MPS, PERCHÉ INVESTIRE IN CREDITI MALATI NON È UN BUON MODO DI METTERE A POSTO I CONTI INPGI

 

di Gianni Dragoni *

 

Fa discutere la decisione dell’assemblea dell’associazione delle casse di previdenza private (Adepp) di aderire al piano di salvataggio del Monte dei Paschi di Siena con 500 milioni di euro.

Questi soldi, secondo il progetto annunciato il 25 luglio, dovrebbero essere versati nel fondo Atlante 2. Questo è il nuovo veicolo creato dal mondo bancario d’intesa con il governo (vi aderiscono anche Cdp e Poste, società statali) con l’obiettivo di comprare da Mps crediti in sofferenza, cioè prestiti che i debitori non hanno restituito e che, probabilmente, la banca non rivedrà mai.

L’approvazione dell’Adepp è di tipo “politico”. Per essere attuata occorre l’approvazione degli organi che gestiscono ogni cassa. L’adesione dell’Adepp potrebbe portare anche al coinvolgimento degli enti dei giornalisti, l’Inpgi e la Casagit. Non sappiamo quale sia l’intenzione del vertice Inpgi. La presidente Marina Macelloni ha precisato che il consiglio di amministrazione “è sovrano” e che “nessun investimento sarà deciso senza tener conto del voto dei nostri organismi ai quali saranno sottoposte le specifiche tecniche dell’eventuale operazione con le necessarie valutazioni su rischi e rendimenti e le formali direttive da parte dei ministeri vigilanti in materia di investimenti. I consigli di amministrazione, tenendo conto anche del periodo estivo, saranno convocati non appena saremo in possesso di tutti questi elementi”.

Prendiamo atto di questa puntualizzazione, ma constatiamo come non venga smentita la possibilità che l’Inpgi intervenga nel fondo Atlante 2. Il che significherebbe utilizzare fondi versati dai giornalisti per le proprie pensioni, già oggi messe in pericolo dallo squilibrio economico dell’istituto, per salvare una banca in gravissime difficoltà e quindi con un rischio molto alto.

Inpgi Futuro è contrario all’utilizzo dei fondi dell’Inpgi (cioè delle pensioni e delle prestazioni dei giornalisti) e della Casagit per il salvataggio di Mps. Peraltro questo avverrebbe mentre l’Inpgi ha deciso lo smobilizzo di quote importanti del patrimonio (e l’avvio della vendita degli immobili) per renderlo più liquido per fare cassa, servono 140 milioni di euro all’anno, per pagare le pensioni, l’assistenza e le spese di gestione.

 

Vediamo alcuni fatti e cifre.

