INPGI, L’AVVOCATURA: PRELIEVO PER SEI MESI. RESTA LA VERGOGNA PER CHI APPROVÒ QUELLA DELIBERA

Con una decisione che si potrebbe definire salomonica oppure ambigua, l’Avvocatura dello Stato ha giudicato applicabile da gennaio a giugno 2022 la delibera Inpgi che ha imposto tra l’altro prelievi dell’1 per cento su stipendi e pensioni dei giornalisti e divieto di cumulo per i pensionati oltre i 5000 euro.

La notizia è stata pubblicata sul sito della Fnsi. Non ne troviamo traccia al momento di scrivere questa nota sul sito dell’Avvocatura dello Stato. Non si può escludere che ne abbia avuto notizia l’Inpgi, che potrebbe avere informato a sua volta la Fnsi. Poco importa.

La sostanza è che i giornalisti devono subire questo schiaffone mortificante e che per avere ragione su un provvedimento iniquo dovrebbero rivolgersi alla magistratura.

Tutt’altro peso ha invece la sostanza politica della vicenda. La delibera è stata approvata dalla maggioranza del Cda Inpgi con il voto contrario dei tre consiglieri di minoranza.

E’ la stessa maggioranza che ora piange lacrime di coccodrillo imputando la responsabilità di questa decisione sia al ministero del Lavoro che alla stessa Avvocatura.

No: la responsabilità è tutta di chi il 23 giugno 2021, al solo scopo di perpetuare la durata del proprio potere, votò e approvò una delibera chiaramente improponibile e iniqua. A nulla valgono i contorsionismi di oggi.

Resta da capire che cosa converrà fare ai giornalisti attivi e pensionati. Facciamo due conti della serva. L’1 per cento di prelievo aggiuntivo su una retribuzione o una pensione di 5.000 euro lordi mensili significa all’ingrosso 50 euro di prelievo mensile, anche questo lordo, che porterà il totale a 300 euro per i primi sei mesi del 2022.

Diverso il discorso per il divieto di cumulo sopra i 5.000 euro annui sui redditi da pensione. A regola di bazzica, andrebbe applicato solo a chi è andato in pensione dal 23 giugno 2021. E varrebbe fino al 30 giugno 2022. Un danno certo, ma quanto grave in soldoni?

Ecco perché – salomonica o ambigua che sia – questa decisione dell’Avvocatura dello Stato rende al momento non consigliabili ricorsi alla magistratura. Salvo nuove e più approfondite valutazioni.

Resta la vergogna per chi ha approvato la delibera e oggi parla di bizantinismi, fischiettando occhi al cielo e facendo finta di niente. Per lorsignori non abbiamo più parole.

(c.c.)

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*