EX FISSA, L’UOVO DI COLOMBO DELLA UNGP: PROPORRE UN TAGLIO CHE E’ GIA’ AVVENUTO

di Salvatore Rotondo *

Da qualche anno a questa parte sono molto confuso. Mi capita ad esempio di spostarmi in casa per fare qualcosa e di dimenticarmi, una volta raggiunta la stanza dove ero diretto, che cosa volevo fare. O ancora di cercare gli occhiali che ho sulla testa. Ma, e questa è la cosa più grave, non riesco più a distinguere la Fieg dalla Fnsi.

I primi dubbi sulla reale identità della federazione dei giornalisti e quella degli editori li avevo avuti nel 2009, quando mi dimisi dal sindacato con una lettera aperta che iniziava così: “Cari colleghi, l’accordo raggiunto sul nuovo Cnlg è devastante. La Fieg è un gatto affamato dalle unghie e dai denti aguzzi che, dopo averci ignorati per anni e avere ignorato 18 giorni di sciopero, ha invitato nel momento della massima crisi tanti stupidi topolini altrettanto affamati alla sua mensa promettendo di dar loro un po’ del suoi avanzi. Ovviamente li ha fatti a fette. Non gli avanzi. Gli stupidi topolini”.

Ai colleghi che avevano firmato l’accordo attribuivo la responsabilità di aver “accettato di lasciare in ostaggio le nuove generazioni per farne squadre di signorsì. I giovani e i futuri colleghi avranno stipendi al limite del sostentamento e pensioni da fame. E un’unica possibilità per rimediare a questo: piegare la schiena ogni volta che sarà chiesto loro e sbranarsi gli uni con gli altri. Questo il vero risultato politico – oltre alla riduzione dei costi – che la Fieg voleva ottenere. Che triste fine per la nostra categoria!”.

Allora lavoravo. Oggi, a distanza di molti anni sono in pensione e continuo confondere le due sigle. Certo non mi ha aiutato la circostanza che il sindacato dei giornalisti tanto quanto la federazione degli editori abbiano appoggiato a spada tratta il prelievo forzoso sulle pensioni, varato illegalmente dall’Inpgi con un provvedimento amministrativo. E non mi ha aiutato constatare che sul fronte della ex fissa i colleghi che hanno fatto causa agli editori abbiano trovato nei tribunali la Fnsi schierata al fianco della Fieg.

Ma l’altro giorno è venuto in mio soccorso Giuseppe Sgambellone, presidente dell’Unione pensionati del Trentino Alto Adige, che appare in una fotografia sul sito dell’Ungp, mentre interviene da un palchetto dove campeggia un cartello con la scritta Fnsi. L’immagine accompagna l’articolo che riporta l’intervento di Sgambellone sulla ex fissa. Vale la pena riportare una frase che è stata decisiva nel risolvere finalmente i mie dubbi su quale sia il ruolo della Fieg e quale della Fnsi.

Eccola: “….viste le attuali difficoltà del fondo, va rilanciata la proposta – mai portata ufficialmente alla luce ma formulata anche in uno studio dell’attuario – di riscuotere il credito in tempi certi (3-5 anni) con una sensibile decurtazione dell’importo dovuto. E’ chiaro che l’adesione a un simile scenario dovrà avvenire su base volontaria. In questo contesto LANCIO UN’IDEA che forse può servire a limitare i danni e aiutare la nostra categoria nel suo complesso. FATTO 100 IL MIO CREDITO, IO ACCETTO DI INCASSARNE AD ESEMPIO 50 ma l’altro 50 non può essere tutto condonato agli editori. Una quota significativa (3%, 5%, 10%) dovranno versarla in un fondo tipo quello alimentato dagli attivi con la trattenuta di 5 euro al mese, oppure per sgravi contributivi per nuove assunzioni, ammortizzatori sociali e simili. Sarebbe questo un modo concreto per attuare ancora una volta la solidarietà intergenerazionale fra giornalisti. E respingere tutti insieme, pensionati e attivi, il sottile ricatto degli editori”.

Sgambellone ha un’idea brillante: “rilanciare” la proposta “mai portata alla luce” di rinunciare al 50 per cento della ex fissa. E continua: il 3, 5 o 10% gli editori dovranno versarlo in un fondo di solidarietà intergenerazionale. Più o meno lo stesso ricatto usato per cercare di coartare moralmente i pensionati ad accettare passivamente il taglio illecito sulle pensioni.

Grazie Sgambellone ora non ho più dubbi. Non sono io confuso e che proprio Fieg e Fnsi sono ormai da tempo un indistinguibile Giano Bifronte.

* Comitato No.Prelievo, contro il prelievo forzoso sulle pensioni dei giornalisti.

La sapete la differenza tra la Fnsi e la Fieg? Nessuna. E purtroppo non è una battuta

 

 

1 Commento "EX FISSA, L’UOVO DI COLOMBO DELLA UNGP: PROPORRE UN TAGLIO CHE E’ GIA’ AVVENUTO"

  1. Caro Salvatore, non sei il solo a restare allibito dalla proposta di Sgambellone, il quale, è necessario precisarlo, ha espresso un suo pensiero che non è quello dell’UNGP, Unione della quale faccio parte come componente dell’esecutivo nazionale. Credo che questa precisazione sia necessaria e indispensabile.
    Grazie e a presto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


8 − 3 =