  1. NOVE MILIARDI DI CAPITALE BRUCIATI. Dal 2011 all’anno scorso Mps ha fatto tre aumenti di capitale, cioè ha chiesto soldi agli azionisti, per complessivi 10,1 miliardi, ma questo non è bastato a risanare la banca e a creare un patrimonio che la metta al riparo dai rischi. Proprio a causa di questo le azioni di Mps in Borsa si sono fortemente deprezzate. Tutta la banca oggi ha un valore (calcolato moltiplicando il prezzo di mercato di un’azione per il totale delle azioni che ne compongono il capitale) inferiore a un miliardo di euro: al prezzo del 29 luglio (0,308 euro per azione) tutta Mps capitalizza 903 milioni. Il prezzo di Borsa è soggetto ad oscillazioni, ma ai valori correnti possiamo dire che dei 10 miliardi versati dai soci in 5 anni più di 9 miliardi si sono volatilizzati! Già questo dovrebbe indurre alla cautela chi voglia mettere denari, in qualsiasi forma, dentro Mps.
  2. SIENA LA BANCA PEGGIORE D’EUROPA. Gli “stress test” dell’autorità bancaria europea (Eba) resi noti venerdì 29 luglio sulle 51 maggiori banche europee hanno  dimostrato (o confermato, visto che la notizia circolava da settimane) che Mps è la peggiore banca d’Europa e ha un capitale proprio insufficiente ad affrontare i rischi. Proprio di qui è nata l’esigenza del piano di salvataggio, condiviso dal governo, che prevede la cessione di un pacchetto consistente di sofferenze e un nuovo aumento di capitale per 5 miliardi.
  3. SOFFERENZE COMPRATE A PREZZI SUPERIORI A QUELLI DI MERCATO. Secondo il progetto di salvataggio della banca, su un totale di quasi 47 miliardi di sofferenze lorde (24 miliardi al netto delle svalutazioni già fatte nel bilancio), Mps dovrebbe liberarsi di 26,6 miliardi di sofferenze lorde, corrispondenti a 9,7 miliardi al netto degli accantonamenti già fatti. Lo farebbe cedendole a soggetti esterni. Attenzione a questo passaggio. Sul mercato non c’è stato nessuno che si sia fatto avanti per comprarle se non a prezzi irrisori. Pertanto la cessione sul mercato è stata esclusa perché infliggerebbe ulteriori perdite di diversi miliardi alla banca, per cui a Mps non basterebbe l’aumento di capitale di 5 miliardi prospettato, già faticoso da realizzare, ma occorrerebbe una somma ben più alta. Ecco allora che è stato escogitato Atlante 2. Questo fondo, secondo quanto è trapelato su giornali autorevoli (anche sul Sole 24 Ore), comprerebbe una fetta importante di queste sofferenze, la Repubblica ha ipotizzato che verserebbe almeno 1,6 miliardi. Atlante dovrebbe pagare un prezzo pari a circa il 32% del loro valore lordo. Nel complesso, Atlante 2 contribuirebbe insieme ad altri acquirenti a versare a Mps una somma tra gli 8 e i 9 miliardi per il pacchetto da 26,6 miliardi. E’ un prezzo corretto? Prima di rispondere, facciamo notare che sul mercato nessuno è disposto a offrire tanto. Atlante 2 quindi pagherebbe le sofferenze un prezzo superiore a quello che i fondi d’investimento o altri operatori sono disposti a pagare.
  4. IL PRECEDENTE DI BANCA ETRURIA. Quanto sarebbe disposto a pagare il mercato le sofferenze di Mps non lo si sa con precisione. Certo, si tratterebbe di diversi punti percentuali in meno rispetto al 32 per cento. Facciamo notare però un precedente importante. Quando nel novembre scorso il governo con Banca d’Italia ha deciso di creare le quattro nuove banche al posto delle dissestate Popolare Etruria, Banca delle Marche, Cassa di risparmio di Chieti e Cassa di Ferrara, le sofferenze trasferite alle nuove banche sono state svalutate dell’82,4% rispetto al valore lordo. I crediti malati sono stati cioè “pagati” dalle nuove banche a un prezzo pari ad appena il 17,6% del valore lordo. Il governo ha detto che è stata la Commissione Ue a imporre una svalutazione così alta, per allineare le sofferenze al presumibile valore di mercato. Forse quello applicato alle “quattro banche” è stato un trattamento particolarmente penalizzante. Ma quando sentiamo dire che per le sofferenze di Mps il fondo Atlante (e quindi anche l’Inpgi se ci mettesse dei soldi) dovrebbe pagare il 32% del valore lordo, il ricordo di questo precedente ci fa rabbrividire.
  5. IL RENDIMENTO PROMESSO DEL 6%: CHI FA L’AFFARE? La tesi ufficiale per attirare l’Inpgi e le altre casse previdenziali è che l’investimento in Atlante 2 darebbe un rendimento del 6% netto all’anno. E’ vero? Il rendimento dipende dalla qualità dei crediti ceduti e dalla percentuale di recupero che si potrà realizzare, tenendo conto anche delle somme accantonate. Per dare una risposta ponderata, bisognerebbe conoscere di che crediti si tratta e di quali garanzie godano. Questo non lo sappiamo, ma probabilmente non lo sanno neppure i presidenti che nell’assemblea dell’Adepp hanno dato una massiccia adesione “politica” al progetto illustrato dal presidente Adepp, Alberto Oliveti, dopo un incontro con il premier, Matteo Renzi.

 

C’è un altro dato di fondo che alimenta le fortissime perplessità di Inpgi Futuro: se nessuno si è fatto avanti per comprare i crediti malati di Mps a queste condizioni (cioè al prezzo del 32% rispetto al valore originario), perché per l’Inpgi, la Casagit ed eventualmente altre casse di previdenza acquistarli dovrebbe essere un buon affare (come sarebbe in effetti se ci fosse un ritorno del 6% annuo)? E se fosse davvero un affare, perché tutti gli operatori specializzati nell’acquisto di crediti malati (tra cui il fondo Algebris di Davide Serra, amico del premier Renzi) e le altre banche dovrebbero lasciare che questo “affare” lo facciano proprio il malandato Inpgi, la Casagit e altre casse?

In conclusione, investire in crediti malati a prezzi fuori mercato non ci sembra un buon modo di rimettere in sesto l’Inpgi.

* Consigliere generale per Inpgi Futuro, membro della commissione Bilancio

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


5 − 2 =