INPGI, NEL 2018 UN ROSSO DI BILANCIO STIMATO A 163 MILIONI. NETTO CALO DEL PATRIMONIO

di Gianni Dragoni *

Diamo uno sguardo complessivo alle plusvalenze di carta che sono state generate, a partire dal 2013, con l’apporto degli immobili al Fondo Amendola.

Nei quattro anni dal 2013 al 2016 l’Inpgi ha dichiarato nei propri bilanci plusvalenze da conferimento immobili per complessivi 372,3 milioni. Come abbiamo già notato in precedenti articoli, negli stessi anni la gestione previdenziale e assistenziale dell’Inpgi si è chiusa sempre in perdita, con un passivo di 359,49 milioni totali.

Ossia le plusvalenze, cartacee, realizzate con gli apporti di immobili al Fondo coincidono quasi al 100% con le perdite accumulate fino al 2016, sono 12,8 milioni in più (lo scarto è del 3,56%). L’anno scorso le plusvalenze immobiliari nette sono state pari a 81,7 milioni.

Quest’anno si prevede che scenderanno a 43,7 milioni. Se questa cifra sarà confermata nel consuntivo 2017, le plusvalenze nette totali realizzate dal 2013 al 2017 saliranno a 416 milioni. Nello stesso periodo, se le previsioni di perdita gestionale 2017 saranno confermate pari a 151,78 milioni, le perdite gestionali dell’Inpgi saliranno a 511,27 milioni in cinque anni.

I CREDITI VERSO GLI EDITORI

Tra le altre voci del bilancio di assestamento, ci sono 10 milioni di svalutazione crediti verso gli editori (22,5 milioni nel 2016). L’Inpgi dichiara circa 300 milioni di crediti verso gli editori per il mancato versamento di contributi. Ma di questa somma, hanno spiegato la presidente Macelloni e la direttrice generale Mimma Iorio in audizione alla Camera il 28 settembre, “la morosità in quanto tale è all’incirca sui 90 milioni”.

Questi sono contributi che gli editori hanno dichiarato che sono dovuti ma che non vengono versati. Gli altri sono circa 150 milioni di crediti “derivanti da attività ispettiva” dell’Inpgi, cioè “per veder riconosciuta una cosa molto importante, ossia l’obbligo di iscrizione all’Inpgi come dipendenti”, ha spiegato Iorio nell’audizione. Ma questi 150 milioni sono contestati dalle aziende, pertanto c’è un contenzioso. “Mediamente il contezioso dura dieci anni”, ha detto Iorio. Infine 60 milioni “sono sanzioni di interesse che – ha detto Iorio – applichiamo in caso di evasione e omissione”.

SI CONSUMA IL PATRIMONIO LIQUIDO

Facciamo notare che oltre ad aver avviato la vendita degli immobili, che porterà lentamente delle entrate, per far fronte alle esigenze di cassa l’Inpgi deve dismettere ogni anno porzioni massicce del patrimonio liquido, composto da fondi d’investimento, come in una gigantesca liquidazione.

Servono all’incirca 150 milioni ogni anno, la cifra corrisponde al buco della gestione previdenziale e assistenziale. Questi soldi l’Inpgi se li procura disinvestendo la parte liquida del patrimonio: questa a fine agosto 2017 si era ridotta a 459,2 milioni, rispetto a un valore totale del patrimonio pari a 1.627, 487 milioni.

La quota principale del patrimonio era rappresentata dall’immobiliare, pari a 1.075,5 milioni a fine agosto (di cui 1.024,9 milioni il Fondo Amendola), con un’incidenza del 66% sul valore totale. Rispetto alla fine del 2015 il valore del patrimonio si è ridotto di 290 milioni (era pari a 1.917,3 milioni). E il patrimonio liquido, quello che si può monetizzare più rapidamente, è sceso dai 570,48 milioni di fine 2015 a 459,2 milioni a fine agosto 2017.

Anche nel 2018 è previsto il disinvestimento di 150 milioni di patrimonio liquido per fare cassa e pagare pensioni, stipendi dei circa 200 dipendenti Inpgi, tasse e altre spese. Di questo passo, il patrimonio liquido si esaurirebbe in tre anni o poco più.

COSTI DI STRUTTURA: PERSONALE E ORGANI DELL’ENTE

Tra i costi di struttura ci sono 16,95 milioni per il personale, 679mila euro in meno del preventivo (nel 2016 il costo fu di 17,18 milioni). Per gli organi dell’ente le spese saranno di 1,198 milioni, 27.000 euro in più delle previsioni iniziali: questa spesa si scompone in 610.500 euro per compensi e indennità agli organi collegiali, 236.000 euro compensi al collegio sindacale, 253.000 euro rimborsi spese organi collegiali e collegio sindacale, 76.500 oneri previdenziali e assistenziali, 16.000 spese di rappresentanza, 6.000 spese di funzionamento commissioni.

