PUNTOEACAPO, DALLA COMMEDIA CASAGIT ALTRI BUONI MOTIVI PER RESTARE FUORI DA QUESTA FNSI

 

 

Come è possibile vincere le elezioni per il rinnovo dei vertici Casagit, con tutti e 14 i candidati eletti nelle prime posizioni sui 20 della quota che spetta al Lazio, e restare poi fuori dal consiglio di amministrazione?

E’ possibile ricevere la fiducia di centinaia di colleghi e rimanere esclusi dalla stanza dei bottoni dove si decide come deve funzionare la Cassa e come dovrà trasformarsi per continuare ad assistere i giornalisti nel momento della malattia?

Sì, è possibile, ed è successo. L’assemblea del 4 luglio a via Marocco ha rinnovato il consiglio di amministrazione e Puntoeacapo, che con la lista Casagit Per Te aveva fatto il pieno di voti nella regione con più iscritti d’Italia, è restata fuori dal cda. E quanto è accaduto viene compensato, certo, ma non completamente, dal netto successo riscosso dalla nostra formazione nel collegio dei sindaci.

Da tempo diciamo che anche il meccanismo elettorale della Casagit avrebbe bisogno di una seria revisione. Perché sembra riproporre in microscopio quello che è successo nelle elezioni Usa, quando la Clinton è stata la più votata dagli americani, ma quando poi la parola è passata ai delegati è stato Trump a diventare presidente.

In realtà il meccanismo elettorale americano ha certo molto più senso rispetto a quello esistente in Casagit, dove i due terzi degli iscritti sono in Lombardia e nel Lazio. E un terzo, solo un terzo, in tutte le altre regioni messe insieme. Si dà il caso però che Roma e Milano eleggano solo 39 delegati (20 Lazio, 19 Lombardia) degli 80 complessivi. E’ il meccanismo delle quote, tanto vituperato dalla maggioranza quando si tratta di introdurre garanzie sulla rappresentanza di genere, quanto difeso con i denti quando si tratta di rappresentanza federale.

Puntoeacapo difende il diritto di tutti ad avere voce e non ci sogniamo proprio di cancellare lo spazio delle regioni più piccole. Ma da sempre sosteniamo che dei correttivi sono necessari, per evitare che siano le regioni con meno iscritti (anche alla Fnsi) a decidere per tutti, tagliando fuori Milano e Roma, proprio in barba al principio della rappresentanza.

Un meccanismo elettorale da cambiare, che la Fnsi difende a spada tratta, in Casagit come in Inpgi. Perché le permette di continuare a comandare negli enti anche quando la sua credibilità oltre che la sua rappresentanza è ridotta ai minimi come di questi tempi.

Ma il 4 luglio è successo anche dell’altro, che ha condizionato l’esito della votazione. Il segretario Raffaele Lorusso, invitato come sempre alle assemblee Casagit insieme ai rappresentanti di Inpgi, Ordine e Fondo integrativo, è arrivato all’apertura dell’assemblea. Invece di portare un saluto, come previsto dalla scaletta, all’inizio dei lavori, ha preso la parola alla fine, con il chiaro obiettivo di dettare la linea. Anche quando dalla platea è stata fatta notare senza mezzi termini la scorrettezza, il segretario non se n’è dato per inteso. Proprio come chi non si sente un ospite, ma un padrone.

E il messaggio è stato chiaro: non votate per chi si è permesso di criticare il sindacato. Non votate per i candidati di Puntoeacapo. Una prova muscolare, insomma, peraltro fallita a metà grazie ai risultati del collegio dei sindaci.

Una chiamata alle armi verso chi si è messo di traverso all’andazzo corrente fino a rinunciare alla tessera Fnsi, perché da questa federazione non si sente rappresentato. Quella del 2014 è stata una scelta estrema, sofferta, per tutti noi che nel sindacato abbiamo sempre creduto e continuiamo a credere. Ma per stare insieme bisogna ascoltarsi e rispettarsi. Per ora abbiamo visto solo una prova muscolare.

Vedere la Fnsi all’opera il 4 luglio conferma la giustezza di quella nostra analisi e allontana ancora di più una pur remota possibilità di riannodare i fili spezzati.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro × due =