INPGI, PATRIMONIO LIQUIDO RIDOTTO A 500 MILIONI. SI CERCA UN NUOVO GESTORE

 

di Gianni Dragoni*

Il patrimonio dell’Inpgi continua a diminuire e l’Inpgi cerca un nuovo gestore per renderlo più liquido e poterlo utilizzare per pagare le pensioni e le altre spese obbligatorie.

Il patrimonio definito “liquido” ammonta a soli 500 milioni di euro, è la quota del portafoglio finanziario, investita in fondi, che può essere disinvestita e trasformata in denaro contante al massimo in sette giorni. Altri 36,3 milioni sono trasformabili in liquidità entro 90 giorni, sono la parte detta “semi-liquida”. Tutto il resto del patrimonio dell’Inpgi, parliamo di 1.280,6 milioni, è “illiquido”, vuol dire che per disinvestirlo e trasformarlo in liquidità occorre “oltre un anno”, dice l’Inpgi.

In realtà, potrebbe occorrere molto più tempo, perché gran parte del pacchetto illiquido è composto dagli immobili, per un valore di 1.165,3 milioni. Ed è da vedere se, al momento di vendere il mattone, l’Inpgi riuscirà davvero a realizzare questa somma. Occorre più di un anno anche per veder rientrare gli impieghi in mutui e prestiti (77,88 milioni) e in fondi di private equity (37,4 milioni), anche questa fetta di patrimonio pertanto è da considerare illiquida.

 

IL PATRIMONIO SI CONSUMA PER PAGARE LE SPESE CORRENTI

Questa è la più recente fotografia del “portafoglio” dell’Inpgi, aggiornata al 30 settembre 2016, contenuta in documenti ufficiali dell’istituto. I dati riguardano la gestione principale o Inpgi 1, la gestione sostitutiva dell’Inps, che ha il compito di pagare la pensione ai giornalisti lavoratori dipendenti. Cosa ci dicono questi dati? Purtroppo confermano le preoccupazioni che Puntoeacapo e i consiglieri di Inpgi Futuro hanno espresso da tempo, cioè che il patrimonio complessivo si sta assottigliando perché – e questo accade a partire dal 2011 – le entrate della gestione previdenziale non coprono le spese per pagare le pensioni, gli ammortizzatori sociali alle aziende in stato di crisi (disoccupazione, cassa integrazione, solidarietà) e gli stipendi dei circa 200 dipendenti dell’istituto. Il “buco” della gestione previdenziale è arrivato alla cifra record di 121,3 milioni nel bilancio di assestamento del 2016 ed è previsto che aumenti ancora fino al 2019.
Malgrado il maquillage contabile che la maggioranza al governo dell’Inpgi ha fatto a partire dal 2013 per chiudere i bilanci in attivo (ci riferiamo alle discutibili plusvalenze, esistenti solo sulla carta, fatte emergere con i conferimenti di immobili al Fondo immobiliare Inpgi Giovanni Amendola), l’istituto si trova costretto a vendere pezzi cospicui del patrimonio per fare cassa, perché i contributi versati dai giornalisti e dalle imprese editrici non bastano a coprire le spese obbligatorie. Gli uffici finanziari dell’Inpgi hanno detto in giugno che per quest’anno era stimato un fabbisogno di cassa di circa 140 milioni e che occorreva vendere quote del patrimonio investito per incassare questa somma. E una cifra simile dovrà essere reperita per ognuno dei prossimi anni.
E’ così che il patrimonio si consuma per pagare le spese correnti e la “famiglia” dei giornalisti italiani diventa sempre più povera. Il patrimonio, o meglio il “portafoglio” degli investimenti a valore di mercato, a fine settembre era pari a 1.817,13 milioni, già diminuito di 45,3 milioni rispetto al valore indicato nel bilancio a fine 2015, pari a 1.860,6 milioni. A sua volta questo importo era inferiore di 304 milioni rispetto al valore di fine 2012.

 

LA QUOTA LIQUIDA RIDOTTA A 500 MILIONI, SI ESAURIRA’ IN POCHI ANNI

L’altra brutta notizia è che la parte liquida del patrimonio è di soli 500 milioni, o se vogliamo 536,3 milioni considerando anche la parte “semi-liquida”: solo questi sono i soldi veri – stando ai calcoli dell’Inpgi – disponibili per far fronte alle spese obbligatorie. Cioè solo il 29,4% del patrimonio totale; l’altro 70,6% è composto dalla parte illiquida, gli immobili e la piccola fetta rappresentata da impieghi per mutui, prestiti e fondi di private equity. E quanto valga veramente questo 70% lo si saprà solo quando si venderanno gli immobili.
In un recente documento elaborato dal consulente Mangustarisk (il risk manager dell’istituto) e condiviso dal vertice dell’Inpgi, si legge che il bilancio tecnico-attuariale 2016, allegato alla riforma previdenziale varata dal cda a fine settembre (non ancora approvata dal governo), “stima saldi di cassa negativi che possono esaurire la porzione liquida del portafoglio in 5-7 anni”. Ci auguriamo che queste previsioni siano corrette. A noi tuttavia sembrano ottimistiche: se ogni anno servono 140 milioni di cassa per pagare le pensioni e le altre spese obbligatorie, un portafoglio liquido di 536,3 milioni verrebbe consumato in meno di 4 anni, per la precisione tre anni e 10 mesi.
L’Inpgi fa conto anche sull’incasso di una posta ulteriore che andrebbe a rafforzare il patrimonio, i crediti per contributi, che sono pari a 264 milioni al 30 settembre scorso. Ma non sappiamo quali siano i tempi per l’incasso di questi crediti (l’Inpgi dice “oltre un anno”), né quale somma verrà effettivamente incassata. Intanto dobbiamo registrare che anche quest’anno l’Inpgi farà una pesante svalutazione di crediti verso gli editori, per circa 16 milioni secondo gli ultimi dati ufficiali di questi giorni (17,5 milioni nel 2015). Quest’importo è superiore ai 10 milioni indicati dall’Inpgi nel bilancio di assestamento 2016, approvato dal consiglio generale il 27 ottobre.

