INPGI FUTURO: TUTELARE LARGO LORIA E ALTRI ALLOGGI VUOTI DAL RISCHIO OCCUPAZIONI

 

L’emergenza delle occupazioni abusive degli alloggi sfitti deve preoccupare anche l’Inpgi, che deve dotarsi di strumenti per tutelare il proprio patrimonio immobiliare vuoto. Lo affermano i consiglieri di amministrazione di Inpgi Futuro in una lettera inviata alla presidente dell’istituto Marina Macelloni.

Si tratta di una emergenza tornata in prima pagina proprio nei giorni scorsi in seguito agli sgomberi (con guerriglia) avvenuti a Roma in Piazza Indipendenza. Va anche ricordato che, secondo i dati, soltanto a Roma, sono occupati abusivamente circa cento edifici.

Inpgi Futuro, il gruppo sostenuto da Puntoeacapo, chiede “quali tempestivi provvedimenti intenda porre in atto” l’Inpgi per mettere in sicurezza il palazzo di Largo Loria oltre che le decine di edifici dei quali è proprietario l’Istituto, nei quali ci sono numerosi appartamenti sfitti da anni. Uno stato di cose derivante negli anni sia da una politica degli affitti sbagliata, sia dal blocco delle locazioni dovuto alle dismissioni immobiliari partite nel 2016.

I consiglieri di amministrazione Paola Cascella e Carlo Chianura ricordano che già nel gennaio scorso Inpgi si è trovato a fronteggiare un primo episodio critico quando un movimento di senza casa tentò di occupare l’immobile di Largo Loria, il più vasto del suo patrimonio, al centro di complesse vicende, anche giudiziarie, e dunque sfitto e vuoto da tempo.

Il tentativo fallì solo grazie all’intervento delle forze dell’ordine, ma non si può ignorare che durante i disordini un agente rimase seriamente ferito tanto da dover ricorrere alle cure ospedaliere.

Alla luce di tutto questo, secondo Inpgi Futuro, l’Istituto deve affrontare velocemente il problema, e lo deve fare anche, ma non solo, di concerto con Investire Sgr, la società che ha in gestione il patrimonio immobiliare e la sua dismissione.

Una collaborazione necessaria per prevenire “gravi e non auspicati danni patrimoniali” per l’istituto di previdenza dei giornalisti.

 

Di seguito la lettera inviata da Carlo Chianura e Paola Cascella a Marina Macelloni.

Cara presidente,
i recenti fatti di piazza Indipendenza a Roma fanno riemergere la piaga delle occupazioni abusive di alloggi. Come hai certamente letto, nella sola Capitale sono occupati attualmente circa cento edifici.

La questione riporta di attualità quanto avvenuto nello scorso mese di gennaio a Largo Loria, vale a dire il tentativo di occupazione del palazzo di nostra proprietà da parte di un movimento di senza casa. Il nostro più vasto bene immobile non fu occupato solo grazie a un tempestivo intervento delle forze dell’ordine, durante il quale un agente rimase seriamente ferito.

E’ opportuno a nostro avviso richiamare la tua attenzione affinché non abbiano a ripetersi episodi simili né in Largo Loria né in alcuno delle centinaia di appartamenti di proprietà dell’istituto sfitti da anni, sia per una errata politica degli affitti, sia dallo scorso anno per il blocco degli affitti legato alle dismissioni immobiliari.

Ti chiediamo pertanto quali ulteriori, tempestivi provvedimenti l’istituto intenda porre in atto – anche ma non solo di concerto con Investire Sgr – per tutelare il proprio patrimonio immobiliare in questa fase così complessa. Ciò al fine di prevenire gravi e non auspicati danni patrimoniali all’Inpgi.

Grazie per l’attenzione, cordialmente.

Paola Cascella Carlo Chianura

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tredici + quattro =