SKY, LA PROTESTA ARRIVA IN PIAZZA MA CERCA UNA STRADA – Diario di bordo, settimane 3-4

 

di Bartleby*

 

Il piano di trasformazione di Sky Italia si è svelato per quel che realmente è: un massiccio programma di esuberi, in parte dichiarati e in parte mascherati sotto la dicitura “trasferimenti”, che ha l’unico scopo di ridurre drasticamente il perimetro occupazionale tutelato dall’articolo 18.
I numeri, innanzitutto: compresi gli undici esuberi e i circa cento trasferimenti già annunciati tra i giornalisti di Roma, si prevedono complessivamente 194 esuberi e 378 trasferimenti, per un totale di ben 572 dipendenti coinvolti tra le varie sedi.

Numeri messi nero su bianco su un foglio distribuito durante l’incontro di lunedì 6 febbraio, che ha visto seduti al tavolo da un lato la Vice President Risorse Umane Francesca Manili Pessina e i responsabili di settore, dall’altro le RSU di tutte le sedi (Roma, Milano, Cagliari) e i sindacati territoriali.

Un piano di trasformazione che si trasforma strada facendo: dal 70% di personale impattato dal piano, secondo quanto era scritto in quella che finora rimane l’unica comunicazione ufficiale, la mail interna dell’ad Zappia, si è passati infatti a una percentuale che rasenta l’85%. Senza che per questo incremento sia stata addotta alcuna giustificazione. Niente male come inizio di una eventuale trattativa, non c’è che dire.

Martedì 7 febbraio, assemblea dei lavoratori: i sindacati spiegano che durante l’incontro l’azienda ha candidamente ammesso che Sky ha tutta l’intenzione di continuare ad assumere, nonostante gli esuberi previsti dal piano (come peraltro ha fatto nel 2016, circa 150 assunzioni a tempo indeterminato).

La logica è chiara: fuori i dipendenti costosi e tutelati, dentro nuovi contratti a personale giovane sottopagato stile jobs act. Ha comunicato altresì che alcune attività saranno esternalizzate, come ad esempio Skynet. Non solo: Manili Pessina, spiegano i sindacati, fa fatica anche solo a pronunciare la parola “esuberi”. Per lei sono “uscite spontanee”. L’azienda – concludono – punta a un accordo: in caso contrario, ci sono i presupposti per aprire la procedura di mobilità.

“Sky Italia – sottolineano in una nota unitaria i sindacati, chiedendo l’intervento delle istituzioni – è una società che fa utili e che non sta pensando di ridimensionare l’attività. Anzi, per stessa ammissione della direzione del personale, proseguirà in investimenti e assunzioni. Quindi è inaccettabile – osservano – un’operazione di tale portata sul personale”.

Mercoledì 7 febbraio, sciopero nazionale di 24 ore di tutte le sedi Sky e presidio davanti Montecitorio. La piazza pian piano si riempie di cartelli e striscioni con scritte che vanno dallo scontato “No ai licenziamenti, no ai trasferimenti” a slogan più creativi come “Sky ti sorprende sempre” o “Sky ti fa il trasloco”. Fischietti, trombette, cori improvvisati, tante telecamere. Sorprendentemente, in piazza ci sono tanti giornalisti, benché non avvisati dal Cdr, che si era limitato a comunicare l’indizione dello sciopero senza informare del presidio davanti Montecitorio. Strano… E poi tanti colleghi di altre testate che portano la loro solidarietà.

La politica si muove. Dopo la mozione del Consiglio regionale, che ha impegnato il presidente Zingaretti a coinvolgere la sindaca Raggi per portare la vertenza all’attenzione della politica nazionale e ha anche promesso di mettere in campo investimenti per convincere Sky a mantenere in vita la sede romana, si susseguono gli incontri e le iniziative, anche dei singoli, i tentativi informali di coinvolgere Palazzo Chigi e il presidente del consiglio, finora senza esito apparente… Una delegazione di lavoratori e giornalisti viene ricevuta dal presidente della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano, che promette di fare pressione sul governo. Insomma, qualcosa si muove nel mondo della politica ma…

C’è il problema dei tempi: l’azienda fa pressione sul Cdr, vuole costringerlo a sedersi al tavolo con la lusinga degli incentivi (all’uscita e al trasferimento) e con la minaccia di procedere con le convocazioni individuali dei giornalisti, che, si teme, cederebbero immediatamente: “ti conviene accettare, adesso i soldi sul tavolo ci sono, un domani chissà…”.

I tempi della politica sono altri, infinitamente più lenti: Raggi è troppo impegnata con le beghe interne ai Cinquestelle e con lo stadio della Roma, il governo Gentiloni è nato geneticamente debole, la classe politica nazionale non è all’altezza delle sfide.

Che fare? Qui non siamo alla Rai, dove basta uno starnuto dell’Usigrai per fermare lo spostamento di un solo giornalista. No, qui a Via Salaria non siamo sul piede di guerra: prevale lo scoramento, la frustrazione, la disillusione, anche la rabbia, certo, ma soprattutto un senso di ineluttabilità.

D’altra parte, siamo una redazione dove due anni fa si è accettato di pagare in parte di tasca nostra (4000 euro spalmati su due anni) per la stabilizzazione di una dozzina di colleghi precari che avevano tutti i titoli per essere messi in regola dall’azienda. Siamo quelli che qualche anno fa hanno accettato senza sollevare un sopracciglio lo smantellamento della redazione sportiva. Siamo quelli che dopo la nomina del direttore Varetto hanno bocciato in assemblea la richiesta di un piano editoriale.

E allora, che fare? Il tempo della decisione incalza. Ci vorrebbe un esperto di strategie sindacali o di relazioni industriali… Accettare di sedersi al tavolo, iniziare a scoprire le carte dell’azienda su incentivi, misure di mitigazione e quant’altro, chiedere un piano editoriale e industriale, insomma provare a giocarci la partita con le nostre deboli forze, rischiando però di pregiudicare la compattezza dei lavoratori e anzi aprendo un varco pericoloso in cui l’azienda avrebbe gioco facile a insinuarsi. Oppure provare a resistere, per dare tempo alla politica di fare pressione su Sky, rischiando però che l’azienda decida di aprire la procedura di mobilità e riprenda la via della trattativa privata e degli accordi individuali. Che fare?

(3 – continua)

*L’autore (o l’autrice) è giornalista a Sky

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × quattro =