INPGI, IL MINISTERO CHIEDE MA L’ISTITUTO NON CAMBIA LE REGOLE SUGLI IMMOBILI

di Gianni Dragoni*

L’Inpgi ha dovuto modificare il nuovo “Regolamento degli investimenti mobiliari” che era stato approvato dal consiglio di amministrazione il 21 luglio 2016. Avete letto bene, era stato votato solo 14 mesi fa, ma è stata necessaria una nuova delibera per correggerlo.

Questo perché la Commissione di vigilanza sui fondi pensione (Covip) ha fatto delle osservazioni e i ministeri vigilanti, il Lavoro e l’Economia, hanno chiesto delle integrazioni.

Il parere Covip è del 14 febbraio 2017, quello del ministero dell’Economia del 31 maggio. Il tutto è stato recapitato ufficialmente all’Inpgi il 25 luglio 2017, con una nota del ministero del Lavoro, firmata dal direttore generale per le politiche previdenziali, Concetta Ferrari. La materia è stata portata all’esame della commissione Bilancio il 26 settembre e del cda il 27 settembre. E’ lì che i rappresentanti di Inpgi Futuro ne sono venuti a conoscenza. Le modifiche sono state approvate all’unanimità.

Correzioni formali

Le modifiche richieste riguardano soprattutto “interventi formali” – hanno spiegato gli uffici dell’Inpgi – per correggere ripetizioni o parti “formulate in modo non sufficientemente chiaro”. Inoltre sono state riscritte disposizioni su procedure “ritenute eccessivamente dettagliate sul piano operativo”. Queste verranno adottate con “manuali operativi” e “documenti di policy aziendale”.

La questione immobili

C’è un terzo punto, più di sostanza, sul quale c’è stata discussione in commissione Bilancio e nel cda. Il ministero del Lavoro ha detto che “si rende, inoltre, necessario” che l’Inpgi “integri il documento in esame, includendo anche la componente immobiliare, al fine di dare una più completa e chiara disciplina all’intera gestione del proprio patrimonio”. Bisogna ricordare che il Regolamento riguarda solo gli “investimenti mobiliari”, cioè l’acquisto di titoli, ma non gli immobili.

L’Inpgi non compra direttamente obbligazioni, Btp o azioni, ma acquista quote di fondi comuni d’investimento. Tra i fondi, monetari, obbligazionari, azionari, c’è anche il Fondo Giovanni Amendola, interamente di proprietà dell’Inpgi, ma gestito da una società esterna, Investire Sgr, che è controllata da Banca Finnat.

Quasi tutto il patrimonio immobiliare dell’Inpgi è stato riversato nel Fondo Amendola, con i conferimenti decisi dal cda e fatti dal 2013 in poi, ogni anno. L’ultimo apporto è stato fatto nel giugno scorso. Secondo i dati sul patrimonio della gestione principale (Inpgi 1) al 31 agosto 2017, nel portafoglio diretto dell’Inpgi residuano immobili per soli 40,33 milioni, mentre il Fondo Amendola ha un valore di 1.024,9 milioni, rispetto a un valore del patrimonio totale di 1.627,487 milioni.

Oltre a questo, nella gestione separata (Inpgi 2) a fine agosto c’era un patrimonio pari a 576,72 milioni. Di questo, la quota di immobiliare era pari a 74,68 milioni, composto da sei fondi, tra cui 23 milioni del Fondo Amendola.

No alla richiesta del ministero del Lavoro

Torniamo al Regolamento investimenti. La linea dell’Inpgi, illustrata dalla presidente Marina Macelloni e dalla dg Mimma Iorio, è stata di rigettare la richiesta del ministero di estenderlo agli investimenti immobiliari perché “è priva di rilevanza”, in quanto quasi tutto il patrimonio immobiliare è stato apportato al Fondo Amendola. La parte residua dovrebbe essere conferita “tra pochi mesi”.

Nel portafoglio diretto dell’Inpgi – dice il vertice dell’istituto – “è rimasta poca roba, aspettiamo alcune comunicazioni del ministero dei Lavori pubblici e della sovrintendenza, a Venezia e Trieste, perché questa parte venga apportata e sarà trasformata in quote di fondi immobiliari, tra pochi mesi. A fine anno non ci sarà più nulla”.

