INPGI, ASSEMBLEA DEGLI INQUILINI ROMANI SULLE DISMISSIONI: “SERVE TRASPARENZA”

di Carlo Patrignani

Rifiuto di acquisto dell’immobile in locazione il cui prezzo di vendita proposto è ritenuto eccessivo. Scarsa credibilità e trasparenza sull’operazione di dismissione, avviata un anno fa e giunta alla terza tranche, del patrimonio immobiliare decisa dall’Inpgi.

Queste le due tendenze emerse in un’affollatissima assemblea autoconvocata di oltre 200 inquilini, in particolare di via dei Giornalisti a Roma, interessati all’operazione dismissione, svoltasi il 5 ottobre in una sala del Don Orione con tanti presenti che non sono riusciti a trovare posto.

“Nella lettera con la proposta di vendita, ricevuta dagli inquilini dei primi stabili, non sono chiari i criteri di valutazione del valore degli immobili – si legge nella nota di convocazione dell’assemblea – perchè il prezzo risulta indicato a corpo e non a misura. Per questo alcuni inquilini si sono rivolti a uno studio di avvocati, a titolo informativo, per conoscere diritti ed eventuali margini di trattiva”.

Nella lettera è stata acclusa “la proposta commerciale di Investire Sgr – società cui l’Inpgi ha dato il mandato alla vendita degli immobili – ricevuta dal sindacato inquilini e ritenuta superiore al valore medio indicato dall’Omi (Agenzia delle Entrate)”.

Della spinosissima questione si è occupato anche il Comitato giornalisti inquilini, secondo il quale, “i prezzi risultano sempre esorbitanti”. Finora – precisa il Comitato – “la Sgr Investire ha versato all’Inpgi come rimborso parziale per le vendite effettuate delle prime due tranche 34 milioni (a novembre sono attesi altri 22 milioni…). Ci sembra il fallimento largamente previsto della dismissione, oltre che la riprova che i prezzi sono abbondantemente fuori mercato”.

Durante l’incontro è stata ancora una volta denunciata la presenza sia di studi tecnici esterni per la misurazione dei metri quadri dei singoli immobili, sia di svariate agenzie immobiliari tramite tra il Fondo Immobiliare e gli inquilini delle case Inpgi. Con il risultato che l’istituto paga le commissioni a Investire Sgr, all’agenzia immobiliare e agli studi tecnici esterni. “Non potevano essere soldi che venivano scontati – hanno reclamato in tanti all’assemblea – all’inquilino?”. Magari affidando questi compiti all’ufficio immobiliare dell’Inpgi.

In molti nei loro interventi, ironicamente ma non tanto, nel ribadire il rifiuto di acquistare per l’elevata richiesta l’immobile in locazione, hanno chiesto: Inpgi e Investire Sgr perchè non dicono quanti appartamenti sono stati venduti sul libero mercato. Dieci? Venti? Di più, di meno?

Altra stortura messa in risalto, riguarda la fretta impressa agli inquilini che non aderiscono alla proposta d’acquisto a sottoscrivere il nuovo contratto d’affitto di 8 otto anni, il 6+2, di cui peraltro possono prendere visione solo in sede, nell’agenzia immobiliare affidataria, e non prima.

Tutto ciò in un contesto di calo del mercato immobiliare – i prezzi sono scesi del 30-40% e gli affitti del 15-20% – mentre i canoni Inpgi sono viceversa continuamente aumentati tanto da essere spesso superiori a quelli di mercato.

“Continuiamo la nostra battaglia a difesa dei diritti degli inquilini giornalisti e di tutti gli inquilini e a difesa degli interessi del nostro Istituto di previdenza: dipende da ciascuno di noi. Visti i “miracoli” dei canoni e ciò che è accaduto negli ultimi anni e negli ultimi mesi non deleghiamo nessuno a rappresentarci”, conclude la nota del Comitato giornalisti inquilini.

Entro un mese, forse anche meno, torneranno a rivedersi gli autoconvocati il cui obiettivo è “capire quanti tra gli inquilini interessati a comprare sarebbero anche interessati a avviare una trattativa collettiva sul prezzo di vendita”.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


cinque × 2 =