ORDINE, DUE INELEGGIBILI. SUBENTRANO CORSINI E PICCALUGA DI UN ORDINE PER TE

Il ballottaggio era clamorosamente sbagliato e il risultato è da correggere: al Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti entrano solo 6, e non 8, candidati di ContrOrdine e 2 candidati di Un Ordine per te, cioè Paolo Corsini e Marco Piccaluga, in un primo momento erroneamente esclusi dall’elenco degli eletti.

La vicenda – che sarebbe perfino esilarante, se non trasudasse intollerabile sciatteria – è presto detta. La riforma dell’Ordine prescrive che, per essere eleggibile al Consiglio nazionale, il giornalista debba avere una posizione Inpgi attiva, cioè versare i contributi a Inpgi1 o Inpgi2.

Ebbene, due colleghi della Lista ContrOrdine non avevano questo requisito e quindi l’Ordine Nazionale li ha dichiarati ineleggibili: si tratta di Andrea Garibaldi e Marco Mele (sì, quel raffinato signore che mandava in giro sms per accusare la lista concorrente di aver scoperchiato i sarcofagi e mandato le mummie a votare). Quindi, ineleggibili quei due, entrano i primi due non eletti, appunto Corsini e Piccaluga, di Un Ordine per te.

Finita qui? No, perché – mentre sono già partiti i ricorsi – alcune questioni debbono trovare risposta. Al ballottaggio sono infatti ammessi i 16 giornalisti più votati al primo turno: ma questa volta al ballottaggio hanno partecipato 14 giornalisti con i requisiti in regola e 2 abusivi, che hanno evidentemente tolto il posto ad altri 2 colleghi (per intenderci il 17° e il 18° votati al primo turno).

Toccava al vertice dell’Ordine regionale verificare che gli tutti ammessi al ballottaggio avessero i requisiti imposti dalla legge: invece non è stato fatto e così il ballottaggio è stato falsato: sui 16 da inserire, 14 erano giusti, 2 erano abusivi e altri 2 (che ne avrebbero avuto diritto) erano rimasti fuori.

E allora, come se ne esce? Si riconteggiano tutte le schede, e si annullano quelle che portano i nomi dei due ineleggibili? Si rifà il ballottaggio, questa volta con i candidati giusti e ovviamente accollando le spese relative ai responsabili del mancato controllo sulla regolarità delle elezioni?

Quello che è certo è che non si può fare oltraggiosamente finta di niente, con il sito dell’Ordine dei giornalisti del Lazio  che – alle 23,29 del 19 ottobre – ancora dava l’elenco degli eletti sbagliato, lasciando in errore i 4.136 contatti registrati.

Resta purtroppo il dato di fondo: la figuraccia, la plateale superficialità di chi doveva controllare e non lo ha fatto, scatenando un pateracchio tra risibile e avvilente.

Aggiornamento del 20 ottobre 2017

Nel dare notizia della riconferma all’Ordine regionale del Lazio della presidente Paola Spadari, sul sito dell’Ordine si fa, en passant, riferimento al fatto che itra i consiglieri nazionali eletti figurano ora Paolo Corsini e Marco Piccaluga. Senza una parola sul perché ciò sia avvenuto.

 

1 Commento "ORDINE, DUE INELEGGIBILI. SUBENTRANO CORSINI E PICCALUGA DI UN ORDINE PER TE"

  1. Alessandro Feliziani | 20 ottobre 2017 ore 21:00 | Rispondi

    Molto avvilente!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove − 7 =