vengono congelati – ha spiegato Chianura – anche perché c’era il rischio che far scattare rigidamente la riforma avrebbe provocato una fuga di circa 300 colleghi, con un effetto boomerang che appesantiva i conti dell’istituto’’. I giornalisti che hanno già maturato i criteri per andare in pensione, quindi, non saranno costretti a dovervi  rinunciare per evitare aggravi pensionistici futuri.

L’altra novità riguarda l’introduzione di criteri di flessibilità in uscita, non presenti nella prima bozza della manovra, che – come chiesto da Puntoeacapo fin dal 2010 – saranno legati ad una sorta di ‘’staffetta generazionale’’. Si potrà usufruirne solo se in cambio l’azienda prevede una assunzione a fronte di una uscita.: in pratica, con una procedura che passa anche per un accordo sindacale da trovare a livello aziendale con i singoli comitati di redazione, si apre una finestra di flessibilità che vale per il prossimo triennio che consentirebbe di andare in pensione a chi ha 62 anni ma un numero progressivamente più alto di contributi.

Le ultime indicazioni che arrivano dall’Inpgi – ha poi spiegato Chianura – riguardano il contributo di solidarietà su chi è già in pensione che, secondo le ultime indicazioni, riguarderebbe praticamente tutti i pensionati a partire dai 38 mila euro di reddito. “Al di là della considerazione che con il blocco della perequazione e con il contributo di solidarietà i pensionati Inpgi hanno contribuito ai bilanci dell’Inpgi già con 30 milioni in quattro anni – ha concluso Chianura – è evidente che un Cda non si può in alcun modo sostituire al Parlamento individuando un nuovo prelievo forzoso. L’Inpgi esiste per pagare le pensioni e le prestazioni, rispettando i diritti acquisiti”.

Carlo Guglielmi, avvocato del lavoro, presidente del Forum Diritti Lavoro econsulente di “Puntoeacapo Tutela”,  ha messo in rilievo l’importanza del rilancio di una stagione dei diritti per la professione giornalistica, che parta dalla difesa dei posti di lavoro – ridotti nell’ultimo quinquennio di circa il venti per cento – e da un rinnovo contrattuale che rilanci l’occupazione.

 

 

 

11 Commenti "INPGI, RIFORMA. PUNTOEACAPO: COSI’ CAMBIA LA PREVIDENZA DEI GIORNALISTI"

  1. Giuseppe Cipriani | 24 settembre 2016 ore 11:10 | Rispondi

    Peccato solo che siano passati per il camino i 40 anni di contributi, senza che nessuno, il sindato in primis, abbia alzato la voce… Si vede che a quelli che hanno contribuito alla sopravvivenza dell’ Inpgi, e magari sono anche lavoratori precoci, nessuno vuol dare una mano.
    Ai molti pensionati e prepensionati che sono tali con contributi bassi o bassissimi (18 anni) dico di essere meno pelosi e più solidali. Magari, senza il loro intralcio, sarebbe passata la manovra scorsa. Amen

    • D’accordo con te sulla eliminazione del diritto di pensione a 40 anni a prescindere dall’età Sul prelievo forzoso alle pensioni in essere, Puntoeacapo vuole scongiurare l’introduzione di un precedente pericolosissimo che, un domani, potrebbe colpire anche te.

      • Giuseppe Cipriani | 24 settembre 2016 ore 16:50 | Rispondi

        La mia pensione futura l’hanno già massacrata abbondantemente… Sarebbe interessante capire se l’Inpgi si salverà cancellando i 40 anni di contributi senza età, chi ha fatto i calcoli? E senza calcoli e proiezioni che indichino i risparmi ottenibili, come potranno dar credito alla riforma i ministeri? Mi sa che con l’ennesima riforma si protrae l’agonia di un ente previdenziale alla frutta che non sa più che pesci pigliare.

  2. Giuseppe Cipriani | 25 settembre 2016 ore 12:19 | Rispondi

    Torno sull’argomento riforma per chiedere all’Inpgi e ai rappresentanti di Puntoeacapo che vi fanno parte, e sono compartecipi della riforma stessa, se è possibile conoscere i numeri della stessa…
    In particolare sarebbe interessantissimo sapere quanti colleghi usufruirebbero nei prossimi mesi e nei prossimi anni della pensione con 40 anni di contributi indipendenti dall’età anagrafica.
    Sono convinto, fino a prova contraria, che siano quattro gatti e che non influirebbero sullo stato delle cose, sul bilancio dell’istituto.
    Ho a sensazione che per pronarsi ai rappresentanti del governo si stia allestendo una riforma niente affatto equa, si continua infatti a mantenere in vita contribuzioni al di sotto dei 40 anni legate ai 62 anni, mentre i precoci come me che ai 40 arriverebbero anche prima sono esclusi dal privilegio di essere in Inpgi, se di privilegi si può ancora parlare.
    Resto in attesa dei numeri, ne abbiamo diritto tutti quanti.
    La riforma fatta alle spalle dei giornalisti e senza numeri giustificativi non potrà ritenersi equa e tanto meno potrà essere valutata dai ministeri competenti che la approverebbero all’oscuro anch’essi, solo perché ha dato qualche bella scossa adeguandosi alla riforma Fornero che danni ne ha fatti già abbastanza. Amen

    • Hai perfettamente ragione. Li abbiamo chiesti, richiesti e continueremo a chiederli sino alla fine. Inutilmente. Tieni anche presente però che sulla questione di anzianità si gioca la partita della approvazione della riforma da parte dei ministeri. Non dimenticare che la Fornero prevede l’anzianità a prescindere dall’età con 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41,10 per le donne.

