INPGI, DISMISSIONI: INPGI FUTURO CHIEDE TUTELE DEGLI INQUILINI E SCONTI DIVERSIFICATI

 

di Alessandra Spitz*

 

Inpgi Futuro, pur essendo contraria (come spiegato nei giorni scorsi) al piano di dismissioni degli immobili Inpgi, intende mantenere la promessa fatta ai colleghi di controllare passo passo il processo che porterà a liquidare circa la metà del nostro patrimonio di case.

È con questo obiettivo che come membro del comitato consultivo e di controllo della SGR Giovanni Amendola, ho scritto una lettera ai vertici di Inpgi e di InvestiRe, anche sulla base dei risultati dell’incontro svoltosi sul tema con il Siai e gli altri sindacati degli inquilini.

 

Ecco i chiarimenti richiesti nella lettera:

 

  1. Scrive il Siai: ”Per le famiglie che decidono di non comprare è prevista la stipula di un nuovo contratto 5 anni più 3, solo se tutti i componenti del nucleo hanno più di 67 anni, e non soltanto il capofamiglia, come si pensava fino ad oggi”.

 

  1. È vera questa affermazione? Se fosse vera, saremmo di fronte ad una arbitraria interpretazione delle decisioni assunte dal Cda dell’Inpgi che, nella sua delibera del maggio scorso, parlava espressamente di inquilini, cioè degli intestatari del contratto di affitto con l’Inpgi, e non certo di componenti del nucleo famigliare. Saremmo anche di fronte ad una interpretazione contraria alla volontà del Cda di tutelare gli inquilini di età avanzata (purchè ovviamente la casa sia effettivamente abitata dall’intestatario del contratto).

 

  1. Scrive ancora il Siai che anche nella fase di vendita sul libero mercato “ i sindacati, anche per evitare abusi, contano di far valere il diritto di prelazione, previsto peraltro dal contratto sindacalmente concordato all’articolo 11: sarà nuovamente l’inquilino ad avere una seconda chance “ è vera questa affermazione? In caso positivo perché il Cda e il nostro comitato non ne sono stati informati?

 

  1. È necessario un chiarimento sul ruolo del Cda Inpgi, del Comitato amministratore di Inpgi 2 e del Collegio sindacale come anche della Commissione dismissioni immobili dell’Istituto che possiede il Fondo Amendola al 100%. E’ normale che i più importanti organismi dell’Inpgi apprendano i prezzi medi degli immobili in vendita dal sito del Siai e non vengano informati prima? La vendita degli immobili Inpgi è un processo così delicato che gli organismi Inpgi devono essere informati su punti così importanti come il prezzo medio fissato per gli immobili. Si tratta non solo di una questione politica e giuridica ma anche di trasparenza interna all’ Istituto e di rispetto dello Statuto. Perchè non è stato fatto?

 

  1. Gli organismi Inpgi devono poter valutare, come questo comitato, gli immobili sulla base di un report sintetico del costo di acquisto da parte dell’INPGI (anno compreso), delle spese di manutenzione straordinaria effettuate, del valore di mercato attuale, del rendimento attuale degli affitti, nonché dell’eventuale situazione di morosità e sfittanza delle singole unità immobiliari;

 

  1. Molti colleghi mi hanno segnalato che ritengono ingiusto un trattamento uguale per tutti, a prescindere dal fatto che si tratti di inquilini recenti o intestatari di contratti da 10-20 o 30 anni. Credo che sia una lamentela corretta e invito la presidente Macelloni a discutere nel prossimo Cda la questione e a valutare possibili correzioni in questo senso della delibera di maggio.

 

  1. Sempre i colleghi segnalano diversi abusi nei contratti di affitto: inquilini proprietari di abitazioni nello stesso comune o provincia, case riaffittate a noti morosi, casi di sub-affitto. Domando: è previsto un controllo di questi casi, prima di procedere alla vendita agevolata?

 

  1. Poiché l’esigenza dell’Istituto è di fare cassa, segnalo i casi dei complessi di Napoli via Santa Maria a Cappella Vecchia (in zona centralissima) e via San Giacomo de’ Capri e di Roma via Trionfale 6316, dove il prezzo fissato non appare congruo rispetto al prezzo medio di mercato e ai prezzi degli altri stabili. Perchè questa anomalia?

