INPGI, QUEGLI ISPETTORI CON I POTERI DIMEZZATI DAL GOVERNO

 

di Gabriele Testi*

Non c’è davvero pace per l’Inpgi, fra mille lacci e lacciuoli alla perenne ricerca di un difficilissimo equilibrio aritmetico fra entrate contributive, da un lato, e uscite per prestazioni assistenziali e previdenziali, dall’altro.
L’ultima tegola, benché in forma indiretta, si è abbattuta con l’inizio del 2017 sul servizio ispettivo dell’ente, diretto dall’avvocato Fabio Soffientini, ultimo baluardo contro la deregulation nel mercato del lavoro giornalistico.

I funzionari di vigilanza dell’ente di via Nizza, cui va il merito di avere storicamente contestato a molte aziende l’impiego di lavoratori formalmente inquadrati come “autonomi” e in realtà “de facto” dipendenti, hanno infatti subìto una sorta di “degradazione” figlia della nascita dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, fortemente voluta dal ministro Giuliano Poletti.

Il nuovo INL, nell’intento di accorpare gli ex funzionari di vigilanza di Inps e Inail agli ispettori del lavoro in capo alle Direzioni territoriali del Ministero e di omologarne funzioni e prerogative, ha infatti attribuito anche ai primi la più incisiva qualifica di “ufficiali o agenti di polizia giudiziaria”.

L’articolo 55 del Codice di Procedura penale stabilisce che “la polizia giudiziaria deve, anche di propria iniziativa, prendere notizia dei reati, impedire che vengano portati a conseguenze ulteriori, ricercarne gli autori, compiere gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant’altro possa servire per l’applicazione della legge penale”. La medesima normativa, al comma 2, afferma inoltre che essa “svolge ogni indagine e attività disposta o delegata dall’autorità giudiziaria”.

Accade così che gli unici ispettori incaricati di vigilare sul rispetto della legislazione sociale del lavoro e previdenziale rimasti con la semplice qualifica di “pubblici ufficiali”, dunque con un ridotto potere di intervento, soprattutto se paragonato a quelli del nuovo Ispettorato nazionale del Lavoro, sono rimasti i funzionari di Inpgi e Enasarco, rispettivamente per le categorie dei giornalisti e degli agenti e rappresentanti di commercio.

Possibile che il controllo sulla regolarità delle posizioni assicurative e, in ultima istanza, contrattuali di due sole tipologie di lavoratori sia affidato a personale dotato di facoltà limitate rispetto a quello che vigila sulla generalità dei prestatori d’opera? Che cosa aspetta il Governo a creare nuovi “ufficiali o agenti di polizia giudiziaria” all’interno del personale Inpgi ed Enasarco, parificandone le funzioni con i colleghi dell’ INL?

Non soltanto: questa difformità nella logica dei controlli è in linea con il rango attribuito dagli articoli 36 e 38 della Costituzione della Repubblica all’equa retribuzione e all’effettività dei trattamenti di quiescenza?

 

* Sindaco supplente Inpgi 1 con Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × 2 =