INPGI, UNA TANTUM SULLE PENSIONI PIU’ BASSE

 

Il Consiglio di amministrazione dell’Inpgi ha approvato oggi – per il quarto anno consecutivo – l’erogazione di un importo una tantum sulle tredicesime, utilizzando l’apposito Fondo di perequazione costituito in occasione del rinnovo del Contratto nazionale di lavoro giornalistico del 2009 e alimentato con un contributo di 5 euro mensili versato dai giornalisti attivi.

Nonostante la diminuzione degli occupati, il Comitato tecnico Fnsi/Inpgi che si occupa della gestione del Fondo di perequazione, nella riunione del 25 novembre scorso ha proposto di adottare gli stessi criteri dell’anno precedente.

Pensionati diretti: “Una tantum” pari a 2mila euro lordi alle classi di importo pensionistico fino a 2.500 euro lordi mensili (beneficiari 482 rispetto ai 439 dell’anno precedente);

Pensionati superstiti: “Una tantum” pari a 1.500 euro lordi alle classi di importo pensionistico fino a mille euro lordi mensili riferiti all’intero nucleo (beneficiari 33 rispetto ai 51 dell’anno precedente).

«Nel 2016 – fa notare l’Istituto – complessivamente 25 pensionati in più beneficeranno della suddetta erogazione. Poiché il Fondo di perequazione ha lo scopo di contribuire alla perdita di potere d’acquisto che subiscono i trattamenti pensionistici nel corso del tempo, l’erogazione sarà applicata alle pensioni in essere alla data del 31 dicembre 2015».

 

Dall’erogazione sono stati inoltre esclusi i seguenti trattamenti:

anzianità contributiva Inpgi inferiore a 10 anni;

pensioni non contributive;

beneficiari di assegni di superinvalidità e contributo per case di riposo;

pensioni a superstiti riferire a posizione de cujus con anzianità contributiva Inpgi inferiore a 10 anni.

 

Da sottolineare che il fondo istituito nel 2009 non ha nulla a che vedere con il blocco delle perequazioni deciso per le pensioni superiori a 3 volte quelle sociali, istituito a partire dal 2012, ma fu creato per combattere gli effetti dell’inflazione che le pensioni non riuscivano a recuperare (oggi l’inflazione è praticamente a zero).

Si trattò certamente di una misura, forse l’unica, di solidarietà intergenerazionale contenuta in quel disastroso contratto. Sbaglia, più o meno in buona fede, chi voglia vedervi legami con quanti (non proprio pochi) contestano il prelievo forzoso sulle pensioni deciso dalla maggioranza del cda Inpgi con delibera del 28 settembre. La distinzione in questo caso sta – come Inpgi Futuro ha sempre sostenuto – tra quanto è lecito decidere e quanto non. E non è lecito per un Cda sostituirsi al Parlamento decidendo un taglio anche minimo delle prestazioni in essere regolarmente maturate.

 

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 1 =