 

  1. Poiché le case dell’Inpgi sono di tutti i giornalisti perché non vengono resi noti a tutti anche i prezzi pieni, visto che molte case sono sfitte e che i colleghi non inquilini hanno solo un mese di tempo per esercitare i loro diritti?

 

  1. Molti colleghi inoltre invocano trasparenza sui casi degli immobili di Collegno (Torino), Campi Bisenzio (Firenze), Livorno, Taranto, Rosario di Mendicino (Cosenza) e Messina, messe in vendita da circa 20 anni assieme a quelle di Canalette di Rende (Cosenza) e di Arenzano (Genova) che sono stati invece inseriti nel bando? Sempre in nome della trasparenza i colleghi chiedono giustamente di conoscere tempistiche e prezzi di vendita degli immobili di nuova costruzione a Milano (porta Nuova) e Roma (stazione Tiburtina) conferiti ad InvestiRe tramite il fondo Hines.

 

* Consigliera generale per Inpgi Futuro, comitato di comparto Fondo Giovanni Amendola

10 Commenti "INPGI, DISMISSIONI: INPGI FUTURO CHIEDE TUTELE DEGLI INQUILINI E SCONTI DIVERSIFICATI"

  1. Innocenzo Cruciani | 18 settembre 2016 ore 11:41 | Rispondi

    Perché una persona, non giornalista, arrivata da poco in una casa Inpgi ora messa in vendita, deve avere lo stesso sconto di un giornalista che ha pagato per decenni alti contributi previdenziali ed esosi canoni di affitto? Inoltre, dov’è finita la tradizione di serietà dell’Istituto se si arriva al punto di aumentare del 20 % i valori di mercato per poi fingere di applicare lo sconto del 20%?

    • Come abbiamo risposto altrove, noi proponiamo (e crediamo non sia troppo tardi se c’è la volontà di farlo) non sconti ridotti ai nuovi entrati, ma sconti crescenti agli inquilini storici. Ma ti anticipiamo che nel Cda, a parte Carlo Chianura e Paola Cascella, c’è pochissima sensibilità sull’argomento.

  2. Mentre può essere discutibile e forse illegittima la scelta di non riservare lo sconto a inquilini entrati anche di recente, è del tutto ragionevole pensare a incentivi di sconto più alti in rapporto al numero di anni di inquilinato. Questa è la linea esposta da Alessandra Spitz, linea che condividiamo.

  3. In tutta questa baraonda di prezzi prelazione diritti sconti tutti dimenticano un altro problema importante quello dei portieri che lavorano per inpgi che a breve si potrebbero trovare senza lavoro e senza alloggio prevedendo una tutela solo del posto di lavoro per soli 3 anni e poi senza tutele e senza indennizzo

  4. Buongiorno,
    volevo sapere se ha mai ricevuto risposta alla sua lettera.
    Grazie

  5. E basta con questa storia del chi e’ giornalista e chi non, e basta con la storia dei contributi, io non sono giornalista,lavoro e pago i contributi come TUTTI, in piu’ pago anche le vostre pensioni con il mio bell’affitto (esoso come dice lei).
    Sono invece d’accordo che chi abita un appartamento INPGI da pochi mesi non possa essere equiparato a chi ci stà da una vita (giornalista o non).
    Dobbiamo essere uniti in questa lotta e utilizzare le nostre energie affinche’ questa porti a qualcosa di buono e non a farci la lotta tra giornalisti o non. Ricordatevi che la nostra ultima dimora, sara’ la stessa giornalisti o non.

  6. Vorrei segnalare l’assurdità del tetto massimo di reddito lordo per chi vorrebbe continuare ad essere affittuario indipendentemente dalla numerosità del nucleo familiare:ad un single che percepisce un reddito lordo annuo pari a 49.999,99 € può essere rinnovato il contratto mentre, a chi ha un nucleo familiare di 3/4/5/6 persone e percepisce un reddito annuo lordo di 50.000.01 € non può essere considerato l’ipotesi di rinnovo del contratto. Chiedo al sindacato di farsi carico di tale assurdità e di proporre una modifica strutturata a tale imposizone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


1 × 2 =