INPGI FUTURO: IL PIANO DISMISSIONI DELLE CASE TORNI IN CDA

 

Il Cda dell’Inpgi deve tornare a occuparsi del piano di dismissioni delle case dopo che è venuta alla luce una serie di dubbi e riserve sull’operato della InvestiRe e in generale sulla attuazione del piano. E’ la sintesi di una nuova lettera inviata da Inpgi Futuro alla presidente dell’Inpgi.

“Facciamo seguito alla nostra ultima comunicazione del 10 ottobre“, scrivono Carlo Chianura e Paola Cascella, consiglieri di amministrazione eletti con la lista di Inpgi Futuro, “per tornare sulla vicenda delle dismissioni immobiliari, sempre con quello spirito collaborativo di chi ha il solo obiettivo di evitare gravi conseguenze all’istituto nel malaugurato caso di fallimento del piano”.

“Insistiamo che il punto di fondo è la chiarezza e la trasparenza dell’operazione di vendita, oltre che la professionalità degli incaricati. Sulla chiarezza e la trasparenza c’è da osservare che non è pensabile che tutti i soggetti interessati –  Cda, Commissioni, Comitato di controllo e sindacati inquilini – abbiano considerato valutazioni degli immobili a metro quadro (valutazioni che normalmente sono già commerciali, quindi comprese le mura) per poi apprendere che gli inquilini in queste settimane hanno ricevuto proposte di vendita del proprio appartamento con una valutazione a corpo.

“Riteniamo doveroso”, proseguono i consiglieri di Inpgi Futuro, “che, se si vuole cambiare metodo in corsa, bisogna ricominciare la trafila e farsi dare l’approvazione da tutti gli organismi competenti, a partire dal Cda. Oppure vanno chiarite tutte le metodologie con cui i soggetti interessati hanno effettuato le misurazioni a corpo e in che misura hanno valutato le incidenze e le parti condominiali.

“A questo proposito abbiamo chiesto alla direttrice generale nei giorni scorsi di acquisire la perizia dell’esperto indipendente Reag.

“Per quanto riguarda invece la professionalità degli incaricati: un venditore serio non solo presenta all’acquirente la pianta catastale e una misurazione precisa della singola unità immobiliare che vuole vendere (e devono essere conformi l’una all’altra nella disposizione degli spazi, altrimenti il notaio non rogita) ma spiega dettagliatamente come si è arrivati a determinare il valore a metro quadro dell’immobile.

“Possiamo dire che questo è davvero avvenuto?

“Abbiamo la consapevolezza che con questi metodi saranno venduti ben pochi appartamenti? Nessuno sborsa i propri soldi senza certezze su che cosa acquista.

“Nessun privilegio per gli inquilini, siamo d’accordo con te. Ma è interesse strategico dell’istituto avvicinare la domanda all’offerta, in modo da realizzare una vendita che consenta all’istituto di liquidare al meglio una quota fondamentale del patrimonio da reinvestire secondo criteri di maggiore liquidità.

“Ti chiediamo pertanto”, concludono Cascella e Chianura, “di valutare se il Cda, al di là della informativa ricevuta il 28 settembre scorso, non debba riesaminare l’intera materia, garantendo quella chiarezza e quella trasparenza che finora sono francamente mancate”.

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × 2 =