INPGI, SE LA DISPERAZIONE DI UN PICCOLO GRUPPO DI POTERE FA AGITARE LO SPAURACCHIO DI ORBAN

di Salvatore Rotondo *

Davanti al Ministero del Lavoro – in un’anomala conferenza stampa prima di essere ricevuti dal capo di Gabinetto del ministro Andrea Orlando – il presidente Inpgi Marina Macelloni, il presidente Fnsi Giuseppe Giulietti e il segretario Raffaele Lorusso, hanno sfoderato ieri l’artiglieria pesante della retorica per cercare di allontanare lo spettro di una salvezza delle pensioni dei giornalisti subordinata alla chiusura dell’Inpgi.

Lo hanno fatto fingendo di ignorare la realtà della scomparsa dall’orizzonte dell’allargamento della platea contributiva con i recalcitranti comunicatori. Lo hanno fatto senza badare a spese nel dissipare la componente di ragionevolezza delle loro argomentazioni sulla riforma del servizio pubblico, sulle querele temerarie, sulle responsabilità degli editori che hanno lanciato una massiccia campagna di prepensionamenti, con il ricorso agli stati di crisi, e di precarizzazione del lavoro. Lo hanno fatto decidendo scientemente di puntare soltanto sugli effetti speciali.

In altre parole le serie problematiche e responsabilità che hanno strangolato l’informazione e con essa la previdenza giornalistica sono state sbandierate oscurando l’urgenza della voragine creatasi nei conti dell’Inpgi. Questo incombente fallimento, per la presidente Inpgi Macelloni e per il segretario della Fnsi Lorusso, va messo in coda a tutti gli altri problemi. Che ci si trovi di fronte a svariate cause con conseguente effetto è fuori discussione. Ma sarebbe come dire che prima di buttare un salvagente a un povero migrante che rischia di annegare occorre verificare se ha in tasca un passaporto e se è regolarmente rinnovato.

In particolare Giulietti da parte sua ha definita un “Bengodi” l’offerta da parte dell’Inps di applicare ai giornalisti pensionati la stessa salvaguardia già attuata in passato in favore di tutti gli ex lavoratori di istituti di previdenza che non erano più stati in grado di garantire i pagamenti integrali dei trattamenti di quiescenza. “Se il presidente Inps ha da offrirci un Bengodi – ha detto Giulietti – allora cosa aspetta? Ci chiami subito e la proposta arrivi sul tavolo di Draghi”.

Il massimo rappresentante, non di una cinica casta padronale, ma di un sindacato, utilizza dunque un termine sinonimo di pacchia, di cuccagna, di fantasiosa utopia, per definire il regolare pagamento delle retribuzioni differite acquisite con intere vite di versamenti contributivi. Confondendo forse quello che è un diritto inalienabile con il Bengodi dei milioni che il sindacato unico incassa dall’Inpgi ogni anno e che sarebbe perso in caso di assorbimento da parte dell’Inps.

Ancora Giulietti è arrivato a definire “pericolosissima” l’eventuale confluenza dell’Inpgi nella previdenza pubblica, perché rischierebbe di “catapultare l’informazione del nostro Paese in una situzione analoga al modello imposta da Orban in Ungheria”.

Franco Abruzzo (consigliere del Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti) ha commentato così questo strampalato exploit: “Oggi la professione è messa a rischio solo dai bilanci fallimentari dell’Inpgi. L’Inps significa soltanto sicurezza economica per i giornalisti dipendenti e, quindi, libertà di esercitare la professione stessa senza incubi”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*