INFORMAZIONE: GIORNALISTI O PRODUCER, DA MOSART ARRIVA LA MUSICA SBAGLIATA

di Marco Piccaluga *

Tra le sfide che attendono la nostra categoria ce n’è una particolarmente importante che pochi conoscono. Si chiama Mosart.

Mosart è il nome di un software, un programma che Sky sta introducendo nella lavorazione quotidiana di scalette e contenuti del telegiornale che produrrà effetti devastanti sulla nostra categoria e in particolare sul comparto televisivo.

In questo, Sky è all’avanguardia, quindi è lecito pensare che una volta aperta la breccia, altri editori la seguiranno. Anche perché, solamente da noi, la sola prospettiva di utilizzo di questo programma ha già prodotto, come avete letto nei mesi scorsi, 120 esuberi tra tecnici, archivisti, montatori, mixer video, assistenti alla regia e controllo camere.

Mosart è il software che verrà utilizzato da tutti i giornalisti, tutti i giorni. E’ l’evoluzione di VizRt, il programma che usiamo oggi, e gestirà la messa in onda di tutto ciò che viene prodotto dal TG, non appena sarà completato il trasferimento a Milano.

Come ha già parzialmente fatto VizRt, sposta l’attività del giornalista dai contenuti alla gestione della messa in onda. Cioè dal nostro lavoro, al lavoro dei tecnici.

Il demansionamento del giornalista a tecnico/producer è immediato e automatico, per il solo fatto di utilizzare quel programma.

Il giornalista lavorerà su sigle, grafiche, chip, bug, slab, e ancora peggio, sulla gestione di telecamere, audio e luci. In poche parole le notizie non saranno più centrali nel suo lavoro.

Mosart è un prodotto nato per il mercato anglosassone ed è indirizzato, oltre che ai tecnici, a quella figura tipicamente anglosassone che si chiama “producer”, una funzione intermedia tra il tecnico e il giornalista, che in Italia non esiste. Il producer non è il nostro produttore e non è neppure il nostro giornalista. In Italia questo programma è stato destinato da Sky ai giornalisti.

Ecco il danno: accettare di lavorare con Mosart significa accettare un downgrade automatico della nostra professione alla figura del producer. Cioè un lavoro che non è il nostro e non può né deve diventarlo. Non ci occuperemo più dei contenuti, insomma, ma della gestione della messa in onda.

Mosart porta con sé un altro rischio, quasi automatico: l’azienda sarà nelle condizioni di non applicare più il contratto giornalistico ma quello FRT.

Non si tratta di bloccare il progresso: questo non è il futuro al quale dobbiamo adeguarci. Qui si tratta di definire il perimetro di quello che è il nostro lavoro: il reperimento, la verifica, la scrittura e la preparazione delle notizie, dei contenuti e delle scalette. La messa in onda non ci può competere e non può rientrare in alcun modo sotto la copertura dell’articolo 42 del Contratto di lavoro giornalistico.

Gli editori vi diranno che il futuro è questo e che tutte le televisioni al mondo vanno in questa direzione. Ma non è vero: il programma Mosart è stato adottato fin qui da un numero molto ristretto di televisioni e non certo le più blasonate come 2DF, NRK, TV2, DR, N\DR, YLE, Nova, N24 (fonte VizRt).

Se si eccettua Al-Jazeera e un esperimento alla BBC, tutti gli altri network mondiali hanno fatto un’altra scelta: CBS, CNN, ABC, Al-Arabija, Russia TV, CCTV, CNBC, 24 Horas, France24, Bloomberg, Euronews, RTL, ZDF, Globo News, Fox, ESPN.

Il futuro della professione, invece, passa per verifica delle notizie e qualità. Solo questo sarà centrale e decreterà chi vive e chi muore nel mondo dell’informazione. Con Mosart non ci sarà il tempo per fare né l’una, né l’altra.

Sono sicuro che anche voi vi chiediate spesso come sarà la nostra professione tra vent’anni.

Io mi rispondo sempre che sarà quello che avremo deciso che fosse.

E si decide oggi: giornalisti o producer.

P.S.

Per capire cosa farà il giornalista con Mosart guardate questi video:

http://www.vizrt.com/products/viz_mosart/#!prettyPhoto[videos_screenshots]/1/

http://www.vizrt.com/products/viz_mosart/#!prettyPhoto[videos_screenshots]/4/

* Candidato al Consiglio nazionale dell’Odg con la lista “Un Ordine Per Te”

 

 

4 Commenti "INFORMAZIONE: GIORNALISTI O PRODUCER, DA MOSART ARRIVA LA MUSICA SBAGLIATA"

  1. Come sempre chiaro ed efficace, Marco. Grazie!

  2. Grazie Marco. Ti aggiorno solo che i contratti FRT vengono applicati ai giornalisti da molto tempo (c’è un articolo nel contratto FRT dedicato agli iscritti di questa categoria e i contributi previdenziali vanno versati all’Inpgi).
    E questo grazie al benestare di tutti.

  3. Un mondo governato dalle macchine, dove gli uomini-schiavi saranno perennemente in bilico fra sopravvivenza ed estinzione…
    Non è il plot di un film di fantascienza, ma la triste realtà di un futuro non molto lontano!
    Alle grandi multinazionali non interessano le sorti delle persone, ma il puro profitto fine a se stesso. Se nessuno metterà un freno a questa folle tendenza, presto si accorgeranno che non ci sarà più nessuno a comprare i loro servizi e sarà troppo tardi, per noi e per loro.

    Un lavoratore Sky soppiantato da una macchina.

  4. Grande Marco. Avanti così. Un giornalista che abbia ancora un minimo di dignità non può permettere una strage sociale in nome di quattro spiccioli in più e dello svilimento totale della sua professione. La tua elezione dà molta speranza a tutti quelli che non vogliono cancellare per sempre il vero mestiere del giornalista, che cerca, verifica e approfondisce le sue notizie.
    No ai trasferimenti e ai licenziamenti nella sempre più ricca Sky, già decretati illegittimi dal tribunale del lavoro.
    Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


16 − uno =