INPGI, CHIANURA: DAL MINISTERO DEL LAVORO PAROLE DA BRIVIDI SULLA RIFORMA

 

di Carlo Chianura*

Una riforma previdenziale votata anche da Inpgi Futuro, approvata dai ministeri vigilanti in buona parte, ma non abbastanza per abbandonarsi a note di trionfalismo o per consentire di definire “profeti di sventura” quanti hanno finora messo in guardia sulla situazione oggettivamente drammatica dell’istituto.

Sono doverose alcune osservazioni sulla lettera con cui il ministero del Lavoro ha espresso il parere vincolante sulla riforma dell’Inpgi.

La prima è che vengono ricordati tre concetti fondamentali del decreto 509 del 1994 che ha consentito la privatizzazione dell’istituto: l’equilibrio di bilancio, la possibilità di commissariamento in caso di inadempienze, l’obbligo di garantire una riserva di 5 annualità delle pensioni.

Augurandomi che in sede di revisione del parere venga dato il via libera alle cosiddette clausole di salvaguardia che, apprendo, riguardano la tutela di 183 giornalisti non tutti lavoratori dipendenti, non posso sottacere le considerazioni finali da brividi contenute nella lettera del ministero del Lavoro.

Le riassumo così.

  1. Ribadiamo, dice il ministero del Lavoro in uno con il ministero dell’Economia, la necessità di norme più severe rispetto alla stessa legge Fornero.
  2. I bilanci Inpgi degli ultimi anni non sono negativi solo grazie alle plusvalenze realizzate con i conferimenti immobiliari al Fondo Amendola.
  3. Il decreto 509 vieta finanziamenti pubblici o altri aiuti finanziari. In altre parole, non si può invocare l’intervento riequilibratore dello Stato. La privatizzazione ha onori e oneri.
  4. Vi chiediamo ulteriori, severe e rigorose misure a garanzia di quanto l’Inpgi è tenuto a erogare agli iscritti (pensioni, ammortizzatori, welfare in generale).
  5. Modificate la vostra governance per ridurre i costi degli organi statutari e rivedete le dimensioni della macchina amministrativa.

Ritengo che si tratti di indicazioni molto pesanti e pressanti che devono indurci a una riflessione approfondita e sicuramente a un cambio di marcia nella gestione dell’istituto.

* Cda Inpgi, portavoce di Puntoeacapo

Questa è la sintesi dell’intervento di Carlo Chianura al Cda del 15 marzo 2017 durante il dibattito sulla riforma previdenziale Inpgi

9 Commenti "INPGI, CHIANURA: DAL MINISTERO DEL LAVORO PAROLE DA BRIVIDI SULLA RIFORMA"

  1. Giuseppe Cipriani | 17 marzo 2017 ore 7:08 | Rispondi

    Sinceramente non capisco il punto 1… I ministeri hanno approvato la ns. pensione di anzianità a 62 anni con 40 anni di contributi, che rispetto alla “Fornero anticipata” è leggermente più vantaggiosa per noi. E se l’hanno approvata, come possono esprimere un concetto/auspicio come quello del punto 1? Non mi pare logico. Mi spiegate l’arcano per favore?

    • Vogliono dire che le pene non sono ancora finite

      • Giuseppe Cipriani | 17 marzo 2017 ore 10:10 | Rispondi

        Questo lo capirei anche da solo… Quel che intendevo è che per forza di cose ciò richiederebbe una nuova manovra e allora tanto valeva bocciare l’Inpgi e l’ennesima riforma parziale e chiedere seri adeguamenti subito. Tutto ciò mi da il senso di un’improvvisazione da dilettanti da parte di tutti gli attori in causa: Inpgi con il suo consiglio in toto, ministeri, governo e persino chi fa le critiche auspicando l’ecatombe della professione e delle sue tutele. Possibile che nessuno riesca a mettere ordine in questo pollaio di mezzi matti?

        • Il senso della considerazione al punto 1 è che i ministeri non considerano concluso il lavoro del Cda e che – se vuoi in linea teorica, ma non ci metteremmo la mano sul fuoco – per mettere le cose a posto occorrerebbero interventi anche più drastici di quelli decisi nel 2016. Invitano dunque l’Inpgi a tenersi pronto a nuovi provvedimenti. Ergo, appunto: le pene non sono finite…

          • Giuseppe Cipriani | 18 marzo 2017 ore 7:11 | Rispondi

            Se possibile chiederei, invece del vostro riassunto, il testo originale di quei punti in questione… Tanto perché tutti noi si possa farci un’idea di prima mano e non sulle ipotetiche intenzioni. Chiedo troppo?

            • L’atto non è stato reso noto nella sua integralità dai ministeri vigilanti e dall’Inpgi. Dunque in quanto tale è allo stato delle cose riservato.

              • Giuseppe Cipriani | 18 marzo 2017 ore 11:07 | Rispondi

                … e allora, se permettete, meglio tenerlo riservato del tutto. Non vorrei che a forza di interpretazioni delle interpretazioni si finisca per dar ragione alle motivazioni che hanno fatto dimettere Iacopino. In soldoni, parliamo di ciò che è ufficiale che fi chiacchiere se n’è fatte abbastanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro + quattro =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.