INPGI, MICIDIALE SERIE DI SENTENZE DELLA CASSAZIONE CONTRO L’INPGI: NO AL RECUPERO DEI CONTRIBUTI. ORA L’ISTITUTO SI DEVE MUOVERE PERCHÉ NON ACCADA PIÙ

 

di Pierluigi Franz *

Con una serie di decisioni destinate a suscitare discussioni e polemiche la Cassazione ha dato torto all’Inpgi che chiedeva a grandi aziende editoriali di pagare i contributi di legge.

Per esempio la Corte Suprema ha definitivamente respinto la richiesta dell’Inpgi di avere da Rti (Gruppo Mediaset) contributi per circa 1 milione e mezzo di euro, come emergeva da un’ispezione in azienda per 7 giornalisti per il periodo maggio 1999-febbraio 2005, tra i quali il noto commentatore sportivo e telecronista di partite di calcio di Champions League, nonché conduttore di “Controcampo” dal 1998 a 2012 su Italia 1 Alessandro Piccinini.

La sentenza 12587 del 2016, scaricabile dal sito http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20160620/snciv@sL0@a2016@n12587@tS.clean.pdf, potrebbe avere effetti devastanti per la FNSI e per l’INPGI per i riflessi negativi a cascata su altre analoghe vertenze in corso, perchè si affermano principi giuridici che di fatto potrebbero stravolgere il contratto di lavoro giornalistico.

Alla luce di questa sentenza Fnsi ed Inpgi dovrebbero organizzare al più presto un Convegno giuridico con magistrati, esperti del diritto del lavoro ed aziende al fine di evitare che possa definitivamente scomparire la figura del giornalista lavoratore subordinato, sostituito impropriamente dalla figura del giornalista lavoratore autonomo “mascherato” con versamento dei contributi all’INPGI 2, anzichè all’INPGI 1 (e quindi senza alimentare per neppure un euro il fondo degli “ammortizzatori sociali”, come disoccupazione, cigs, contratti di solidarietà, Tfr in casi di fallimento, ecc.). Altrimenti l’Inpgi 1 non avrebbe vita lunga.

Amministratori e sindaci non sanno nulla di ciò che accade nei tribunali. Non se ne è mai parlato in CdA, in Consiglio Generale, né nelle commissioni Contributi e Vigilanza, Previdenza e Occupazione (queste ultime due si sono riunite pochi giorni fa).

Il “caso Piccinini” è clamoroso, simile a quello di Bruno Vespa. Per 15 anni Piccinini, giornalista professionista, ha versato all’INPGI 1 i contributi per le sue telecronache in tv su reti Mediaset. Poi ha optato per l’Inpgi 2 dove vige il “tetto” retributivo a 100.324 euro l’anno (quindi niente tasse sopra quella cifra). Naturalmente ha pattuito un compenso di lavoro autonomo di circa 4 volte superiore. Ma così facendo non ha più versato un euro per gli ammortizzatori sociali della categoria, continuando a fare il telecronista come i suoi omologhi colleghi di Rai, Sky e La7 che versano invece all’Inpgi 1.

Per la Cassazione va tutto bene. Ma nessuno all’Inpgi e alla Fnsi dice nulla? Si preoccupano solo di richiedere un ulteriore contributo di solidarietà ai giornalisti in pensione, nonostante che essi in questi ultimi anni abbiano però già versato all’incirca ben 30 milioni di euro tra blocco della perequazione e taglio sulle pensioni di importo più elevato!

 

* Sindaco Inpgi, comitato consultivo di Puntoeacapo

 

Nota: su www.francoabruzzo.it le altre sentenze della Cassazione contro l’Inpgi

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


7 + 10 =