GIORNALISTI, PERCHE’ VOTARE “UN ORDINE PER TE”. LO SCANDALO DEI PROGRAMMISTI REGISTI

 

Dignità e professionalità calpestate quotidianamente. Esperienza e impegno quotidiano mortificati da ruoli e classificazioni che poco o nulla hanno a che vedere con il mestiere del giornalista. E’ quello che accade, da molti anni, ai programmisti registi della Rai.

Giornalisti iscritti all’albo nell’elenco dei professionisti e che editori televisivi ma anche quotidiani nazionali e non continuano a impiegare come stagisti o hanno messo sotto contratto o tengono a partita Iva come ricercatori, autori, programmisti-registi o assistenti ai programmi.

Un triste destino, questo, che mortifica tanti, soprattutto chi guadagna stipendi da fame in relazione all’impegno profuso, ma che accomuna tutti coloro che hanno a cuore la difesa della professione giornalistica.

Una lacuna che sembra essere incolmabile, una statuizione passata indenne nonostante il cambio di governi e direttori e i tentativi più o meno energici dei sindacati di categoria. Inviati e redattori per cui il contratto giornalistico rimane una chimera se la volontà di chi, a livello dirigenziale in Rai, in Mediaset, a La7, piuttosto che nei giornali, non sarà quella di dare una svolta decisa ed epocale all’insegna della moralità e del rispetto.

Ecco cosa si chiede, rispetto. Non fosse altro perché esiste (grazie a Dio) e a dispetto di qualche ex comico ora impegnato in altro, un Ordine dei Giornalisti che certifica chi è abilitato a fare il giornalista, per l’appunto, e che, per questo, si carica di oneri e ne riceve onori, tra cui, non da ultima, la firma sul contratto di settore.

Ma non si tratta solo di una mera questione economica. In ballo ci sono passione ed entusiasmo, il vero motore di questa spesso troppo bistrattata professione. Il rischio di sentirsi solo un meccanismo inutile di una macchina indecifrabile è dietro l’angolo. Le cifre? Parliamo di centinaia di lavoratori senza una vera identità professionale, giornalisti in giro a raccontare il bello ed il brutto del Paese costretti ad arrossire, negli incontri e sui luoghi di lavoro, al cospetto dei colleghi “riconosciuti” delle testate.

E allora? Un atto, definitivo, di coraggio sarebbe la giusta ricompensa per chi, in pagina o in onda tutti i giorni o anche senza alcuna visibilità ma rendendo un altrettanto prezioso contributo d’informazione alla comunità, fa il proprio dovere con coscienza giorno dopo giorno. Nonostante le querele a cui sono maggiormente esposti e i rischi che, a volte, l’esercizio della nostra professione porta con sé. Un esercito di fantasmi che, ora, è giusto torni a rivedere la luce.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


13 − 6 =