SKY CHIUDE LA SEDE DI ROMA: UNA CRISI ANNUNCIATA. Diario di bordo – Settimana 1

 

Opporsi con fermezza a un piano che stravolgerebbe la vita di 600 famiglie e che sradicherebbe Sky TG24 dal contesto in cui è nato e si è sviluppato, oppure tenere aperta la porta al dialogo con l’editore e puntare a ottenere le migliori condizioni possibili?

Questo è l’interrogativo di fondo su cui i lavoratori della sede di via Salaria di Sky si stanno arrovellando da lunedì 16 gennaio, giorno in cui l’ad Andrea Zappia ha illustrato ai sindacati – nello specifico i rappresentanti nazionali di Cgil, Cisl e Uil e il cdr di Sky TG24 – il “piano di trasformazione di Sky Italia”v

Tra Roma, Milano e Cagliari, 310 trasferimenti e 200 esuberi: questi i numeri annunciati finora. Nello specifico, per la sede di Roma via Salaria sarebbero in programma 300 trasferimenti e 120 esuberi; per la sede di Milano 80 esuberi; per la sede di Cagliari 10 trasferimenti su Milano.

Sono evidentemente i dipendenti romani quelli che subirebbero il maggior impatto in termini di ricadute occupazionali e condizioni di vita. Su Roma, infatti, il telegiornale di Sky manterrebbe una presenza limitata, in “una nuova sede, con un nuovo studio, molto centrale”, nella quale troverebbero spazio la redazione politica e una nuova redazione, denominata “centro Italia”.

Anche se il piano aziendale non lo mette nero su bianco, il cdr e successivamente anche il direttore Sarah Varetto hanno riferito di un numero complessivo pari a circa 8-12 giornalisti da destinare alla nuova sede di Roma centro (in aggiunta ai 15 colleghi già impiegati nella redazione politica). Quanto agli esuberi, sui 120 complessivi previsti per i dipendenti romani, circa 12 dovrebbero riguardare il personale giornalistico.

Nel piano di riorganizzazione aziendale si parla della necessità di “eliminare le attività obsolete e ridurre la frammentazione geografica delle attività e le conseguente duplicazioni, concentrando gli investimenti in infrastrutture tecnologiche presso l’hub di Milano Santa Giulia”.

Si noti bene che nel piano non si accenna mai in modo esplicito alla necessità di ridurre i costi; al contrario, si fa genericamente riferimento alla necessità di far fruttare “gli ingenti investimenti che l’azienda ha già realizzato a Milano”. Di qui “appare chiaro”, prosegue il ragionamento di Zappia, che “non è più sostenibile mantenere la nostra presenza a Roma nelle dimensioni attuali”.

L’azienda annuncia di voler “affrontare e possibilmente condividere con i rappresentanti dei lavoratori le scelte più corrette nella gestione degli esuberi e a supporto degli eventuali trasferimenti da proporre alle persone coinvolte”. E promette di essere “pronta a mettere a disposizione numerose azioni per mitigare gli impatti del piano sulle persone, incluse concrete opportunità di ricollocazione professionale”.
Quanto alle tempistiche, nel piano non se ne fa menzione, ma nei colloqui con i sindacati l’azienda ha annunciato l’intenzione di voler completare l’operazione entro fine 2017.

Lavoratori e giornalisti hanno manifestato da subito la propria netta contrarietà al piano. I giornalisti, in particolare, hanno proclamato uno stato di agitazione (che si sostanzia nell’indisponibilità allo straordinario e al richiamo da ferie, corte e riposi) e dato mandato al cdr per un pacchetto di 4 giorni di sciopero.

Questi i fatti fino ad oggi. E ora, qualche domanda.

La partita che si è aperta lo scorso lunedì 16 gennaio si preannuncia evidentemente lunga e difficile. Molti aspetti peraltro sono ancora poco chiari: l’azienda ritiene davvero di poter contare sulla disponibilità dei lavoratori a intraprendere un percorso negoziato, oppure è già sicura che il “clima” non consentirà alcuna trattativa e si appresta ad aprire la procedura dei licenziamenti collettivi a stretto giro? E poi: qual è il vero significato di questo piano?

Dietro la “maschera” dei trasferimenti forzati non si celerà forse l’intenzione di arrivare a un numero di esuberi ben superiore a quello annunciato? E infine, qual è la ratio di spostare a Milano, dopo 14 anni di attività, un telegiornale che fin dalla prima edizione nel 2003 va in onda da Roma e che, nella Capitale, ha costruito la sua credibilità dimostrando di essere un protagonista del panorama informativo italiano? Sky crede ancora nella valenza di un telegiornale all-news? O forse questo piano di trasformazione è solo un primo passo verso un più generale e radicale riassetto della proposta informativa di Sky in Italia?

Nelle prossime puntate di questo diario di bordo continueremo a raccontare dall’interno il travaglio e gli interrogativi che attanagliano i giornalisti e i lavoratori di Sky.

(1 – continua)

* L’autore (o l’autrice) è giornalista di Sky

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 + nove =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.