INPGI, VINCE IL FORMALISMO: VIETATO PARLARE DI COMPENSI DEGLI AMMINISTRATORI E DELLA EX FISSA

di Paola Cascella *

Vietato discutere di compensi Inpgi e di ex fissa. Non ci sarà nessuna integrazione all’ordine del giorno del consiglio generale Inpgi in programma mercoledì 17 novembre.

Nessuno spazio istituzionale per discutere e rivedere i ricchi compensi della governance dell’Inpgi per il 2022, quelli che si è essa stessa attribuita (e che da statuto sono di competenza del Consiglio generale), né per chiedere informazioni sull’annoso caso ex fissa, alla vigilia del passaggio dell’Istituto all’INPS.

Nel prossimo consiglio generale, interamente dedicato alla discussione e al voto (ma è più che altro una presa d’atto) dei disastrosi bilanci dell’ente, non si potrà parlare né dell’uno né dell’altro tema. Quindici consiglieri generali avevano chiesto di inserire i due punti all’ordine del giorno, come lo statuto della nostra Cassa permette qualora a porre la richiesta siano almeno dieci consiglieri.

Con una lettera di due cartelle dai toni rigidi, la presidente Marina Macelloni ha risposto un no secco alla richiesta, adducendo in primo luogo ragioni temporali (la domanda di inserimento dei due nuovi punti non è stata inviata sette giorni prima della data del Consiglio, ma soltanto cinque).

Una regola che in altri casi era stata in passato superata senza traumi. Come nell’aprile scorso quando fu accolta una analoga richiesta di ampliamento dell’ordine del giorno arrivata sei e non sette giorni in anticipo sulla data del Consiglio generale.

In più, riguardo all’ex fissa, Macelloni ripete come un mantra che Inpgi è soltanto l’ente tesoriere, l’ufficiale pagatore dell’ex fissa. Niente di più. Ovvero, scrive, l’argomento è “del tutto estraneo alla potestà deliberativa del Consiglio generale (…), in quanto l’Istituto svolge un ruolo meramente esecutivo delle decisioni assunte dal relativo Comitato paritetico di gestione del Fondo. Tale tematica esula completamente dalle attività istituzionali dell’ente e non rientra tra le prerogative e le funzioni attribuite dalla legge e dallo statuto al Consiglio generale”.

Vietato quindi anche fare domande, chiedere informazioni sui prossimi passaggi del dossier, sull’organismo al quale rivolgersi una volta confluiti nell’Inps per avere notizie, un problema che, come sappiamo, riguarda 2400 giornalisti che vantano crediti previdenziali anche di decine di migliaia di euro e magari da oltre dieci anni. Niente da fare. Non si può.

D’altra parte compensi della governance ed ex fissa vengono percepiti come tra i temi più scottanti dagli attuali amministratori dell’Istituto che si preparano a lasciare a luglio Inpgi 1 nelle mani dell’INPS, mentre la guida di Inpgi 2 verrà decisa da nuove elezioni.

* Consigliera generale per Inpgi Futuro

Aggiornamento del 17 novembre 2021, ore 13

Questo è il testo della Pec dei 15 consiglieri in risposta alla presidente dell’Inpgi dopo il diniego a inserire i due punti richiesti nell’ordine del giorno del consiglio generale.

Gentile Presidente,

a seguito della tua riposta alla nostra richiesta di inserimento di un punto all’ordine del giorno del Consiglio generale di oggi (in seconda convocazione), che alleghiamo per opportuna conoscenza a tutti i destinatari di questa mail, e con specifico riferimento alle norme statutarie da te richiamate, non possiamo che ritenere irregolare la convocazione del Consiglio generale.

Infatti, come hai ricordato per dimostrare il ritardo nell’invio della nostra richiesta di inserimento di punto all’odg, l’articolo 16 dello Statuto prevede che:

«1. Gli organi di amministrazione sono convocati dal Presidente. L’avviso di convocazione, contenente l’indicazione del giorno, dell’ora e del luogo della riunione nonché degli argomenti all’ordine del giorno, deve essere spedito a mezzo lettera raccomandata almeno 7 giorni prima della data fissata per la riunione e, nei casi di urgenza, per via telegrafica almeno tre giorni prima».

È del tutto evidente che la norma relativa all’invio della convocazione debba riferirsi alla prima convocazione, fissata per questo Consiglio alle ore 8 del 16 novembre 2021; il relativo avviso è stato invece mandato via pec “segreteria.organicollegiali@inpgi.legalmail.it” il 9 novembre 2021 alle ore 10.33, non rispettando gli “almeno 7 giorni prima della data fissata per la riunione”, termine che scadeva alle ore 8 del 9 novembre.

Noi non abbiamo ritenuto di chiedere, a causa di tale irregolarità statutaria, l’annullamento della convocazione del Consiglio, anche visto l’attuale, delicato iter legislativo della norma sul passaggio dell’Inpgi nell’Inps contenuta nella legge di Bilancio attualmente in discussione in Parlamento. Ma non possiamo non sottolineare come il rispetto delle regole statutarie da te richiamato dovrebbe essere osservato in primo luogo dai vertici dell’Istituto e che la responsabilità per deliberazioni che dovessero essere ritenute non valide ricadrà su chi ha il compito statutario di convocare il Consiglio generale.

Resta inoltre inteso che, ai sensi dell’art.6, comma 1, lettera b) dello Statuto Inpgi, la nostra richiesta del 12 novembre scorso di inserimento di punti nell’odg debba ritenersi valida per la prima riunione utile del Consiglio generale successiva a quella odierna, convocata in via ordinaria o straordinaria.

1 Commento "INPGI, VINCE IL FORMALISMO: VIETATO PARLARE DI COMPENSI DEGLI AMMINISTRATORI E DELLA EX FISSA"

  1. Mimmo Del Giudice | 17 Novembre 2021 ore 12:10 | Rispondi

    È davvero una vergogna lasciare ai vertici dell’ Inpgi (seppure 2) chi ha affossato l’ Istituto. Come si può fare per dare ad essi quelli che si meritano?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*