INPGI, APPELLO AI MINISTRI CONTRO IL PRELIEVO ALLE PENSIONI

 

NoPrelievo continua a incassare consensi: in pochi giorni raccolte quasi 700 firme di giornalisti attivi e in pensione sotto l’appello ai ministri Padoan e Poletti contro il prelievo forzoso e abusivo deciso dalla maggioranza del Cda Inpgi (con il no di Inpgi Futuro).

Una lettera-appello indirizzata ai ministri del Lavoro Giuliano Poletti e della Economia Pier Carlo Padoan contro il prelievo forzoso sulle pensioni deciso dal Cda Inpgi. Centinaia finora le firme di attivi e pensionati.

Di seguito il testo del manifesto, che Puntoeacapo condivide, cui si può ancora aderire per alcuni giorni mandando una semplice mail di assenso all’indirizzo giornalisti.noprelievo@gmail.com.

 

L’INPGI NON PUO’ TOCCARE LE PENSIONI DEI GIORNALISTI. PRONTI I RICORSI

 

Appello ai ministeri vigilanti

Al ministro del Lavoro Giuliano Poletti

Al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan

L’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti, Inpgi, non può con un atto unilaterale decidere il prelievo forzoso sulle pensioni dei giornalisti, così come ha deciso il 28 settembre il Cda con il voto peraltro contrario di due consiglieri.

  • Non può farlo perché la Cassazione per ben tre volte ha bocciato simili imposizioni.
  • Non può perché il diritto maturato alla pensione non può essere intaccato dall’ente previdenziale con un atto unilaterale, adducendo generiche ragioni finanziarie.
  • Soprattutto l’Inpgi non può sostituirsi al Parlamento.
  • Il prelievo forzoso sulle pensioni dei giornalisti stabilirebbe il principio che le pensioni si possono tagliare oggi e in futuro.
  • I ministeri del Lavoro e dell’Economia chiamati ad avallare questa delibera devono respingerla, così come hanno già fatto in passato.

 

Come giornalisti in attività e in pensione ricordiamo che i pensionati hanno già dato prova di solidarietà generazionale negli ultimi anni con il blocco delle perequazioni e il contributo di solidarietà, con un esborso di oltre 30 milioni di euro rimasti nelle casse dell’Inpgi, che alla fine del 2017 saranno saliti a 36 milioni.

 

La Fieg e la Fnsi che hanno dato parere favorevole non erano titolate a farlo, in quanto non rappresentano i giornalisti pensionati.

 

A tutela delle pensioni di oggi e di domani annunciamo comunque fin da ora che nel caso il prelievo forzoso divenisse operativo tramite l’eventuale approvazione del governo faremo ricorsi in massa alla magistratura per chiedere l’annullamento di questa delibera.

Seguono le firme raccolte nelle prime 36 ore

(Renderemo pubbliche le ulteriori adesioni)

 

 

6 Commenti "INPGI, APPELLO AI MINISTRI CONTRO IL PRELIEVO ALLE PENSIONI"

  1. Giuseppe Cipriani | 8 ottobre 2016 ore 13:29 | Rispondi

    Cosa sono 700 firme a fronte di migliaia e migliaia di pensionati, e attivi, che sono d’accordo sul prelievo forzoso?
    Ricordo che i pensionati davvero toccati sono quelli delle pensioni d’oro, mentre la maggior parte deve pagare qualche decina di euro all’anno… cifre da far minacciare ricorsi? Suvvia, siamo seri almeno nell’emergenza, cari pensionati che avete lasciato il lavoro con 35 anni di contributi, per la stragrande maggioranza!

    • Sono settecento promesse di ricorso alla magistratura. Sono circa il venti per cento dei quattromila elettori Inpgi 1 del 2016. In soli 5 giorni. Quanto al fatto che sono toccate le cosiddette pensioni d’oro, stiamo preparando dati sorprendenti che smentiscono lo storytelling (fraudolento) dei 5 euro al mese di “contributo di solidarietà”.
      Ma soprattutto, Cipriani, ricorda che questa delibera segna l’inizio di un’era in cui si teorizza e si mette in pratica il principio secondo il quale le pensioni si possono tagliare. Oggi di 1 euro, domani di 1000? De te fabula narratur… O, più prosaicamente: oggi a me domani a te.

  2. Giuseppe Cipriani | 27 gennaio 2017 ore 7:14 | Rispondi

    Alcune domande secche: 1) che fine sta facendo la riforma pensioni dell’Inpgi?
    2) Entrerà in vigore dall’1 gennaio 2017 o dal momento dell’approvazione sindacale?
    3) Alla data di oggi si va in pensione con le vecchie regole?
    4) Quando l’Inpgi fallirà (purtroppo non vedo possibilità diversa) chi pagherà le pensioni degli attuali pensionati Inpgi e dei futuri pensionati giornalisti?
    5) Risulta che resteremo tutti in braghe di tela in quanto non saremo soccorsi dall’Inps?

    • 1) E’incagliata ai ministeri del Lavoro e della Economia
      2) La data di entrata in vigore potrebbe essere il 1. gennaio se l’approvazione avverrà nei prossimi giorni o a partire dal primo giorno del mese precedente.
      3) Sì.
      4) Argomento dibattuto. Non esiste allo stato una risposta certa e univoca.
      5) Vedi la risposta 4.

    • Giuseppe Cipriani | 28 gennaio 2017 ore 7:19 | Rispondi

      Se l’argomento è davvero dibattuto (dove?), cosa aspetta il nostro istituto di previdenza a mettere in moto un meccanismo che scongiuri la drammatica evenienza? Mi pare che anche i pensionati, invece di preoccuparsi del prelievo forzoso, dovrebbero agitarsi un poco di piu dell’evenienza più nefasta. Io dico ai vertici del nostro istituto, e anche a chi di voi ne fa parte, che la questione più urgente è chiarirsi per bene le idee e fare i passi giusti affinché le pensioni in essere e quelle future mie e dei colleghi siano tutelate. Questo è il vero fronte da sfrondare, basta alle demagogie da quattro soldi e alla difesa dell’indifendibile… Se ha da fallire, che l’Inpgi fallisca senza stroncarci del tutto.

  3. Giuseppe Cipriani | 27 gennaio 2017 ore 7:17 | Rispondi

    Qui sopra ho scritto sindacale, intendevo ministeriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


20 + 15 =