INPGI, LA TELENOVELA DI LARGO LORIA: SCARPELLINI NON SCUCE UN EURO

 

Neanche un euro è entrato in cassa dei 2.400.000 dovuti all’Inpgi dalla Milano 90, la società di Sergio Scarpellini, per  le morosità relative all’immobile di Largo Loria.

Scarpellini, che nel frattempo è stato arrestato, non aveva versato nulla al 30 ottobre scorso, il termine ultimo fissato per la transazione giudiziaria accettata dal Consiglio di amministrazione dell’Istituto nel luglio scorso.

Per fortuna però, hanno detto ieri i vertici dell’ente in Cda, via Nizza “è stratutelata”. In che modo? Grazie al sequestro conservativo per tre milioni su un palazzo di proprietà di Milano 90 che potrà trasformarsi in pignoramento immobiliare.

Ma anche in seguito al fatto che il giudice del Tribunale di Roma, su istanza dell’Inpgi, ha accolto la richiesta dell’ente di un decreto ingiuntivo per un valore di 900.000 euro nel processo contro il Comune di Roma che aveva subaffittato da Scarpellini a cifre stratosferiche l’immobile di Largo Loria.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


uno × 5 =