PUNTOEACAPO, UN SITO INTERNET NUOVO DI ZECCA PER RACCONTARE AI GIORNALISTI ITALIANI LA VERITÀ SU DOVE STA ANDANDO LA PROFESSIONE

 

di Carlo Chianura, Portavoce di Puntoeacapo

 

Un sito internet nuovo di zecca per informare e tutelare meglio i giornalisti italiani. Più notizie dai fronti caldi della professione, dall’Inpgi alla Casagit, dall’Ordine alla Fnsi. Con un occhio ai social network e alle ultime notizie. E’ il nuovo www.puntoeacapo.org.

L’impegno resta quello di dare ai giornalisti un quadro completo e originale di quanto accade nella professione. Continueremo a farlo di più e meglio con gli articoli e gli interventi dei nostri dirigenti e dei nostri iscritti, di quelli eletti negli enti e nelle istituzioni grazie al vostro consenso.

Il giornalismo attraversa come altre professioni la congiuntura più difficile del secondo dopoguerra, con un crollo verticale dell’occupazione reale e un aumento esponenziale della disoccupazione e della sottoccupazione. Dello sfruttamento di decine di migliaia di professionisti.

A fare le spese dell’attuale stato di cose per primo è stato ed è il nostro welfare, come vediamo quotidianamente. Basti pensare all’Inpgi e alla doppia manovra della riforma previdenziale e della vendita degli immobili. Basti pensare alla Fieg che minaccia di gettare in un secchio la contrattazione collettiva se non otterrà in questa trattativa una riduzione del costo del lavoro di almeno il venti per cento.

Con la gran parte delle associazioni regionali e della stessa Federazione della stampa che destinano una minima parte delle proprie risorse alla difesa dei diritti, da un anno e mezzo abbiamo avviato con “Puntoeacapo Tutela” uno straordinario esempio di solidarietà gratuita e incondizionata che va incontro ai problemi dei colleghi.

Tra i vari deficit che indeboliscono la professione, uno è sicuramente un deficit di informazione per i colleghi. Dal 2008 Puntoeacapo anche attraverso il proprio sito è l’associazione che più delle altre ha lavorato con migliaia di articoli e centinaia di migliaia di clic per dare ai giornalisti un quadro fedele di quanto accade e di che cosa si muove dietro le oligarchie che comandano la professione. Oggi facciamo un passo in avanti per essere sempre più aperti al cambiamento anche tecnologico. Seguiteci con il solito affetto. E, consentiteci, viva Puntoeacapo.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


14 + diciotto =