INPGI, MOLTI BUONI MOTIVI PER NON CORRERE IN PENSIONE

 

di Carlo Chianura – Portavoce di Puntoeacapo

Bisogna dirlo a gran voce: non occorre andare in pensione entro il 31 dicembre per salvaguardare i propri diritti maturati. Anzi: conviene esattamente il contrario. Vediamo perché.

Come i lettori di puntoeacapo.org certamente ricorderanno, uno degli argomenti di Inpgi Futuro durante la fase di gestazione della riforma previdenziale approvata il 28 settembre riguardava la possibilità di continuare a maturare diritti già acquisiti anche a partire dal 1. gennaio 2017, data di presumibile entrata in vigore della riforma.

Sostenevamo ad esempio che è un errore non consentire a chi è prossimo ai 40 anni di contributi di andare in pensione a prescindere dall’età anagrafica anche in futuro, in modo da non perdere inutilmente anni preziosi di contribuzione.

Ci era stato risposto in un primo momento che questa salvaguardia non era possibile, in quanto costosa per l’istituto.

In realtà, apprendiamo dalla nota esplicativa firmata dalla direttrice generale dell’Inpgi Mimma Iorio, questa possibilità non è stata esclusa.

E’ sufficiente, per ottenerla, avere maturato il requisito minimo attuale della pensione di anzianità, vale a dire i 57 anni di età e i 35 di contributi.

Non solo sarà possibile in futuro andare in pensione di anzianità con i vecchi requisiti, ma restando in servizio si avrà il vantaggio di vedersi ridurre la percentuale di abbattimento della pensione.

Esempio numero 1: giornalista di 57 anni con 35 anni di contributi al 31 dicembre 2016. Se va in pensione il 1. gennaio 2017 avrà la pensione di anzianità alle vecchie condizioni, dunque con un abbattimento dell’assegno del 20 per cento.

Se lo stesso giornalista decidesse invece di restare al lavoro altri 3 anni e andare dunque in pensione a 60 anni di età e 38 di contributi coglierebbe tre distinti vantaggi:

1) Avrebbe percepito nei tre anni un reddito maggiore derivante dal delta tra la retribuzione da lavoro dipendente e l’eventuale assegno pensionistico che avrebbe percepito in caso di pensione con il rapporto 57/35.

2) Avrebbe maturato ulteriori 3 anni di contribuzione che farebbero salire l’importo della pensione.

3) Avrebbe un abbattimento non più del 20 per cento ma del 9,09.

Se poi quello stesso giornalista decidesse di lavorare fino ai 62 anni di età, l’abbattimento pensionistico scomparirebbe del tutto.

Niente male.

Esempio numero 2: giornalista di 62 anni di età e 37 anni di contributi al 31 dicembre 2016. Se va in pensione in vigenza di riforma il 1. gennaio 2017 ma anche in qualsiasi altro periodo successivo avrà il vantaggio di vedersi applicati i vecchi requisiti pensionistici: dunque in anzianità senza abbattimento alcuno.

E se decidesse di lavorare altri tre anni, maturando così i 40 di contributi, a nostro parere (ma, è bene sottolinearlo, al momento di diverso avviso sono i tecnici Inpgi) dovrebbe avere anche il vantaggio ulteriore di andare in pensione e di non avere nessun vincolo sul divieto di cumulo. In più, comunque, non dovrebbe rispettare le nuove norme sull’età pensionistica di vecchiaia che, a regime, saranno di 66,7 anni.

Aggiungiamo un ulteriore elemento. Anche chi non ha maturato entro quest’anno i requisiti minimi della pensione di anzianità ha la concreta possibilità di andarci con i vecchi requisiti anche dopo il 2016. Vediamo perche con l’

Esempio numero 3: giornalista di 57 anni di età e 32 di contributi al 31 dicembre 2016. Anche con la futura riforma potrebbe andare in anzianità con abbattimento ma con le vecchie regole se ha una laurea non riscattata e se riscatta in questo caso almeno 3 anni, per andare dunque in pensione con il minimo di 57 anni e 35 di contributi di fatto maturati entro il 2016. Con quei 3 preziosi anni riscattati, nel 2018 quel soggetto avrebbe 57 anni e 37 di contributi e ridurrebbe l’abbattimento al 13,04%. Peraltro non è obbligatorio versare l’importo del riscatto entro il 2016, poiché certamente il diritto alla valorizzazione della laurea preesisteva rispetto alla riforma.

Inpgi Futuro ha pregato la dirigenza dell’istituto di diffondere al massimo questi dati. Con due scopi: evitare fughe di massa ingiustificate di giornalisti presi dal panico; continuare a incassare i contributi pesanti di molte centinaia di professionisti. Speriamo ci ascoltino. Intanto vi informiamo noi… Buon lavoro.

