CASE INPGI, PRIMA TRANCHE DI CASE IN VENDITA. MASSIMA ATTENZIONE DI INPGI FUTURO SULLA TRASPARENZA

 

di Alessandra Spitz *

Dal primo settembre, nel rispetto dei tempi previsti, entra nel vivo la grande operazione di vendita degli immobili dell’Inpgi. E’ stata infatti approvata dal comitato consultivo di controllo della Sgr Giovanni Amendola la prima lista di proprietà che verranno offerte sul mercato e che e’ stata pubblicata sul sito dell’Istituto, cosi’ come verranno pubblicizzate tutte le altre liste che verranno definite nel corso del prossimo anno.

Il comitato ha infatti deciso di fornire su questa operazione informazioni complete e costanti in modo da rendere il processo di vendita chiaro e trasparente a tutti, inquilini e giornalisti iscritti all’Istituto.

Il 9 settembre si svolgera’ l’incontro tra gli esponenti della Sgr ed i sindacati degli inquilini e, subito dopo, verranno inviate a tutti gli inquilini degli stabili in vendita le lettere con la proposta di acquisto agevolato in cui verra’ anche illustrato il prezzo del singolo appartamento e che verra’ scontato del 20%.

Da quel momento ogni inquilino (o i suoi familiari fino al quarto grado di parentela) avra’ 60 giorni di tempo per fornire la propria risposta, periodo durante il quale potra’ essere in costante contatto con gli addetti incaricati dalla Sgr che saranno a sua disposizione per fornire tutta l’assistenza necessaria. Saranno anche a disposizione dei consulenti finanziari per aiutare nella scelta delle offerte di finanziamento che un gruppo di banche di primaria importanza si e’ impegnata a fornire alle migliori condizioni del momento e nella scelta dei notai che, in convenzione, offrono tariffe agevolate.

Ma come verra’ individuato il prezzo di vendita? Su questo delicatissimo aspetto della operazione e’ stato definito un meccanismo di parametri oggettivi per garantire la massima trasparenza. Un elemento su cui l’attenzioone e la vigilanza di Inpgi Futuro saranno massime.

La Sgr ha incaricato tecnici specializzati per verificare le superfici di ogni singola unita’ attraverso rilievi puntuali e per rilevare eventuali difformita’ nella distribuzione degli spazi interni. Un attivita’ di fondamentale importanza per avere un dato certo sugli immobili sia dal punto di vista delle dimensioni che della regolarita’ urbanistico/catastale.

E’ stata poi eseguita una approfondita indagine di mercato sul valore attuale degli immobili sia sulla base dei prezzi reali del momento, sia sulla base dei valori espressi dai principali Istituti di ricerca del settore. E’ stato cosi’ individuato un prezzo medio di vendita in considerazione anche della qualita’ edilizia e manutentiva dell’immobile sia del suo posizionamento specifico. In base a questo prezzo medio, le singole abitazioni verranno poi valutate in base ad una serie di coefficienti che possono alzare od abbassare il prezzo medio di vendita.

I coefficienti oggettivi che sono stati individuati sono : 1) coefficiente di piano in presenza di ascensore (maggiore ai piani alti, minore ai piani bassi); 2) coefficiente di esposizione ( maggiore a sud , minore a nord) ; 3) coefficiente di affaccio (maggiore se silenzioso , minore se rumoroso); 4) coefficiente di fruibilita’ degli spazi ; 5) coefficiente stato manutentivo (applicato solo alle unita’ libere) ; 6) coefficiente dimensionale (maggiore per tagli appetibili). Gli inquilini avranno anche la possibilita’ di cambiare l’alloggio da acquistare entro lo stesso compendio immobiliare.

Se l’inquilino, trascorsi i 60 giorni, decidera’ di non acquistare avra’ la possibilita’ di affittare un altro appartamento dell’Inpgi e l’appartamento verra’ offerto , senza sconto, in un bando dedicato a tutti i giornalisti e dipendenti dell’Inpgi che avranno 30 giorni di tempo per prenotarsi e che godranno di tutta l’assistenza finanziaria e notarile prevista. Solo dopo questo periodo gli immobili invenduti verranno offerti sul mercato.

Per garantire rapidita’ all’operazione la SGR si e’ mantenuta la possibilita’ – in caso di ostacoli oggettivi che possano emergere – di ritirare dalla vendita gli stabili inclusi nella lista per sostituirli con altri che rientrano tra quelli oggetto di dismissione. L’obiettivo e’ di concludere vendite per un valore di 650 milioni di euro entro i primi mesi del 2019.

* Consigliere generale di Inpgi Futuro, membro del Comitato di gestione del Fondo immobiliare Amendola

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


dieci + venti =