      • Giuseppe Cipriani | 25 settembre 2016 ore 19:17 | Rispondi

        Ho chiesto trasparenza sui conti della riforma proprio oggi alle e-mail del presidente e del direttore generale dell’Inpgi.
        Vediamo se rispondono, almeno per interposta persona. Che una riforma che verrà giocata tutta sulle spalle dei giornalisti che lavorano, e che dovranno lavorare ben più a lungo di quanto previsto fino a oggi, per forza di cose deve essere trasparente, senza giochetti sottobanco, senza patti scellerati per tirare avanti ancora un pochetto… Attendiamo i numeri del risparmio per sapere quanto l’ente in questione tirerà avanti con le proprie forze!

  3. Sono tra i fortunati che hanno sempre lavorato senza interruzione e nella media della categoria credo di potermi definire un «lavoratore precoce»: sono nato nel 1960, ho iniziato lavorare a 18 anni e ne ho già 38 alle spalle (tutti in Inpgi, avendo pagato un’onerosa ricongiunzione).
    Ma a quanto pare quello che doveva essere un punto a mio favore si sta rapidamente tramutando in una iattura!

    Con questa riforma si verifica la situazione assurda per cui chi è nato il 31 dicembre 1959, e compie quindi 57 anni a quella data, potrà andare in pensione con un periodo lavorativo compreso tra i 35 anni (con penalità) e i 40 anni, e chi invece è nato il giorno successivo, il 1° gennaio 1960, trova immediatamente l’asticella alzata di 5 anni, anche nel caso in cui sia vicinissimo alla meta, come nel mio caso. Un solo giorno di differenza può valere 10 anni di lavoro e di versamenti in più!

    Andrò in pensione nel 2022 con 62 anni di età e 44 (quarantaquattro!) di lavoro e versamenti. E questo dopo aver già visto uscire di scena frotte di colleghi con molto meno di 40 anni di lavoro, molti anche con soli 20-22 anni grazie alle norme sugli stati di crisi. Devo proprio pagarla io la loro pensione? Alla faccia della solidarietà!

    Il nostro sindacato non può avallare simili disparità! È assolutamente indispensabile trovare una formula che consideri, oltre che l’età anagrafica, anche gli anni lavorati e i contributi versati, e che con una giusta gradualità in uscita venga tutelato anche chi ha iniziato presto a lavorare.

    In questo senso credo che almeno quello di poter andare in pensione con 40 anni di lavoro indipendentemente dall’età sia un punto da tenere assolutamente fermo.

    Silvio Caltran

    • Silvio, siamo assolutamente d’accordo con te. Come Inpgi Futuro i consiglieri di opposizione Carlo Chianura e Paola Cascella hanno avanzato la proposta di mantenere almeno per un periodo transitorio la regola delle pensioni con 40 anni di contributi a prescindere dall’età. Purtroppo c’è insensibilità da parte della maggioranza su questa misura che sarebbe equa e a nostro avviso non molto costosa. A questa nostra tesi si oppongono però le valutazioni dell’attuario. Cercheremo fino all’ultimo di far prevalere questa proposta.
      Tieni anche presente però che sulla questione di anzianità si gioca la partita della approvazione della riforma da parte dei ministeri. Non dimenticare che la Fornero prevede l’anzianità a prescindere dall’età con 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41,10 per le donne.

  4. Oltre alla sacrosanta questione dei 40 anni (che secondo la riforma dal 2019 saranno quasi sicuramente di di più come come saranno necessari più di 62 anni), Puntoeacapo si dovrebbe attivare anche per un’altra questione: oggi il costo minimo previsto per la prosecuzione volontaria del versamento dei contributi costa oltre 10.000 euro all’anno, una cifra enorme per chi è rimasto senza lavoro. Visto che dal 1° gennaio 2017 il calcolo della pensione sarà solamente contributivo, si potrebbe pensare anche ad un versamento volontario ridotto (tanto: meno verso meno prenderò).
    Con l’attuale situazione del mondo dell’informazione e la riforma così com’è, buona parte dei giornalisti oggi cinquantenni tra pochi anni non avranno né lavoro né pensione, né la possibilità di versarsi volontariamente i contributi.
    Mi piacerebbe conoscere l’opinione di Puntoeacapo in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre − 2 =