EX FISSA: LE INADEMPIENZE, I DIRITTI TRADITI E LA FINE DELLA PICCOLA PATRIA DEI GIORNALISTI

 

di Carlo Guglielmi *

Puntoeacapo ha meritoriamente reso noto quanto pochi sapevano.

Con due accordi segreti (del 4 ottobre 2016 e del 6 aprile 2017) la Fieg e la Fnsi hanno azzerato gli interessi sulla somma dovuta per la ex fissa e hanno varato un meccanismo “paraestorsivo” per condurre gli stessi giornalisti a rinunciare “volontariamente” ad una buona parte della somma (si parla del 50%), schiacciati dal bisogno economico e dalla ragionevole paura che – di accordo in accordo – il credito svanirà ben prima dei 12 anni necessari per la restituzione.

Ed è comprensibile l’indignazione per il contenuto di tali verbali e ancor più per la segretezza degli stessi che squalificano prima chi l’ha decisa e poi chi l’ha perpetrata.

Ma ciò rischia di farci dimenticare che il vero scandalo non attiene a tali accordi peggiorativi, ma a quelli che essi peggiorano e cioè gli accordi del giugno-luglio 2014 con cui un credito allora esigibile e certo è stato trasformato in una mera aspettativa futura ed eventuale.

E parliamo di un credito connesso non a chissà quale privilegio, bensì alla restituzione (ancorché corretta in termini solidaristici) di un pezzo di salario diretto che veniva materialmente tolto dal costo del lavoro di ciascun singolo giornalista e trasformato in salario differito per aiutarlo ad affrontare la perdita del lavoro (auspicabilmente per raggiungimento del trattamento di quiescenza, ma non solo).

Ebbene l’Inpgi ha creduto bene di aggiungere – sulla destra in basso del proprio sito – un riquadro di particolare evidenza con scritto (in minaccioso rosso ombrato su campo bianco) “Ex fissa – Giurisprudenza”. Cliccandolo, si apre una pagina con le 53 sentenze con cui la giurisprudenza ha respinto le richieste dei giornalisti (talvolta con condanne alle spese che raccontano l’evoluzione della cultura giuridica della magistratura meglio di un saggio sociologico).

Ma il dato straordinario è che nessuna sentenza (almeno di quelle lette da chi vi scrive) ha detto che in base agli accordi vigenti fino al luglio 2014 i giornalisti che agivano in giudizio non avessero un credito esigibile e certo verso il Fondo. E nessuna sentenza ha detto che gli accordi sindacali del giugno-luglio 2014 avessero lecitamente cancellato i diritti soggettivi individuali già quesiti come certamente erano, quanto meno, quelli dei giornalisti che a tale data avevano già cessato l’impiego.

Insomma non vi è dubbio che esista un astratto diritto all’adempimento in capo ai giornalisti che hanno agito in giudizio. E non vi è dubbio che gli accordi di cui qui discutiamo siano tutti illegittimi nella misura in cui cancellano diritti già definitivamente entrati nel patrimonio giuridico dei primi (e ciò è affermato apertamente o sottinteso da parte di tutte le sentenze che pure hanno respinto con perdite le sacrosante richieste di pagamento).

Il punto dirimente infatti è semplicemente che di tale obbligo nessuno è responsabile: non lo è l’Inpgi che ha il mero compito di erogare ciò che c’è, non lo è la Fieg che aveva quale compito solo quello di far sì che i propri iscritti pagassero il dovuto contributo mensile dell’1,5% sulle retribuzioni corrisposte, non lo è la FNSI che – poverina – ha fatto ciò che ha potuto per mitigare la sottrazione di ricchezza operata in danno ai propri iscritti.

E allora dobbiamo dire che se non si trovano soggetti giuridicamente tenuti a rispondere dell’obbligazione (ancorché certamente ne esistono chiamabili a risarcire il danno per violazione dell’obbligo di vigilare sulla tenuta del fondo e di intervenire in caso di disequilibrio dello stesso) non per questo non esistono “responsabili” di ciò che è accaduto.

E per trovarli occorre il coraggio di dire che l’unico soggetto che davvero riteniamo senza colpe è proprio la Fieg che ha fatto bene l’interesse degli editori scaricando sulla collettività i costi delle proprie continue ristrutturazioni con migliaia di prepensionamenti (in larga parte estorti grazie a continue casse integrazioni fittizie concordate in pienissima sintonia con i vari CdR e la Fnsi) e con il progressivo crollo sia delle nuove assunzioni che dei relativi salari, facendo così saltare in aria i conti dell’Inpgi e dell’ex Fissa.

Ed è quindi l’ora di prendere atto della vera e propria bancarotta della pretesa di ogni “diversità” della professione di giornalisti, del fallimento della scelta di avere propri strumenti di previdenza ed assistenza, dell’antistoricità di organizzarsi sindacalmente solo tra uguali, come se un grafico editoriale (magari impiegato nella stessa azienda) non fosse impigliato nella stessa catena del valore.

E’ il fallimento finale, cioè, della piccola e ricca Patria dei giornalisti, della convinzione che in pochi si mantengono meglio i maggiori diritti acquisiti nel passato. In pochi si muore, questa è la dura lezione che impartiscono gli accordi che oggi commentiamo, e va appresa in fretta. Nell’organizzazione del lavoro protoindustriale vi era un rapporto di un lavoratore specializzato ogni 10 operai generici impiegati, e l’ordine in azienda veniva tenuto tramite l’alleanza strategica tra gli specializzati e l’imprenditore.

Quando gli specializzati hanno capito che avrebbero ottenuto ben di più alleandosi con i generici è iniziato il secolo del lavoro, ovvero quel lungo periodo in cui è nata la contrattazione collettiva e la previdenza sociale. Ovverosia, la tutela in caso di malattia, infortunio, gravidanza, vecchiaia, disoccupazione involontaria. Ora stiamo rapidamente tornando all’800, ed è quanto mai urgente che gli odierni lavoratori specializzati comprendano la necessità di una nuova alleanza.

* Avvocato del lavoro, consulente di Puntoeacapo Tutela

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 + quindici =