INPGI, NO PRELIEVO: ABBIAMO COMBATTUTO UNA BATTAGLIA DI CIVILTÀ, ECCO PERCHÉ NON ABBIAMO PERSO

di Salvatore Rotondo *

Lunedì 27 gennaio saranno esattamente sei mesi dall’ultimo articolo pubblicato su questo sito, il 27 luglio del 2019. Ai colleghi che, col trascorrere dei giorni, delle settimane e dei mesi, mi hanno chiesto ragione del silenzio, ho spiegato che la nostra comune lotta, per respingere lo scippo operato dell’Inpgi sulle nostre pensioni, era virtualmente terminata il 26 luglio con la sentenza del Consiglio di Stato che aveva confermato il precedente giudizio del Tar del Lazio. E l’ultimo articolo riportava questa sgradevole informazione.

Ma esisteva ancora l’ipotesi di un ricorso in Cassazione. Ipotesi più astratta che concreta, perché riservata a delle circostanze tecnico legali molto ristrette, che gli avvocati hanno valutato con estrema attenzione. Su questa ipotesi, il Comitato GiornalistiNoPrelievo, in accordo con i colleghi di Puntoeacapo, che ci hanno sempre accompagnato in un percorso durato cinque anni, a partire dal primissimo allarme circolato sul contenuto della riforma che l’Inpgi stava varando, non voleva creare delle illusioni. Di qui i lunghi mesi di silenzio, mentre il dibattito e le informazioni si susseguivano, sui temi più generali, nel sito di Puntoeacapo e nella pagina Facebook Riforma Inpgi.

Alla fine, in queste ore, all’eventualità di un ulteriore passo legale si è unanimemente rinunciato: d’accordo gli avvocati, d’accordo i tre ricorrenti, d’accordo il Comitato. Un insieme di considerazioni hanno giocato su questa scelta, non ultima di certo l’inopportunità di un’ulteriore azione legale da assumere nei confronti di un istituto, il nostro istituto, in grandissima sofferenza. E poi, se non fosse ancora abbastanza chiaro, dobbiamo prendere atto che nel nostro Paese non esiste più una giustizia che regola il proprio metro di giudizio sulle leggi, ma sulle necessità economiche. Se la Cassazione in trenta e più sentenze ha affermato che un istituto di previdenza non può tagliare le pensioni in assenza di una legge che l’autorizzi a farlo è perché ciascuna di queste sentenze rimborsava i singoli ricorrenti, per la maggior parte dottori commercialisti.

Con cause iniziate dai pretori del lavoro che sono andate avanti per “secoli” e che sono costate ai ricorrenti più di quello che hanno avuto in rimborso. Noi avevamo scelto un’altra strada. Con un ricorso al Tar del Lazio, e poi l’appello al Consiglio di Stato, che avrebbero avuto valore “erga omnes”, cioè per tutti i pensionati Inpgi. E lo stesso sarebbe stato per una improbabile sentenza favorevole della Cassazione, se interpellata dopo il Consiglio di Stato. Il nostro percorso inoltre ha avuto tempi molto più rapidi e costi suddivisi (50 euro a testa) sulla vasta platea dei colleghi che hanno generosamente partecipato alla colletta.

E dunque ha avuto ragione chi predicava dalla prima ora che saremmo “andati a sbattere”? Mi permetto di riproporre, per intero il primo breve articolo che a mia firma aveva varato questo sito il 12 settembre 2015.

C’è qualcosa che da qualche tempo ammorba il nostro respiro. E’ la leggenda mefitica di uno scontro economico tra padri, sempre più ricchi, egoisti e detentori di diritti, e figli, sempre più poveri e con meno diritti. E’ vero soltanto il secondo termine del paragone e la classe politica che ci governa, incapace di dare risposte concrete, cerca di attenuare le sue responsabilità indicando un falso nemico da battere: i vecchi che si ostinano a non morire.

E’ il senso del ricatto morale che l’Inpgi vorrebbe imporci tagliandoci le pensioni ed etichettando un furto con la parola “solidarietà”. Dunque chi non accetta il taglio è un egoista. O una “locusta”, volendola dire con Emiliano Fittipaldi (vedi l’Espresso del 9 giugno scorso).

E’ triste vedere che anche molti anziani hanno sposato la tesi, alcuni per ingenuità, altri spinti da un calcolo sporco e perdente: che i giovani per questo li voteranno. Alla nostra raccolta di firme sulla “lettera aperta” stanno aderendo anche colleghi in attività che hanno capito che lasciar passare il precedente di un Istituto di Previdenza che, anziché pagare le pensioni, si arroga il diritto di tagliarle, costituisce una pesante ipoteca sul loro futuro. Vorremmo che alla fine ce ne fossero molti. A dimostrazione che il ricatto è stato rispedito al mittente. Vogliamo vincere questa battaglia perché siamo solidali con i nostri figli. Come potrebbe essere altrimenti?

Già come avrebbe potuto essere altrimenti? Ogni singolo passo che abbiamo fatto, tutti insieme, era volto a salvaguardare per noi e per chi verrà dopo il principio che un istituto di previdenza non può arrogarsi il diritto di tagliare le pensioni. Abbiamo ottenuto “soltanto”, su pronuncia del Consiglio di Stato, che il prelievo forzoso, in scadenza a febbraio, non potrà essere prorogato. Abbiamo ottenuto “soltanto” di riscoprirci in grado di lottare fianco a fianco con migliaia di vecchietti come noi. Abbiamo ottenuto “soltanto” di ritrovare amici che avevamo perso per strada e di scoprirne di nuovi, non per giocare a scopa o a bocce, ma per dimostrare che abbiamo una dignità e che siamo in grado di reagire.

Abbiamo ottenuto “soltanto” di mettere insieme, con la raccolta fondi per il percorso legale, grazie a centinaia di colleghi, una discreta somma che verrà devoluta in beneficenza. Come ci eravamo impegnati a fare. Ne riparleremo dopo il voto per rinnovare i vertici dell’Inpgi. Appuntamento quest’ultimo che capita nel momento più drammatico per il nostro istituto di previdenza. E soprattutto di questo parleremo, a brevissima scadenza, nel prossimo articolo.

* Comitato NoPrelievo

A questo link l’articolo sul sito Giornalisti No Prelievo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + 3 =