CASAGIT, LA MINORANZA IN CDA DEVE LAVORARE PER DIFENDERE VALORI E FUTURO DELLA CASSA SANITARIA DEI GIORNALISTI

di Stefania Tamburello *

La prima riunione del nuovo Cda della Casagit si terrà il prossimo 20 luglio. E’ quindi troppo presto per dare indicazioni sul programma di lavoro dei prossimi mesi, anche se i primissimi segnali – la mozione iniziale per rivedere al rialzo i compensi dei vertici – non sono incoraggianti.

E certo si è visto già che la maggioranza è compatta nell’andare diritta per la propria strada e la minoranza – alla quale appartengo – è davvero minoranza (3 su 11) e dovrà dimostrarsi compatta. Il mio impegno sarà comunque quello di concentrarmi sulle cose da fare assieme a chi – maggioranza o minoranza che sia – si troverà d’accordo con il programma di “Insieme per Casagit”.

L’avvio dell’attività sarà comunque difficile perché il cda dovrà innanzitutto accantonare la questione del rialzo dei compensi, verificando l’impegno in tal senso espresso dopo la sua nomina dal presidente Gianfranco Giuliani.

Le sfide da affrontare per la Casagit trasformata in Mutua sono significative, come rilevante è il rischio di tenuta dei conti aziendali di fronte all’impressionante calo del numero dei giornalisti contrattualizzati e dei loro contributi.

C’è da far funzionare il sistema delle nuove polizze che Casagit dovrà piazzare sul mercato, stringendo accordi con categorie di lavoratori e con associazioni professionali per aumentare il suo giro di affari e d’azione. Nello stesso tempo si dovrà continuare a garantire ai giornalisti la stessa copertura assicurativa di sempre, migliorandola laddove sarà possibile.

L’azione sarà in particolare indirizzata a rafforzare la medicina preventiva e quella di genere. Servono idee, progetti e lo sforzo di tutti per fare decollare la nuova Casagit che, non dimentichiamo, appartiene ai giornalisti e che può contare su una struttura forte e preparata.

* Cda Casagit per “Insieme per Casagit”, esponente di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*