GIORNALISTI, ECCO I CANDIDATI DI “UN ORDINE PER TE” IN EMILIA-ROMAGNA

 

Anche in Emilia Romagna “Un Ordine Per Te” schiera alcuni nomi di professionisti che vogliono lavorare per la trasparenza del nostro principale organismo di categoria e per la difesa della professione.

A Bologna, Cesena, e Parma si vota soltanto il 1. e l’8 ottobre dalle 9 alle 17. A Bologna sicuramente con qualche difficoltà, visto che gran parte del centro, dove è situato l’Ordine dei giornalisti e il seggio, sarà chiusa per la visita di papa Francesco.

Ecco i nomi e le brevi biografie dei candidati:

CONSIGLIO NAZIONALE

Paola Cascella – Giornalista professionista dal 1989. Ha lavorato per Repubblica, dove è stata cronista di giudiziaria della redazione di Bologna fino al prepensionamento nel 2010. Prima ancora giornalista precaria al Resto del Carlino – Carlino sera, membro del direttivo dell’Associazione stampa Emilia Romagna, cofondatrice della Scuola di giornalismo di Bologna. Consigliere di amministrazione Inpgi, consigliere uscente dell’Ordine nazionale, è stata membro per un anno e mezzo della Commissione disciplinare.

Mario Rebeschini – Giornalista professionista e fotoreporter. Vive e lavora a Bologna. Consigliere nazionale uscente del Cnog e anche eletto nell’esecutivo dell’Ordine nazionale. Membro dell’Airf , Associazione italiana reporter fotografi. Collabora con giornali, riviste, case editrici e banche immagini.
Organizza i corsi di fotogiornalismo della Scuola Superiore di giornalismo dell’Università di Bologna. Pubblica libri per i quali ha ricevuto numerosi premi.

CONSIGLIO REGIONALE

Marco Marozzi – Classe 1950, inviato, ha lavorato e lavora per Ansa, Il Giorno, Repubblica, della quale ha fondato la redazione di Bologna nel 1980, Carlino-Nazione, Messaggero. L’Europeo, Epoca, Vanity Fair, Amica, Panorama, Il Fatto, Il Corriere di Bologna. Prepensionato da Repubblica nel giugno 2010. Consigliere regionale uscente.

 

2 Commenti "GIORNALISTI, ECCO I CANDIDATI DI “UN ORDINE PER TE” IN EMILIA-ROMAGNA"

  1. Ma presentate tutti candidati anziano già in pensione. Non vedo rinnovamento; è necessario presentare dei giovani professionisti re non giornalisti oramai a fine carriera. Che senso ha???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


2 × 4 =