INPGI, VENDITA DELLE CASE: SCONTO AL 25% MA PARTENDO DA VALORI ALTI

 

Sulla vendita delle case Inpgi la palla ora torna ai sindacati che dovranno dare una risposta definitiva subito dopo aver esaminato il 19 dicembre le controproposte di Inpgi ed InvestiRe.

Ma quali sono queste controproposte? Va detto subito che – mentre per quel che riguarda l’estensione delle tutele le richieste sindacali sono state accettate quasi tutte – l’impatto economico delle proposte sindacali sul fronte dei prezzi, valutato in un minore introito di quasi 22 milioni di euro, è stato giudicato da Mangusta Risk incompatibile con le necessità dell’Inpgi che, a causa dello squilibrio strutturale dei suoi conti, ha necessità di raccogliere liquidità per circa 150 milioni di euro l’anno per poter assolvere ai suoi compiti.

L’Inpgi ed InvestiRe, quindi, propongono ai sindacati degli inquilini uno sconto del 25%,anzichè del 30% richiesto, ed una valutazione delle case basata non solo sulla media dell’Omi ma su una media frutto dei valori medi di due fonti: Omi e Scenari immobiliari ( un centro studi indipendente).

Si tratta, secondo i vertici di Inpgi ed InvestiRe, di una via mediana che ha un impatto economico giudicato da Mangusta Risk sopportabile per i conti dell’Istituto, “anche se molto vicino ad una soglia di rischio”.

Per quanto riguarda invece l’estensione delle tutele sono stati approvati i seguenti punti

– Diritto di prelazione dell’inquilino da prevedere sempre

– Durata del contratto di locazione più estesa a 6+2

– Rinnovo del contratto di locazione per famiglie con presenza di persone con disabilità a 6+2

– Possibilità di acquistare il solo usufrutto dell’abitazione per gli inquilini più anziani

– Reddito complessivo per rinnovo del contratto di locazione  a 50.000 euro l’anno lordi, incrementati di 2.500 euro per ogni persona convivente a carico o facente parte del nucleo familiare fino ad un massimo di 60 mila euro l’anno lordi

– Garanzie per gli anziani se l’intestatario del contratto ha più di 67 anni ed un reddito complessivo familiare inferiore a 60 mila euro l’anno lordi.

E’ stata invece respinta, perchè ritenuta incompatibile con le necessità finanziarie dell’Inpgi, la formula del cosiddetto Rent to buy e la possibilità di accedere alla formula del diritto di abitazione per gli inquilini con più di 67 anni.

Clicca QUI per leggere il comunicato dell’Inpgi.

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


17 + sei =