 

IL NUOVO MODELLO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO: IL MODELLO LDI

L’Inpgi ha deciso negli ultimi mesi di adottare un nuovo metodo di gestione del patrimonio, basato non più sulla “allocazione strategica dell’attivo” in base ai rischi di mercato e con un determinato tasso di rendimento come obiettivo, ma esclusivamente sulle passività cui dovrà far fronte e alle scadenze prestabilite. Questo metodo in gergo tecnico viene chiamato Ldi (“Liability driven investing”), significa “investire guidati dalle passività”. In sostanza l’Inpgi intende dismettere il patrimonio che oggi è investito in più di 20 fondi monetari, obbligazionari, azionari, con un orizzonte temporale di 7 anni, per impiegarlo in altre forme a breve termine e renderlo più liquido. L’istituto si orienterà su investimenti obbligazionari di breve termine, in modo che la cassa sia disponibile per far fronte appunto ai pagamenti previsti. Il bilancio di previsione dell’anno prossimo prevede disinvestimenti di patrimonio per 150 milioni.

 

INVESTIMENTI A BREVE TERMINE, RENDIMENTI PIU’ BASSI

Pertanto la decisione del vertice Inpgi è di procedere rapidamente con il piano di dismissione per aumentare la liquidità del patrimonio. E’ prevista la vendita del portafoglio di fondi detti di “absolute return” (valore 36,3 milioni, è la fetta considerata semi-liquida) e la vendita progressiva del portafoglio azionario e obbligazionario. L’obiettivo dell’Inpgi è eliminare i rischi di mercato e avere la certezza della disponibilità di cassa alle scadenze previste per le pensioni e le altre spese. Ci saranno quindi rendimenti più bassi rispetto agli impieghi più a lungo termine.

 

IL PESO DEGLI IMMOBILI

In parallelo c’è l’obiettivo di dismettere il patrimonio immobiliare per renderlo più liquido, gli immobili in gran parte sono già confluiti nel Fondo Amendola (circa un miliardo di valore secondo i conferimenti). Secondo le proiezioni nei documenti dell’Inpgi, la quota di immobili che a settembre pesava per il 66% sul totale del patrimonio dovrebbe ridursi al 50% nel periodo 2017-2020 e al 40% nel 2020-2023, fino ad arrivare al 25% nel 2027-2032. Questo significherebbe, si legge nel documento di Mangustarisk per l’Inpgi, la vendita tra 450 e 550 milioni di euro di immobili entro il 2020 e di ulteriori 150-180 milioni entro il 2023. Vorrebbe dire che da gennaio 2017 in poi, per i prossimi quattro anni, l’Inpgi e il Fondo Giovanni Amendola dovrebbero vendere immobili al ritmo di almeno 10 milioni di euro al mese. E’ un obiettivo realistico? Viste le difficoltà e il ritardo della procedura di vendita degli alloggi che è partita a settembre, abbiamo qualche dubbio.

 

LA RICERCA DI UN NUOVO GESTORE

Per passare alla nuova fase nella gestione del patrimonio l’Inpgi cerca un nuovo gestore, il quale dovrà reindirizzare gli investimenti finanziari e reinvestire anche la liquidità derivante dalle dismissioni di immobili, quando queste si realizzeranno. Verrà organizzata una gara tra società con domicilio europeo, le condizioni saranno fissate dal consiglio di amministrazione, che nominerà anche la commissione di valutazione dei candidati e dovrà stabilire le cause di esclusione, incompatibilità, considerando anche conflitti d’interesse o altre situazioni di criticità. Nella griglia di valutazione l’Inpgi prevede che le condizioni economiche, cioè le commissioni richieste dai candidati, peseranno solo per il 20% del punteggio totale. A noi sembra poco, non sappiamo se l’Inpgi cambierà idea. Il 10% del punteggio dipenderà dall’audizione, il 70% dipenderà dalla società proponente, dalla struttura e dal processo di investimento Ldi. Sarà il nuovo gestore a dire all’Inpgi se ci sono investimenti più liquidi, più convenienti e sicuri rispetto alla vecchia tecnica dei soldi nascosti nel materasso.

 

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, commissione Bilancio

 

1 Commento "INPGI, PATRIMONIO LIQUIDO RIDOTTO A 500 MILIONI. SI CERCA UN NUOVO GESTORE"

  1. Giuseppe Cipriani | 2 Dicembre 2016 ore 7:03 | Rispondi

    Beh, dinanzi agli scenari descritti, e realisticamente a come sta andando il mercato del lavoro giornalistico, c’è poco da stare allegri.
    Siamo dei dinosauri in attesa del meteorite che ci estinguerà, nella metafora il meteorite sono gli editori che non credono più nella nostra professione, nella necessità della professione. La rete l’ha insegnato, oggi possono creare notizie tutti, non c’è più bisogno di pagare una categoria di lavoratori costosi e rompicoglioni…
    Se non ci metterà una pezza chi sta in alto (che bisognerebbe in qualche modo stimolare), credo che il trasbordo in Inps di noi tutti sia prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 − 5 =