I FONDI A SINDACATO E ASSOCIAZIONI DI STAMPA REGIONALI

L’istituto cerca di fare risparmi nelle spese dirette di gestione, ma c’è una voce di spesa più volte denunciata da Inpgi Futuro che resiste inattaccabile. Sono i costi per i “servizi resi dalle Associazioni di stampa” regionali, pari a 2,445 milioni quest’anno. Nel 2016 i fondi trasferiti ammontavano a 2,441 milioni. Sono costi sostenuti dall’Inpgi in larga parte a favore della Fnsi e delle associazioni sindacali territoriali. Inpgi Futuro da tempo si batte perché ci sia maggiore chiarezza sulla natura di questi “servizi” gestiti in regime di monopolio e perché i contributi al sindacato non vengano posti a carico di tutti i giornalisti e pensionati che versano contributi all’istituto.

La voce è incomprimibile: anche per il 2018 l’istituto mette in preventivo di dare 2,45 milioni per i “servizi resi” dalle associazioni stampa regionali. Non se ne può fare a meno.

BUCO TROPPO GRANDE, RISULTATO FINALE IN FORTE PERDITA

Il risultato finale di bilancio dell’Inpgi 1 è in forte perdita. A differenza degli anni scorsi, le plusvalenze immobiliari, benché solo di carta, quest’anno non sono sufficienti a coprire una voragine della gestione che è diventata troppo profonda. Nel 2016, nonostante una gestione in perdita di 114,28 milioni, il saldo finale fu positivo per 9,4 milioni.

Secondo il bilancio di assestamento nel 2017 all’ultima riga del bilancio troviamo un disavanzo di gestione, cioè una perdita netta, pari a -104,08 milioni. Questa perdita “ufficiale” è molto più alta rispetto a quella stimata nel preventivo, -37,94 milioni. C’è un peggioramento di 66,15 milioni. Senza dimenticare che la perdita effettiva della gestione è più alta, cioè i -151,78 milioni già indicati sopra.

Per il 2018 il disavanzo di gestione previsto è pari a -164,42 milioni. E il risultato netto finale del bilancio 2018, considerate tutte le altre voci e anche gli ultimi conferimenti di immobili, sarà negativo per -163,1 milioni, in pratica coinciderà con il disavanzo di gestione.

GESTIONE SEPARATA IN ATTIVO, MA PRESTAZIONI MODESTE

Si conferma in attivo il bilancio della gestione separata (Inpgi 2), che riguarda le partite Iva, i lavoratori autonomi veri o finti (cioè dipendenti che le aziende mascherano da autonomi per pagare meno contributi), costretti ad accettare queste sembianze per poter lavorare.

I ricavi totali nel bilancio di assestamento 2017 sono previsti a 49,7 milioni, 1,7 milioni in più del bilancio preventivo. I costi sono stimati ora pari a 7,27 milioni, 882.750 euro in meno del preventivo. Pertanto è previsto nell’assestamento un risultato della gestione previdenziale in utile per 42,42 milioni, cioè 2,58 milioni migliore del preventivo (che indicava 39,84 milioni), ma più o meno sul livello del 2016 (42,2 milioni).

Il risultato netto finale del bilancio Inpgi 2 nel 2017 è stimato in utile per 46,285 milioni, migliore di 4,24 milioni rispetto al preventivo (42,04 milioni). Nel 2016 l’utile netto finale era più alto, pari a 478,5 milioni.

Per il 2018 il bilancio preventivo di Inpgi 2 prevede una riduzione dei ricavi a 48,44 milioni (-1,26 milioni rispetto all’assestamento 2017) e costi in lieve riduzione a 7,12 milioni (-155.250). Il risultato della gestione previdenziale sarà in attivo, ma dovrebbe ridursi di 1,1 milioni a 41,32 milioni. Il risultato finale previsto per il 2018 è positivo per 44,23 milioni, rispetto ai 46,28 milioni attesi per quest’anno. Cioè due milioni in meno.

Sull’Inpgi 2 torniamo a sottolineare che in questa gestione si annidano, accanto ai tanti iscritti precari o a basso reddito, posizioni di comodo. Come quelle scelte da alcune star del giornalismo televisivo per pagare meno contributi rispetto al reddito effettivo, perché all’Inpgi 2 i contributi si pagano fino al tetto dei 100.000 euro di retribuzione. Ma non sulle somme oltre questa soglia.

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, commissione Bilancio

(2. Fine)

A questo link la prima puntata del dossier di Gianni Dragoni sul bilancio.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


15 + 20 =