INPGI FUTURO, EQUITÀ GENERAZIONALE E CULTURA PREVIDENZIALE: VALORI DECISIVI PER I PIÙ GIOVANI

di Gabriele Testi*

Più di Giuliano Amato e di Lamberto Dini. Più di Roberto Maroni e di Romano Prodi. Più ancora delle riforme varate da governi tecnici rispettivamente nel 1992 e nel 1995, e successivamente da esecutivi politici nel 2004 e nel 2007.

Più di tutto questo, lo stravolgimento della legislazione previdenziale voluto e attuato dalla professoressa (e ministra) Elsa Fornero nove anni or sono rappresenta tuttora nell’immaginario degli italiani l’emblema di un attacco al diritto acquisito della pensione e una posticipazione nel lungo periodo del momento dell’inizio della quiescenza per una moltitudine di lavoratori, incarnato dalla questione dei cosiddetti “esodati”.

Eppure, alcuni del principi introdotti nel Decreto “Salva Italia” del 2011 dal governo guidato da Mario Monti e dal lavoro della criticatissima cattedratica piemontese non potevano non trovare un’eco anche nell’articolato programma di INPGI Futuro per la loro aura di attualità e di modernità, per la loro importanza sociale anche in campo lavorativo e professionale: si tratta dei concetti dell’equità generazionale e della cultura previdenziale, valori da perseguire nell’interesse stesso dei giornalisti assicurati all’ente.

Ma quali sono in proposito le idee dei candidati appoggiati da Puntoeacapo?

SOSTEGNO AL LAVORO DELLE NUOVE GENERAZIONI

Sostenibilità finanziaria a parte, l’idea è quella di provare a varare strumenti straordinari di solidarietà mirati a costituire un Fondo di Garanzia per prestiti a tasso agevolato, come sostegno al reddito nei periodi di disoccupazione per i CO.CO.CO. e per i genitori in congedo di maternità e paternità nonché per i colleghi che dovessero presentare denuncia di sfruttamento agli organismi competenti o attivassero vertenze dinanzi al Giudice del Lavoro.

Analoghe risorse dovranno essere destinate ad agevolazioni per i colleghi che volessero avviare cooperative di giornalisti, studi associati o società di professionisti dell’informazione.

PIÙ CONSAPEVOLI DEI PROPRI DIRITTI E DOVERI

In attuazione dell’evocata Legge Fornero, di concerto con il Ministero del Welfare, nonché con la Commissione per l’Equo compenso nel settore giornalistico di cui alla legge 233/2012, all’interno della quale siede un rappresentante dell’INPGI, ci si propone l’avvio di una campagna informativa su diritti e doveri contributivi, promuovendo anche protocolli di collaborazione con i Consigli Regionali e Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.

Eventualmente andrà realizzato un “breviario” informativo a beneficio di colleghi, commercialisti e consulenti del lavoro. Si pensa anche a un’apposita convenzione con il Ministero dell’Università e della Ricerca e con i singoli atenei per la durata e le modalità organizzative dei tirocini aziendali, sensibilizzando per primi gli studenti sulla diversità fra stage/internship e rapporto di lavoro subordinato/praticantato e sull’obbligo contributivo.

UN PATTO DI FERRO CON GLI ENTI INTERNAZIONALI

Secondo il programma elettorale di INPGI Futuro per la consiliatura del quadriennio 2020-2024, l’Istituto dovrà altresì avviare iniziative-pilota per agevolare la possibilità – prevista dalle recenti leggi di stabilità e dall’attività dell’Associazione degli Enti di Previdenza Privati (ADEPP) in seno all’Unione Europea – di garantire l’accesso ai Piani Operativi Regionali e Nazionali del Fondo Sociale Europeo (FSE) e del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) anche ai giornalisti liberi professionisti, equiparati in quel contesto alle piccole e medie imprese.

L’INPGI dell’avvenire dovrà anche interfacciarsi con l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), agenzia specializzata delle Nazioni Unite (ONU), e con l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa, per promuovere forme di contrasto a livello sovranazionale alle irregolarità nei rapporti di lavoro giornalistico, in deterioramento in tutto il mondo e nel mirino degli enti deputati alla tutela dei diritti dei lavoratori, di cui i professionisti dell’informazione sono una fetta molto debole.

* Candidato sindaco Inpgi 2 con Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciassette + quattro =