GIORNALISTI NOPRELIEVO, L’ATTO FINALE SONO TRE DONAZIONI NEL SEGNO DELLA SOLIDARIETÀ VERA

Nel 2017 un gruppo di giornalisti pensionati e in attività ha generosamente aderito alla iniziativa del Comitato Giornalisti NoPrelievo contro il prelievo forzoso triennale imposto dall’Inpgi alle pensioni, contribuendo a una sottoscrizione per far fronte alle spese per i ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato.

Il Comitato chiarì da subito che non intendeva certo opporsi a un cosiddetto “contributo di solidarietà”, quanto invece al potere che il Cda dell’Inpgi si era autoassegnato di sostituirsi al Parlamento imponendo un prelievo oggi modesto, un domani non si sa.

Le accuse che vennero rivolte al Comitato furono di scarsa sensibilità verso le giovani generazioni che saranno chiamate a sacrifici proprio a partire dalle loro future pensioni. Come se togliere diritti equivalesse ad assegnarne a chi non ne ha. In prima linea su questo fronte punitivo la Fnsi che, ricordiamo, dal 2014 non riesce a concludere un contratto migliorativo per la professione.

Il risultato è che l’Inpgi ha incassato un prelievo che non ha minimamente inciso sulla voragine dei suoi conti in rosso e che però è stato leso il diritto alla integralità della prestazione acquisita.

Il Consiglio di Stato – nella sua sentenza definitiva – scrive con la dovuta chiarezza che questo prelievo deve essere considerato straordinario e non più ripetibile: un principio, questo, che oggi è fissato con assoluta chiarezza appunto grazie alla iniziativa di centinaia di giornalisti che non avevano voluto piegare la testa di fronte a un diktat di un organismo amministrativo e dalla volontà di punire la categoria dei pensionati che aveva il solo torto di non vedersi toccare il proprio assegno. E’ un risultato da non sottovalutare assolutamente.

Ma oggi il Comitato NoPrelievo torna a far parlare di sé per un’altra ragione. Nobile anche questa.

Quando fu lanciata la sottoscrizione, il Comitato anticipò che – una volta affrontate le spese necessarie alla iniziativa – le risorse residue sarebbero state devolute in beneficenza.

Ora il Comitato Giornalisti NoPrelievo ha assolto anche questo ultimo impegno individuando come beneficiari la Lega del Filo d’Oro (dal 1964 punto di riferimento per le persone sordocieche e pluridisabili psicosensoriali e le loro famiglie), la Onlus Karibu Ndugu (da anni impegnata nella costruzione di strutture scolastiche in Kenya) e Ossigeno per l’Informazione (associazione che da oltre dieci anni sostiene e difende, se del caso anche in Tribunale, i colleghi vittima di minacce, violenze, querele temerarie, oltre a monitorare costantemente il fenomeno delle aggressioni ai danni dei giornalisti).

Si chiude così, per adesso, una iniziativa che negli ultimi tre anni ha seminato tutela dei diritti. E solidarietà, quella vera, che ha attraversato le generazioni, la salute, il ceto sociale. Arrivederci al Comitato e grazie del messaggio.


Di seguito il rendiconto delle spese.

RENDICONTO SINTETICO INIZIATIVA GIORNALISTI NOPRELIEVO

ENTRATE: euro 26.965 (da 539 sottoscrizioni tra 25-3-2017 e il 9-8-2017)

USCITE: euro 26.965, così ripartite

euro 8.026,26 per spese legali ricorso a Tar e Consiglio di Stato;

euro 69,74 per costi attivazione e tenuta conto corrente;

euro 18.869 per tre donazioni di 6.289 euro ciascuno a:

Ossigeno per l’informazione, Lega Filo d’Oro, Onlus Karibu Ndugu.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*