INPGI FUTURO, IL PROGRAMMA (IN SINTESI) PER UNA CASSA CHE PERDE MEZZO MILIONE AL GIORNO

L’Inpgi perde ormai mezzo milione di euro al giorno, la metà di quanto ci costa ogni ventiquattro ore l’Alitalia. Un dato drammatico che finalmente sembra smuovere la categoria da un consolidato torpore sulla previdenza dei giornalisti.

Bisogna cambiare passo, capire che è il momento dei provvedimenti eccezionali, è il momento per tutti di cambiare passo nell’azione del governo dell’istituto.

INPGI FUTURO, UNA PRESENZA TRASPARENTE E COMPETENTE

Inpgi Futuro è da sempre la lista sostenuta da Puntoeacapo, l’associazione di giornalisti che dal 2001 si batte per la difesa della professione giornalistica.

In questi anni, pur avendo una rappresentanza assolutamente minoritaria sia in Cda, sia in Consiglio generale, Inpgi Futuro ha svolto un fondamentale e concreto ruolo di controllo, di opposizione costruttiva e non demagogica, di trasparenza.

In particolare ricordiamo che gli eletti di Inpgi Futuro hanno:

  • lanciato l’allarme in maniera tempestiva sui conti dell’Inpgi con dati precisi e analisi lungimiranti, hanno votato contro tre bilanci (2015-2017), per denunciare la situazione di squilibrio e sollecitare i giusti correttivi;
  • denunciato gli errori palesi e i costi del sindacato che gravano per due milioni e mezzo di euro l’anno sulle casse dell’ente;
  • votato contro il prelievo forzoso sulle pensioni e organizzato una rete di assistenza legale per quei colleghi che hanno impugnato il provvedimento, dichiarato dal Consiglio di Stato legittimo ma non più ripetibile;
  • proposto in Consiglio generale a una maggioranza sorda e insensibile un effettivo ridimensionamento dei compensi degli amministratori;
  • conquistato una serie di tutele per gli inquilini nelle dismissioni immobiliari;
  • evidenziato le difficoltà del programma di alienazione degli immobili e sottolineato il rischio di svendita di quella che è la parte più rilevante del patrimonio dell’istituto;
  • mobilitato i colleghi sulla questione dei contributi non riscossi;
  • combattuto fattivamente per la risoluzione della vicenda della ex fissa;
  • informato in modo costante tutti i colleghi tramite i propri canali informatici e una newsletter.

CHI SIAMO, DA DOVE VENIAMO

Con noi ci sono leader storici dell’Inpgi, come anche giovani colleghe e colleghi preoccupati come noi e coscienti dell’importanza della posta in palio (leggi le brevi biografie dei candidati). Ed è con orgoglio che vanno sottolineate la qualità e la forza della presenza femminile, dato peraltro fondativo della nostra associazione.

Tutte e tutti di diversa provenienza, i nostri candidati sono coscienti di sfidare un blocco sindacale-professionale che ha messo al tappeto la nostra categoria e lo stesso Inpgi con gli sciagurati contratti del 2009 e del 2014.

Noi di Inpgi Futuro siamo chiamati a una battaglia difficile, ma di avanguardia: difendere l’Inpgi e scongiurare l’egemonia di chi oggi afferma di voler difendere l’istituto dopo aver messo in atto negli anni passati le condizioni per la sua crisi.

LE SFIDE CHE ATTENDONO L’INPGI

L’obbligo dei futuri amministratori è quello di restituire all’Inpgi titolarità dei diritti sul proprio futuro. È necessario per questo imporre alle parti sociali un ruolo propositivo anche in sede legislativa per questi obiettivi.

  • Il rilancio degli investimenti e della occupazione sana nel settore.
  • La difesa del potere di acquisto delle pensioni.
  • Lanciamo una proposta che può rivelarsi più semplice ed efficace dei tentativi di inseguire le grandi multinazionali del digitale con la web tax. Poiché è soprattutto attraverso gli smartphone che si condividono e si sfruttano in modo gratuito (e illecito) i contenuti dei mezzi d’informazione, proponiamo un “ticket” di 1 euro al mese su ogni smartphone, per restituire al settore dell’editoria quello che gli viene rubato con la lettura gratuita di massa. Ci sono in Italia circa 35 milioni di schede sim, si potrebbero quindi raccogliere 35 milioni di euro al mese, circa 400 milioni all’anno. La somma potrebbe essere destinata per un terzo all’Inpgi (circa 130 milioni all’anno), mentre i due terzi potrebbero essere ripartiti fra i gruppi editoriali, in proporzione ai lettori e alla diffusione, ma soprattutto alla applicazione corretta del contratto di lavoro.
  • Accelerare l’attuazione della legge sull’equo compenso, con controlli accurati su pagamenti dignitosi dei collaboratori.
  • Sollecitare il nuovo contratto nazionale di lavoro. Solo con stipendi più alti e con regole chiare sulla corretta applicazione di retribuzioni e ponendo fine agli abusi del lavoro parasubordinato sarà possibile dare una mano all’istituto.

L’IMPEGNO CHE CI PRENDIAMO CON TE

Abbiamo elaborato un programma articolato (VEDI IL PROGRAMMA COMPLETO) che ci impegniamo a realizzare. Ecco i punti principali.

  • Dare autonomia gestionale all’istituto e porre fine al consociativismo con Fieg e Fnsi che ha affossato i conti dell’Inpgi scaricando sull’istituto i costi della crisi a vantaggio delle aziende.
  • Allargare la base contributiva, andando a scovare con metodi innovativi chi fa il giornalista ma versa all’Inps.
  • Anticipare almeno al 2021 l’entrata in vigore della legge sull’ampliamento della platea ai comunicatori.
  • Se le misure non saranno sufficienti a riequilibrare i conti, una revisione della riforma che potrà anche allineare le prestazioni a quelle del sistema generale.
  • Spingere per il pagamento in tempi rapidi della Ex Fissa.
  • La tutela degli inquilini: affitti più equi e tutele senza abusi sugli acquisti del proprio alloggio.
  • Valorizzare il patrimonio immobiliare: lotta all’eccessiva sfittanza di appartamenti e revisione delle commissioni e spese pagate dal Fondo immobiliare alla società di gestione InvestiRE Sgr.
  • Una riforma dello statuto: meno consiglieri generali, più parità di genere.
  • Una revisione delle spese e dei compensi degli amministratori: con serietà, senza demagogia, ma con decisione, come abbiamo già dimostrato di voler fare.
  • Nuove garanzie per gli iscritti all’Inpgi 2, a partire dall’introduzione di ammortizzatori sociali per i co.co.co. e i lavoratori autonomi.
  • Maggiori controlli per evitare che i giornalisti siano trattati come liberi professionisti con partite Iva quando invece, come accade sempre più diffusamente, svolgono un lavoro continuativo, di fatto come dipendenti, ma con elusione delle norme su assunzioni e versamenti fiscali e contributivi.

 

IL 10, 11, 12, 15 E 16 FEBBRAIO
NON STARE A GUARDARE
VOTA INPGI FUTURO PER DIFENDERE
IL TUO WELFARE DI OGGI E DI DOMANI

Qui le biografie dei candidati

Qui il programma in brevissimo di Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


sei + cinque =