 

13 Commenti "INPGI, MOLTI BUONI MOTIVI PER NON CORRERE IN PENSIONE"

  1. Giuseppe Cipriani | 6 ottobre 2016 ore 20:27 | Rispondi

    Sto tristemente pensando a chi compie 57 anni il prossimo anno e ha intanto maturato 38 anni di contributi… Le salvaguardie si fermano, giustamente, al 31 dicembre 2016, dando per scontato che la riforma passi. E se così sarà si creerà il paradosso, nei prossimi anni, di colleghi che con un più basso monte contributi potranno pensionarsi quando vorranno, mentre lo sfigato di cui all’intro dovrà aspettare ancora nonostante i suoi 40, 41 o 42 anni di contribuzione.
    Adesso non so cosa decideranno i ministeri, soprattutto considerando che i pensionati stanno vendendo cara la pelle, ma io dico che la riforma o passa tutta o non passa, pena l’averla redatta col beneplacito di chi contava e poi vederla affossata. Sarebbe un’incoerenza, oltre che un gran casino. O magari un colpo di culo dello sfigato in questione.

    • In pensione a 57 anni non esiste più al mondo. Vere vittime restano le donne disoccupate che non compiranno i 60 anni entro il 2017.

      • Giuseppe Cipriani | 6 ottobre 2016 ore 21:49 | Rispondi

        Sono d’accordo. Ha più senso, allora, segnalare il paradosso di chi potrà ancora legittimamente andare in pensione, nei prossimi anni, a 57, 58, 59, 60 anni di età… In pieno regime di nuova riforma che ne richiede 62 (e minimo 40 di contributi).

        • Si tratta a nostro avviso di diritti maturati tutelati dalla legge, che supera le delibere e i regolamenti

          • Giuseppe Cipriani | 8 ottobre 2016 ore 7:15 | Rispondi

            Ditemi se sbaglio. Ai tempi della riforma Fornero dei diritti acquisiti non ha tenuto conto nessuno e dalla sera alla mattina s’è applicata la nuova riforma per tutti.

          • Giuseppe Cipriani | 8 ottobre 2016 ore 11:52 | Rispondi

            E come faranno allora i ministeri ad accettare che nella ns riforma, per i giornalisti, ci sia questo trattamento estensivo? Se il principo non è stato riconosciuto allora, nè tantomeno in seguito dinanzi a tante sicure proteste, come potrà essere riconosciuto adesso per noi?

  2. Silvio Caltran | 7 ottobre 2016 ore 8:51 | Rispondi

    Carissimi,
    manca l’esempio numero 4: giornalista-lavoratore precoce nato nel 1960 con 38 anni di contributi. Invece di andare in pensione nel 2017 (con 39 anni di versamenti) ci andrà a 62 anni con 44 anni di contribuzione (o forse qualche mese prima grazie alla Fornero): roba da guinness dei primati per la nostra categoria!
    Gli daranno il 20% in più di pensione? O semplicemente gli avranno fottuto cinque anni di vita?

    • A nostro avviso, Silvio, in quel caso devono valere le norme generali che attualmente prevedono la pensione di anzianità con 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne a prescindere dall’età

  3. Giuseppe Cipriani | 8 ottobre 2016 ore 7:09 | Rispondi

    Sto pensando che, se l’Inpgi fosse stata più lungimirante, avrebbe comunicato delle possibilità di salvaguardia (con estensione negli anni) fin dal principio, evitando il fuggi-fuggi in pensione che c’è stato negli ultimi mesi per la paura di perdere il treno pensione.
    Se davvero le cose stanno come si dice, credo che molti colleghi sarebbero ancora al loro posto di lavoro. Perché è mancata questa elementare e utilissima informazione?

    • Hai assolutamente ragione. I consiglieri di Inpgi Futuro, la lista sostenuta da Puntoeacapo, si sono sgolati per mesi – inascoltati. Ma quello della comunicazione, e aggiungiamo della trasparenza, è un problema strategico dell’Inpgi.

      • Giuseppe Cipriani | 8 ottobre 2016 ore 12:07 | Rispondi

        Credo più realisticamente che nessuno avesse le idee ben chiare… C’è voluta, sempre che valga per i ministeri, la circolare della Iorio per chiarire bene la questione. Voi stessi, prima di quella, sostenavate che gli unici vantaggi per i salvaguardati erano i soldini in più in busta paga, senza riduzione delle penalizzazioni. Staremo a vedere quel che succederà: se l’Inpgi deve salvarsi, che si salvi con l’aiuto di tutti (pensionati compresi!); se deve fallire tra qualche anno, tanto vale che fallisca subito o quasi subito, senza imporci manovre che non servono altro che a prolungare un’agonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre × 1 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.