INPGI, RIFORMA: INPGI FUTURO CHIEDE MODIFICHE PER SANARE POSSIBILI INGIUSTIZIE

 

 

Un appello a riconsiderare il diritto alla pensione Inpgi a qualsiasi età con 40 anni di contributi. L’invito a stralciare dalla riforma Inpgi la misura che ridisegna pesantemente le pensioni totalizzate con la legge Vigorelli.

 

E’ questo, alla vigilia dell’approvazione della riforma previdenziale il 28 settembre, il contenuto di una lettera inviata alla presidente Inpgi Marina Macelloni, ai consiglieri di amministrazione e alla direttrice generale Mimma Iorio dai consiglieri di Inpgi Futuro Paola Cascella e Carlo Chianura.

“Cara presidente”, si legge nella lettera, “abbiamo compreso nell’ultimo Cda informale i motivi per i quali non si ritiene possibile il permanere nel regolamento Inpgi della possibilità di andare in  pensione con 40 anni di contributi a prescindere dall’età. Abbiamo ascoltato con attenzione gli argomenti dell’attuario. Continuiamo a osservare tre elementi.

Gli interessati saranno tendenzialmente sempre di meno.

Gli esborsi potrebbero essere compensati almeno in parte dalla permanenza in servizio di chi rinuncerebbe oggi alla pensione anticipata avendo la possibilità di restare fino ai 40 anni di contributi. Con conseguenti minori uscite previdenziali e maggiori entrate contributive.

Per alcuni che paradossalmente dovessero compiere i fatidici 57 anni il 1. gennaio 2017, con 39 anni e 11 mesi e 29 giorni di contributi, sarebbe impossibile andare in pensione per almeno altri 2-3 anni circa (giusta la legge Fornero)”.

I consiglieri Inpgi chiedono a questo punto dati esatti. “Vorremmo conoscere il numero preciso di quanti di qui ai prossimi cinque anni maturerebbero il diritto alla pensione con 40 anni a prescindere dall’età. E chiederti di rivalutare la questione, mantenendo il diritto alla pensione con 40 anni di contributi a qualsiasi età”.

 

La lettera di Chianura e Cascella prosegue affrontando il nodo della Legge Vigorelli. In sintesi, come hanno segnalato anche alcune decine di giornalisti della Cairo Editore inviata a ciascun consigliere, il diritto alla pensione con la somma dei contributi Inpgi e Inps sarebbe vincolato alla maturazione del requisito in entrambi gli istituti. Chi per esempio avesse il prossimo anno 62 anni di età e 38 anni di contributi, di cui 20 presso l’Inps non ricongiunti all’Inpgi, potrebbe andare in pensione di anzianità solo una volta maturati i requisiti di età in entrambi gli istituti, quindi a 66,7 anni. Un modo per annullare circa il 50 per cento delle attuali pensioni di anzianità.

 

Secondo la presidenza, l’interpretazione più corretta della legge Vigorelli sarebbe quella in via di adozione mercoledì 28. Gli attuali criteri sarebbero invece frutto di maggior favore finora adottato nei confronti degli iscritti.

 

A questo punto i due consiglieri di Inpgi Futuro chiedono che siano “fugati tutti i dubbi sulla legittimità della nuova interpretazione della legge Vigorelli, così come ci è stata illustrata. Sarebbe opportuno a nostro avviso uno stralcio di questo provvedimento, cui segua una richiesta di interpretazione autentica della norma al ministero del Lavoro. In caso di nulla osta ministeriale, ti anticipiamo che ci esprimeremmo a favore del provvedimento specifico. Non crediamo peraltro che una delibera specifica votata tra due mesi provocherebbe effetti su una riforma che non entrerà in vigore prima di gennaio 2017.

 

Infine la richiesta di un “chiarimento scritto nel testo finale della riforma  a proposito del mantenimento del cosiddetto diritto maturato anche oltre la prossima entrata in vigore della manovra. Esempio: chi compie 62 anni nel 2017 pur avendo oggi 35 anni di contributi va in pensione con abbattimento o senza?. Attendiamo le tue considerazioni”, si conclude la lettera di Chianura e Cascella, “prima del Cda di mercoledì”.

 

3 Commenti "INPGI, RIFORMA: INPGI FUTURO CHIEDE MODIFICHE PER SANARE POSSIBILI INGIUSTIZIE"

  1. Giuseppe Cipriani | 26 Settembre 2016 ore 20:04 | Rispondi

    Si spera che chi fa i conti li sappia fare, e non solo per contentare i rappresentanti del governo… Si sente dire che è già un successo ottenere i 62 anni con 40 di contributi, e che il governo premerebbe per i 42 e 10 mesi, così la riforma fornero sarebbe abbracciata in toto.
    Si dimentica che la stessa Inps e il governo non sanno decidersi su questioni analoge, e dall’Inpgi vogliono invece tutto e subito, senza gradualità e soprattutto senza equità nei confronti dei 4 giornalisti precoci. Sono curioso di vedere come va a finire.

  2. Giuseppe Cipriani | 27 Settembre 2016 ore 18:41 | Rispondi

    Se qualcuno poteva avere il dubbio che la Fnsi provasse almeno a salvar la faccia, invitando l’Inpgi a reintrodurre nella riforma i 40 anni a prescindere dall’età, è stato subito sconfessato. Il documento di riconsegna del testo è scontatamente in linea con quelli de “l’Inpgi siamo noi”, cioè loro, e non i giornalisti che lavorano e la foraggiano.
    Personalmente oserei sperare almeno in qualche lacrima di coccodrillo, del tipo fornero, da parte della presidentessa e della direttrice generale, che intanto tace.
    Nella manovra sono state inserite anche diverse altre strette che si riveleranno strada facendo, e si può dire forte, oggi, che una volta c’era un’Inpgi che oggi non c’è più, un’Inpgi che solo qualche anno fa vantava prerogative che oggi sono diventate chimere…
    Attendiamo ancora i conti fatti bene, per capire se almeno hanno fatto come si deve il mestiere sporco caldeggiato dal governo e se la riforma varrà i sacrifici imposti dalla sera alla mattina a vecchi, meno vecchi e giovani che amano questo mestiere.

    • Che dire, Giuseppe: la tua analisi sul ruolo della Fnsi è perfetta. Per quanto riguarda il tema dei 40 anni i consiglieri di Inpgi Futuro ci proveranno fino all’ultimo minuto. Ma hai ragione a non essere ottimista, per usare un eufemismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × 1 =