INPGI, CHIANURA: RIFLETTIAMO SE E’ GIUSTO CHE L’ISTITUTO RESTI PRIVATIZZATO

Fonte: bilanci consuntivi Inpgi 2010-2016, bilancio assestamento 2017, preventivo 2018.

di Carlo Chianura *

Dalla presidente dell’Inpgi Marina Macelloni abbiamo ricevuto una relazione al bilancio 2018 puntuale e coraggiosa. Peccato sia tardiva.

Tardiva, intendiamoci, non per responsabilità di una presidente che siede in via Nizza da un anno e mezzo. Diciamo che questa relazione sarebbe stata perfetta otto anni fa, nel 2009. Ma otto anni fa l’Inpgi sedeva a un tavolo triangolare assieme a Fnsi e Fieg, con pari diritti e dunque pari responsabilità.

A quel tavolo contrattuale del 2009 fu concordato il de profundis di questa professione – è agli atti – perché si teorizzò che sarebbe stato sufficiente il sostegno dello Stato ai prepensionamenti per uscire dalla crisi e ristrutturare il mercato del lavoro. Sappiamo come è andata a finire.

Stupisce poi in Cda ascoltare analisi di chi parla oggi di redazioni sguarnite, di compensi insignificanti ai collaboratori, di necessità di un contratto di lavoro di inclusione. Quasi che a pronunciare queste analisi siano passanti che non hanno avuto incarichi di responsabilità in tutti gli enti della categoria.

La presidente ci chiede in questa fase difficile della vita dell’istituto una comune assunzione di responsabilità. Ritiene che il Cda, tutto il Cda, sia “il motore” di un possibile salvataggio. Certo, resta da capire come si infila la chiave nell’auto che contiene questo motore. A che cosa pensa la presidenza quando rivolge questo appello? Spero non al famoso coordinamento degli enti di categoria – Inpgi, Casagit, Fondo complementare, Ordine, coordinati dalla Fnsi – giacché è noto che tante debolezze non fanno una forza.

Piuttosto noto un primo dato di fondo in questa situazione: l’assenza del governo, della Presidenza del Consiglio in particolare. Quasi un disimpegno e lo dico non per spirito polemico ma con profonda preoccupazione, visto che a Palazzo Chigi c’è una parte preponderante di quel motore che si deve rimettere in azione.

Se dovessi qui indicare delle strade che secondo me vanno percorse, ne individuo almeno due. La prima, come ha sottolineato il rappresentante del ministero del Lavoro, è il tentativo di ampliare la base contributiva. La seconda, quella di riflettere su modifiche allo status giuridico di un ente privatizzato dal 1994. Non è il caso che io entri nel merito ora di questo argomento: mi limito solo a dire che chi volgarizza con spirito corrivo e superficiale questo tema – riducendo tutto all’alternativa rientrare o non nell’Inps – non è amico di una riflessione responsabile su questo argomento.

In conclusione, ritengo che quello alla condivisione in questo momento sia un appello estemporaneo, con premesse condivisibili e conclusioni non identificabili più che sbagliate.

Se il messaggio è quello di lavorare per salvare l’istituto noi siamo a disposizione su un serio e responsabile cammino per il futuro. Ma è chiaro che oggi deve essere segnato ancora il nostro dissenso sul bilancio, non solo e non tanto per i contenuti, quanto per testimoniare all’interno e all’esterno dell’istituto che c’è un gruppo di persone che da anni segnala – inascoltato – una situazione di crisi e che questa crisi è sempre, drammaticamente, più grave.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro, portavoce di Puntoeacapo

Sintesi della dichiarazione di voto contrario sul bilancio di assestamento 2017 e sul bilancio di previsione 2018 al Cda Inpgi del 26 ottobre 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sedici + 2 =