EX FISSA, SARA’ PAGATA PER INTERO LA RATA 2017? I DUBBI ARRIVANO IN PARLAMENTO

di Paola Cascella *

L’ex Fissa? Un oggetto misterioso, avvolto nella nebbia. Ma soprattutto un diritto, che del diritto non ha più nessuna caratteristica.

Mentre i giornalisti in pensione (circa 1600, tra i quali anche quelli in attesa da oltre sette anni) non sanno ancora se riceveranno la rata di fine anno delle somme dovute, la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni non solo non fornisce notizie chiare in merito alla consistenza del Fondo sul quale la Fieg dovrebbe depositare il contributo destinato appunto al Trattamento previdenziale integrativo. Ma lascia nella confusione e nell’equivoco la Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale davanti alla quale è comparsa il 28 settembre scorso insieme alla direttrice generale Mimma Iorio. Come dimostra la registrazione di quel giorno.

Chiede il presidente Lello Di Gioia: “…voi come giornalisti avete una specie non di Tfr, ma un ulteriore Fondo, che è stato totalmente prosciugato da coloro che sono andati in pensione. E’ vero, o non è vero? E’ stato totalmente prosciugato da coloro i quali come i direttori dei giornali… Non lo gestite voi, per carità, ma c’è un problema serio…”.

Risposta di Macelloni: “Sì, è un fondo delle parti sociali”. Nessuna precisazione. Dunque la colpa è dei direttori e dei giornalisti che hanno lasciato il lavoro, magari perchè prepensionati di forza dalle loro aziende? Parrebbe di sì, visto che neanche una parola viene spesa sul fatto che se il Fondo è a secco, o quasi, le responsabilità vanno cercate prima di tutto sul versante editori che non hanno rispettato i patti, astenendosi, in tutto o in parte, dal versare l’aliquota prevista per ciascun giornalista, come stabilito dalla Convenzione siglata nel 2014.

Ma ci sono aziende che quel contributo lo versano, osserva Di Gioia. La Rai per esempio, concorda Macelloni, che spiega: “Sono due fondi separati, quello della Rai e quello di tutti gli altri. Sono a contribuzione identica, ma le due gestioni sono separate. La Rai non lo versa neanche più a noi. Se l’è portato dentro e chiuso. Noi abbiamo ancora in gestione quello della Fieg, degli editori Fieg, che versano un’aliquota dell’1,5 per cento, ma non per i neoassunti. Lo versano al fondo di previdenza complementare per loro. Questo regime è stato modificato con il contratto di lavoro del 2014”.

In realtà non è proprio così. Macelloni dimentica che nell’ambito di questa voce, al nuovo fondo ex Fissa va appena lo 0,25 per cento per i neoassunti e per i colleghi con meno di dieci anni di anzianità alla firma dell’accordo del 2014. Il resto finisce nel fondo di debito. Dal 2026 questa voce salirà allo 0,50 per cento. E solo ad esaurimento del debito dell’ex fissa, ma solo allora, si arriverà all’1,5 per cento che finalmente andrà versato per intero al fondo. Qualcuno vedrà quel giorno? Chissà.

L’audizione della Commissione parlamentare passa ad altri argomenti. Probabilmente lasciando Di Gioia, come tanti giornalisti in pensione, nel dubbio sul futuro del Trattamento previdenziale integrativo. A cominciare dall’immediato: cosa accadrà nei prossimi mesi del 2017? Verrà versata la rata dell’ex Fissa? Difficile, sostengono fonti ben informate, nessuna delle quali ufficiale, come invece dovrebbe essere: il Fondo dal quale viene prelevata la rata annuale destinata a circa 1600 colleghi, sarebbe agli sgoccioli.

Dunque, bene che vada, Inpgi si preparerebbe a pagare (il suo ruolo è solo quello di ente erogatore), la metà del dovuto. In questo modo l’attesa dei pensionati in quiescenza si raddoppierebbe. Fino alla quarta e… alla quintà età. Ma che fine ha fatto il monitoraggio che la Commissione formata da Fieg e Fnsi tre anni fa, avrebbe dovuto fare sulla reale consistenza del fondo? Ci sono state le verifiche che, sempre secondo la Convenzione, sarebbero dovute avvenire “d’intesa con Inpgi”?

Inpgi Futuro lo ha chiesto più volte. Senza ottenere risposta dall’Istituto che, anzi, finora ha sostenuto di non sapere nulla sullo stato della “provvista” destinata all’ex Fissa. Come mai? Silenzio anche da parte della Fnsi. Unico segnale, tutt’altro che buono, il segretario Raffaele Lorusso ai primi di agosto ha sentito il bisogno di comunicare che qualora un pensionato, vecchio o nuovo, si volesse rivolgere al giudice per rivendicare la sua sacrosanta ex Fissa, la Federazione non lo lascerà solo e si costituirà parte civile accanto a lui. Un colpo di scena non piccolo, visto che il suo predecessore Franco Siddi si era anche lui costituito nel processo civile, ma contro i giornalisti.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


10 − 2 =