EX FISSA, PICCOLA ACCELERAZIONE SULLA RATA 2019. LE ELEZIONI INPGI STIMOLANO VOCI DI SBLOCCO DELLA VERTENZA

di Paola Cascella *

E dunque anche quest’anno ce l’abbiamo fatta. La minirata di 3000 euro lordi, uguale per tutti, anche per chi vanta un’ex fissa di oltre 100mila euro (magari dal 2010), è arrivata. Ed è arrivata prima della fine di dicembre, proprio come promesso da Fnsi e Fieg.

Nessun pasticcio, nessuna dichiarazione ottimistica velocemente smentita, nessuna lettera diktat, come successe due anni fa… No: stavolta la strenna di Natale, per quanto piccola, ha rallegrato davvero il nostro albero delle feste. Evviva!

Ma c’è dell’altro, perchè mentre tutti i giornalisti pensionati in attesa si preparavano a mettere da parte ogni ulteriore aspettativa per almeno un anno, ecco che a sorpresa la Federazione annuncia di aver avviato insieme agli editori “una verifica per individuare soluzioni che possano accelerare la liquidazione di quanto dovuto, ai giornalisti che aspettano di percepire l’indennità”.

A un mese e mezzo dalle elezioni per il rinnovo delle cariche Inpgi, lo fa a gran voce sul proprio sito pubblicando la frase in grassetto nella titolazione del pezzo sull’ex fissa. Si apre uno spiraglio? Forse sì. O forse no. E comunque la cautela è d’obbligo. Perchè scavando un po’ viene fuori che allo stato attuale la lodevole iniziativa sarebbe agli albori degli albori.

Per il momento Fnsi e Fieg avrebbero stabilito di vedersi con l’anno nuovo (quando non si sa) per discutere del tema. Anzi, si incontreranno sì, ma solo dopo che gli editori avranno esaminato conti e portafogli per vedere se esistono le risorse, una sorta di tesoretto da destinare ai pensionati in attesa. Quali pensionati? Quelli che due anni fa avevano aderito alla proposta di rottamazione del proprio credito in cambio del pagamento immediato di una percentuale di esso fino al 60 per cento.

Naturalmente in presenza di un nuovo gruzzolo per l’ex fissa la trafila dovrebbe ricominciare. Si dovrebe attualizzare la situazione di ciascuno, dicono in Federazione. E ciascuno sarà nuovamente richiamato per ridiscutere la propria posizione alla luce delle minirate ricevute, e la volontà di aderire all’offerta. Insomma, bene che vada, tutto daccapo. D’altra parte non è colpa nostra, ripete la Fnsi.

L’Inpgi aveva deliberato – grazie anche all’impegno dei consiglieri di Inpgi Futuro – un finanziamento alla Fieg di 14 milioni, poi bloccato dai ministeri vigilanti per via dei conti in rosso dell’Istituto. Del resto, ricorda il sindacato dei giornalisti, la magistratura ha confermato che via Nizza non ha nessuna responsabilità nella gestione del Fondo ex Fissa. Come del resto non ne ha la Federazione, “in quanto l’obbligo di alimentare il Fondo è esclusivamente in capo agli editori”. Cosa vera fino a un certo punto, almeno a sentire quel giudice che ha condannato tempo fa a pagare le spese di giudizio un ricorrente che aveva chiamato in causa la Fieg.

Dunque non si sa che cosa, non si sa quando, non si sa quanto, non si sa chi. Si sa solo, appunto, che le elezioni Inpgi si avvicinano e che occorre dare una risposta a 2200 pensionati in attesa ormai anche da dieci anni di vedere soddisfatto un proprio diritto. Dopo avere subìto tra l’altro la sterilizzazione degli interessi e la possibilità, se tutto proprio va bene, di avere in mano anche solo la metà del proprio credito.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

1 Commento "EX FISSA, PICCOLA ACCELERAZIONE SULLA RATA 2019. LE ELEZIONI INPGI STIMOLANO VOCI DI SBLOCCO DELLA VERTENZA"

  1. Bravissima Paola! E grazie per l’obiettivita’ e le informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


19 − undici =