ORDINE, MENZOGNE NEL SEGNO DI UNA CAMPAGNA ELETTORALE GIA’ VOLGARE

 

di Stefania Conti *

Leggo con dispiacere – prima ancora che con indignazione – quanto scritto dal vice segretario della Fnsi Paolo Butturini a proposito delle elezioni per il rinnovo dell’Ordine dei giornalisti.

E subito mi viene da pensare: ma è mai possibile che a ogni appuntamento elettorale i giornalisti – e segnatamente quelli della cosiddetta maggioranza – debbano trasformarsi in lupi assatanati che non disdegnano bugie e volgarità pur di colpire l’avversario? Quello che dalle nostre testate condanniamo nella classe politica, lo riproponiamo pari pari. Che tristezza!

Andrò per pillole. Ma non posso non cominciare dall’affermazione più grave e vergognosa. Butturini afferma che “questi signori” (leggi l’odiato Enzo Iacopino e il vituperato Bruno Tucci) “hanno mantenuto le loro poltrone con i voti di falsi pubblicisti o soggetti come Eraclito Corbi, padre padrone del Corriere Laziale che sfruttava i colleghi facendo loro avere il tesserino da pubblicista (dovuto) ma senza retribuirli. Corbi, grande elettore di questi signori, è indagato per “truffa allo stato” in merito ai finanziamenti pubblici ricevuti”.

Allora: Corbi è indagato perché Iacopino – all’epoca presidente nazionale dell’Ordine – chiede una sanzione disciplinare a suo carico. Sanzione confermata dal presidente regionale Tucci. I quali trasferiscono le carte alla Presidenza del Consiglio che blocca il finanziamento di circa 2 milioni di euro. Tucci a sua volta manda anche le carte alla procura, ed E’ PER QUESTO che Corbi è indagato. Non per una strenua e indefessa battaglia dell’Associazione stampa romana o della Fnsi.

Ma non è finita. Perché Butturini a sua volta querela per una questione privata il predetto Corbi e chiama, tra i SUOI testimoni, l’ignobile presidente nazionale dell’Ordine Enzo Iacopino che si reca a testimoniare a favore di Butturini.

E francamente mi pare alquanto diverso da come volgarmente la presenta Butturini. Tanto astio da stravolgere la realtà dei fatti. Come siamo caduti in basso!

E veniamo a un simpatico secondo punto. Butturini, sprezzante del pericolo, scrive – indicando una delle proposte della lista “Un Ordine Per Te” (nemica da abbattere con ogni arma): “Indietro non si torna – La presunta riforma dell’Odg deve essere riempita di contenuti sani: voto online, accesso alla professione, giurì per la correttezza dell’informazione. Peccato che questi signori siano esattamente quelli che hanno affossato tutti i tentativi di riforma degli ultimi 20 anni, quelli che hanno impedito che si costituisse il giurì per la correttezza privando così la Carta dei Doveri di uno strumento sanzionatorio e abbiano mantenuto un accesso alla professione che risale al 1963”.

Nessuno deve aver spiegato a Butturini che Iacopino è stato presidente dell’Ordine dal 2010. Prima a dirigere c’erano Roidi e Del Boca, della stessa maggioranza del nostro Butturini. E prima ancora erano sempre esponenti della medesima maggioranza. E allora ‘sti 20 anni di mancata riforma? Come la mettiamo? Ce ne accorgiamo adesso che la legge sull’Ordine è del 1963? Prima – e parlo di tanti anni – ci eravamo distratti?

Terzo punto. Vorrei rassicurare il Nostro sul da lui definito “giallo” delle scuole di giornalismo. Perché qui neanche Poirot… Puntoeacapo non ha MAI, ripeto MAI, fatto battaglie pregiudiziali contro le scuole intese come istituzione. Casomai abbiamo lottato contro il fenomeno delle DECINE di scuole aperte senza criterio in pochi anni e con la conseguente esplosione del precariato giornalistico. Che cosa non si fa per gli amici e i compagni! Iacopino ne ha chiuse 10 su 21 per gravi irregolarità. Chiuse, non aperte. Non si capisce quindi come le scuole potrebbero essere “grande riserva di caccia dell’ex presidente nazionale”. Encomiabile assai, poi, l’accenno in salsa mafiosetta al portavoce di Puntoeacapo (e dillo col nome e cognome, o ti vergogni?). Carlo Chianura, portavoce di Puntoeacapo, è diventato direttore delle testate al Master in giornalismo della Lumsa. E allora? E’ uno stimato professionista, con anni e anni di carriera alle spalle in un grande giornale, che certamente può dare molto a giovani che vogliono intraprendere questo mestiere. Non so se sono riuscita a spiegarmi, ma bisogna che capisca pure tu, caro Paolo, che non c’è contraddizione. Ma se non hai capito, tranquillo: posso provare a spiegartelo con altre parole. Basta che me lo fai sapere.

Ancora. Nella legge di riforma dell’Ordine è prevista una discriminazione per gli iscritti che non abbiano una posizione Inpgi. “Un Ordine Per Te” vorrebbe eliminarla. Ma all’astuto Butturini non la si fa. Lui sì che ha capito che questo è nientemeno che “il grimaldello per tornare al passato”. Perché, argomenta il nostro, “Se un giornalista non ha una posizione Inpgi (1 0 2) significa soltanto due cose: 1 – è sfruttato e quindi gli va garantita l’applicazione del contratto e delle leggi esistenti 2 – non fa il giornalista e quindi non dovrebbe nemmeno essere iscritto all’Albo”.

E se lo dice lui, bisogna credergli. Perché è da anni e anni che fa sindacato, è stato segretario di Stampa Romana, prima ancora nel direttivo, e ora è in una posizione apicale della Fnsi. Quella stessa che ha approvato la legge sull’equo compenso che prevede ben 4.980 euro L’ANNO per i precari. Iacopino ha fatto ricorso al Tar contro questa legge (appoggiata, ripeto, dalla Fnsi) e infine il Consiglio di Stato l’ha bocciata sostenendo che viola la Costituzione e aumenta troppo il potere degli editori. Le stesse argomentazioni di Iacopino. E vogliamo parlare, sempre per restare sulla Fnsi dove il Nostro alberga, del contratto del 2009?

Ultimo punto, ma solo per celiare. Butturini scrive che chissà come farà “Un Ordine per te” a combattere per i giovani visto che su 6 candidati, 4 sono pensionati. Qui si è divertito a fare il conto Iacopino e io lo cito. “Un Ordine per te” mette in campo 856 anni. Gli diamo una notizia: la lista da lui caldeggiata di anni in totale fa 871. Con un candidato in meno.

Ahi ahi, come siamo caduti in basso!

* Esponente di Puntoecapo, consigliera generale per Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × 3 =