Secondo Macelloni “il Fondo Amendola rientra pienamente nel Regolamento, perché le quote del Fondo sono titoli mobiliari, non più immobili diretti. Quindi semmai le garanzie aumentano con questo regolamento”.

Inpgi Futuro ha chiesto se non fosse opportuno aderire comunque alla richiesta del ministero, cioè inserire gli immobili nel perimetro del Regolamento investimenti, almeno finché l’istituto avrà immobili di diretta proprietà, o qualora decidesse in futuro di acquistarne altri.

Ma il no è stato netto. In una nota ai consiglieri è stato spiegato che il ministero ha chiesto l’estensione del Regolamento agli immobili perché “non era in grado di conoscere” che l’Inpgi aveva deciso di valorizzare l’intero patrimonio immobiliare.

Abbiamo domandato se l’opposizione alla richiesta ministeriale venga dalla società di gestione del Fondo Amendola, Investire Sgr. Ci è stato risposto che Investire è estranea a questa discussione. L’Inpgi afferma che ci sono stati contatti con la Covip e il ministero del Lavoro e che c’era il loro consenso su questo punto. Alla fine il voto sulle modifiche è stato unanime.

Le novità del Regolamento

Il nuovo Regolamento disciplina i principi di investimento, prevede che ci sia una “Delibera Quadro” del consiglio di amministrazione, un “Documento sulla Politica d’investimento” (Dpi) triennale per ciascuna gestione approvato dal cda, ratificato dal consiglio generale e inviato alle Autorità di vigilanza. Il Regolamento stabilisce le attribuzioni e le responsabilità dei soggetti coinvolti nella gestione del patrimonio: cda, commissione Finanza e bilancio, che ha poteri solo consultivi, presidente, direttore generale, servizio amministrazione e finanza, fino ai compiti del Risk manager esterno.

Tra le novità è previsto che il cda autorizzi “la selezione di un investment advisor”, un consulente per gli investimenti, che oggi non c’è. La commissione Bilancio verificherà almeno ogni due mesi i risultati della gestione finanziaria, la composizione e la rischiosità del patrimonio.

Il presidente, come in precedenza, esercita tra l’altro i diritti di voto derivanti dalle partecipazioni detenute, designa i rappresentanti interni “negli organi di consultazione previsti”, tranne nel Fondo Amendola, nel quale sono designati dal cda.

Rimane in vigore la delibera sugli ampi poteri del presidente

Il Regolamento non tocca gli ampi poteri riconosciuti al presidente dell’Inpgi per gli investimenti e le dismissioni del patrimonio da una delibera del 2012, la numero 38. La delibera (come già riferito in un articolo su Puntoeacapo del 30 giugno 2016) prevede che il presidente possa fare operazioni senza l’approvazione preventiva del cda (basta la ratifica successiva), purché acquisisca il parere della commissione Bilancio o almeno del suo presidente (che oggi è Mauro Lozzi), il quale deve “sentire” i componenti della commissione.

Questa delibera fu approvata quando il presidente era Andrea Camporese ed è rimasta in vigore in questa consiliatura con la nuova presidente Macelloni, “perché non era ad personam”, spiegò la d.g. Iorio alla commissione Bilancio il 30 giugno 2016.

Adesso Inpgi Futuro ha chiesto di nuovo se tale delibera sia in vigore o venga assorbita dal nuovo Regolamento investimenti. Come già l’anno scorso, la d.g. Iorio ha spiegato che “la delibera sui poteri del presidente non perde la sua efficacia finché il cda non la ritira. Non era una delibera ad personam, è pienamente valida finché non viene revocata. E’ evidente che il presidente ha la rappresentanza legale, dà i mandati, quando avremo finito con l’approvazione del nuovo Regolamento potrà essere eventualmente rivista. I poteri potranno essere ampliati o rivisti”.

In attesa dell’approvazione definitiva del nuovo Regolamento investimenti, che tornerà all’esame di Covip e ministeri vigilanti, Inpgi Futuro ha chiesto che per trasparenza venga pubblicato sul sito il regolamento in vigore. Un atto che fu approvato dal consiglio generale il 26 novembre 2009, ma tuttora mancante sul sito Inpgi. Ne chiedemmo la pubblicazione anche il 30 giugno 2016, ma invano.

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, commissione Bilancio

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × tre =