ELEZIONI DELL’ORDINE DEI GIORNALISTI, LE INACCETTABILI DISCRIMINAZIONI DELLA SEGRETARIA DELL’ASER

 

Il segretario di una delle più importanti associazioni stampa italiane scrive un articolo sul suo sito ufficiale per chiedere esplicitamente di non votare i candidati all’Ordine che in un altro appuntamento elettorale si sono permessi di candidarsi con una componente sindacale che non è quella cui appartiene lo stesso segretario.

L’incredibile avviene in Emilia Romagna a opera del segretario dell’Aser Serena Bersani.
Argomento di discussione sono le imminenti elezioni per l’Ordine dei giornalisti e i colleghi da non votare sono quelli di Puntoeacapo, componente della Federazione della Stampa.
«Per esempio», scrive Bersani, «l’Aser non si sente di sostenere chi schiera colleghi che soltanto nella passata tornata elettorale (le elezioni per l’Inpgi – nda) di un altro organismo di categoria si sono candidati per “Puntoeacapo”, l’unica componente sindacale che appoggia apertamente l’attuale presidente dell’Ordine nazionale». http://www.aser.bo.it/al-voto-in-ordine-sparso/#more-853

Siamo non alla dichiarazione di voto, che tutto sommato sarebbe comprensibile, se non fosse però che all’Ordine sono iscritti anche giornalisti non iscritti al sindacato. Qui siamo invece alle liste di proscrizione verso chi esercita una non gradita forma di dissenso. Siamo alla negazione dello spirito unitario basilare che dovrebbe animare la Federazione della Stampa in tutte le sue componenti. Siamo alla inaccettabile strumentalizzazione di una candidatura a passate elezioni di un altro ente come l’Inpgi. Il quale Inpgi, ricordiamolo, ogni anno finanzia con oltre 2 milioni di euro le associazioni stampa per i servizi periferici, da garantire anche in questo caso pure a tutti, anche a chi non è iscritto al sindacato, anche a chi simpatizza per Puntoeacapo. Da quelle stesse associazioni stampa ci si aspetterebbe dunque correttezza e imparzialità quando si tratta di affrontare materie delicate come le elezioni negli organismi di categoria diversi dal sindacato.
Puntoeacapo denuncia questi fatti gravi al segretario della Fnsi Franco Siddi, riservandosi con i suoi rappresentanti nel Consiglio nazionale di portare il caso ai probiviri della Federazione. Ugualmente segnala il caso per le opportune valutazioni al presidente dell’Inpgi Andrea Camporese.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici − 11 =