UN VOTO LIBERO – IL TUO – PER SALVARE LA CASAGIT

di Mariagrazia Molinari *

Care amiche, cari amici,
dal 6 al 10 giugno dobbiamo votare per il rinnovo dei dirigenti Casagit. Dobbiamo scegliere colleghi che non guardano alle direttive del “Capo” (capo-corrente, capo-manager, capo-capo…), e neppure alle direttive della componente sindacale cui sentono di appartenere  ma che, invece,  possono garantire che la loro volontà è quella di recuperare l’efficienza della Cassa affinché questa “ci sia” quando anche solo uno di noi dovesse averne bisogno.

Dobbiamo scegliere colleghi che non chiedono direttive ai superiori su come votare un bilancio in rosso. Devono saper votare contro senza alcuna necessità di consultazione. Se questo fosse avvenuto, noi tutti avremmo saputo molto prima che Casagit stava andando nel baratro. E che servivano rimedi urgenti. Invece oggi c’è chi si vanta di aver votato contro il bilancio 2008, quello da quasi 20 milioni di euro di rosso. Non è stato un grande sforzo. In verità bisognava votare contro i bilanci precedenti, quelli che facevano presagire il baratro. E preoccuparsi di informare tutti gli associati.

Oggi è indispensabile porre rimedio allo sfacelo. Senza demagogie. Casagit deve tornare ad essere una Cassa di assistenza sanitaria integrativa efficiente e solidale.

Noi tutti dobbiamo rinunciare alle piccole pigrizie per avere, invece, tutto ciò di cui potremmo aver bisogno, in un momento critico. Non sono le analisi del sangue, che passa l’assistenza sanitaria nazionale. Non sono le radiografie di routine, prescrivibili dal medico di base. Non sono le medicine che fanno parte del “repertorio” della sanità  pubblica.

Sto parlando di altro. Sto parlando di interventi, minori o importanti, ovunque ci si trovi. Sto parlando  di riabilitazione, di diagnosi costose, che servono con urgenza.  Ma sto parlando anche di occhiali per chi lavora al computer ogni giorno, per molte ore al giorno; sto parlando di denti (magari impiantati); sto parlando di prevenzione, all’avanguardia.

Su questo punto una sola piccolissima domanda: perché Casagit deve pagare un pap-test o una mammografia, che la sanità pubblica garantisce? Vogliamo ricordare che ora si deve diagnosticare “di routine” il “papilloma virus”, il nuovo killer delle donne? Casagit deve prevedere e rassicurare.

Ecco, cari colleghi, il mio è un appello appassionato e spassionato. Perché quando la salute pone interrogativi (come tali sempre drammatici), e con il servizio sanitario nazionale si devono aspettare mesi avere una risposta diagnostica (questo è uno scandalo ma è un altro film) là deve esserci Casagit.
Una Casagit  che risponde alle attese degli associati grazie a una classe dirigente attenta, informata, pronta, disinteressata. Ma il termine “disinteressata” merita una piccola riflessione.

Perché alla vigilia del voto, per ottenere il risultato che consentirà ad alcuni di assegnarsi le massime cariche della Cassa, si è scatenata una lotta fratricida: piuttosto che occuparsi di programmi c’è chi studia come  “uccidere” il collega che ha osato presentarsi autonomamente alle elezioni. Perché chiunque pensi di spezzare legami o equilibri prestabiliti a tavolino sulla scacchiera del potere (magari piccolo potere) diventa bersaglio di frecce avvelenate.

Volano accuse di “trasformismo”, ridicole e patetiche. “Poison pills”, le definiscono gli americani che di potere se ne intendono. Per noi, ruspanti, “polpette avvelenate”. Ma non perché “polpette”, meno pericolose.

Care amiche e cari amici, spero che vogliate voltare pagina scegliendo i colleghi della lista “Salviamo la Casagit”.  Sono sicura che questa vostra scelta cambierà molte carte in tavola riportando la Cassa – e non il potere – al centro dell’interesse dei nuovi amministratori.

* Consigliere del Fondo di previdenza complementare dei giornalisti

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


11 + uno =