CORONAVIRUS, PER I GIORNALISTI AUTONOMI L’INPGI PARTORISCE UN TOPOLINO E SE NE VANTA

di Andrea Bulgarelli e Paola Cascella *

Gli aiuti immediati ai giornalisti autonomi in difficoltà? La montagna ha partorito un topolino.

“INPGI 2: STANZIATI 42 MILIONI DI EURO IN FAVORE DEI GIORNALISTI AUTONOMI DANNEGGIATI DALL’EMERGENZA CORONAVIRUS”: questo il titolo del trionfalistico comunicato stampa lanciato il 27 marzo dall’Istituto. In un primo momento, onestamente, eravamo particolarmente soddisfatti pensando che finalmente ci fosse stata una risposta concreta da parte dell’INPGI 2, più volte sollecitata da Inpgi Futuro.

Ma sono bastate poche ore per capire che così non era, giusto il tempo di leggere i provvedimenti approvati e arrivano le prime telefonate di decine di colleghi. Andiamo per punti.

Indennizzo per taglio del lavoro

Arriveranno 500 euro, che auspichiamo siano netti e non lordi, agli iscritti alla Gestione separata-Inpgi 2, che nell’ultimo triennio abbiano realizzato un reddito tra i 2.100 e i 30.000 euro e che abbiano dovuto registrare nel periodo marzo-aprile-maggio un calo dei compensi di almeno il 33% rispetto a quelli ricevuti nell’ultimo trimestre del 2019.

Cioè, in soldoni, appena a giugno si potrà chiedere un aiuto di 500 euro, sperando netti e non lordi, che forse arriverà, ottimisticamente, a luglio.

Zero Euro a chi aderì al programma Inpgi 2-Casagit

Se il giornalista ha aderito in passato al programma di assistenza sanitaria che Inpgi 2 aveva avviato con Casagit nel 2018 (sono stati 3.200 rispetto ai 2.800 che invece non aderirono), non gli spetta nulla. Pur non avendo rinunciato a qualunque aiuto presente o futuro da parte della Gestione Separata all’atto dell’adesione al programma Inpgi 2-Casagit, ai colleghi che aderirono non arriverà, con la delibera approvata venerdì dal Comitato Amministratore, nulla: Zero Euro!

Su quali basi si regge questa decisione? Si pone un problema serio di equità, poiché nell’emergenza si creano a tutti gli effetti colleghi di serie A e colleghi di serie B! Non ci si venga a dire che si tratta di una decisione di equità del Comitato Amministratore, perché nell’emergenza che stiamo vivendo non spetta all’Istituto decidere sulle scelte fatte o non fatte in passato sull’adesione a un programma proposto dall’Istituto stesso.

In questo momento l’istituto ha il dovere di erogare subito un indennizzo a chi non può lavorare a causa dell’emergenza Coronavirus.

Perché è di emergenza Coronavirus 2020, con un virus che colpisce tutti senza criteri di equità, che stiamo parlando, non del passato.

Gli aiuti andrebbero dati subito a tutti coloro i quali presenteranno una fattura o un versamento da parte del proprio datore di lavoro che per il mese di marzo sarà inferiore a quella di marzo 2019. Per vivere i soldi servono ora, non a luglio! La presentazione delle fatture da marzo a maggio 2020 va bene per la richiesta dei prestiti a tasso zero e per un piano rateale fino a 36 mesi, come previsto nelle delibere di ieri dalla Gestione Separata, che devono essere approvate ora dai ministeri vigilanti, ma non per un intervento immediato.

Dunque, in sintesi, stiamo parlando non di 42 milioni di euro ma di 1,4 milioni di euro, escludendo 3.200 colleghi.

E questi 1,4 milioni di euro sono semplicemente quelli avanzati e accantonati grazie alla non adesione dei colleghi all’iniziativa Inpgi 2-Casagit, ma che erano già stati stanziati: se tutti avessero aderito all’Inpgi 2-Casagit oggi non ci sarebbe un solo Euro per nessuno, quindi la Gestione Separata non avrebbe stanziato nessun contributo per l’emergenza Coronavirus?

Siamo giornalisti, sappiamo scrivere comunicati stampa e articoli con titoli ad effetto, ma in questo caso è una cosa diversa, non facciamo pubblicità sul nulla illudendo per un attimo chi aspetta risposte dal proprio Istituto. E inoltre questo tipo di comunicati possono indurre i ministeri a pensare che ai giornalisti non servono aiuti, perché fanno già tutto in autonomia con la propria Cassa di Previdenza.

Rinvio del versamento dei contributi

Questo del rinvio al 31 ottobre 2021 è una scelta corretta, ne aveva parlato Inpgi futuro al telefono con la presidente Marina Macelloni che è stata di parola, nel perseguire un giusto rinvio con rateizzazione. Un percorso che potrà sostenere anche la ripresa nei prossimi mesi, indispensabile per uscire da un problema che al momento non ha ancora soluzione.

* Consiglieri generali eletti con Inpgi Futuro

Aggiornamento del 28 marzo 2020, ore 20,17

Coronavirus: Inpgi; consiglieri, aiuto di 500 euro per 2.800
(V. ‘Coronavirus: Inpgi, 42 milioni aiuti…’ delle 11.02
TRIESTE
(ANSA) – TRIESTE, 28 MAR – “L’indennità di 500 euro ‘una tantum’ deliberata ieri in conseguenza del Covid-19 dal Comitato amministratore di Inpgi-2 a favore degli iscritti della Gestione separata, non sarà per tutti gli iscritti all’Inpgi2 bensì i 2.800 iscritti che non aderirono nel 2018 al programma di assistenza sanitaria che Inpgi 2 aveva avviato con Casagit”. Lo precisano in una nota i consiglieri generali Inpgi Andrea Bulgarelli e Paola Cascella (Inpgi Futuro). “Per i restanti 3.200, infatti, nella delibera approvata ieri dal Comitato amministratore, non previsto alcun contributo. Va inoltre precisato che tale aiuto una tantum non potrà essere richiesto prima di giugno, con l’auspicio che lo stesso possa essere erogato a luglio”, proseguono i due consiglieri. La delibera stabilisce che potranno usufruire del contributo, i giornalisti che nell’ultimo triennio abbiano realizzato un reddito tra i 2.100 e i 30.000 euro e che abbiano registrato nel periodo marzo-aprile-maggio un calo dei compensi di almeno il 33% rispetto a quelli ricevuti nell’ultimo trimestre del 2019″. (ANSA).
DO-COM/ S0A QBXB

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 × due =