INPGI, VENDITA CASE: ECCO LE MAGGIORI NOVITA’ DELLA SECONDA TRANCHE

 

di Corrado Chiominto *

E’ in rampa di lancio la vendita riservata ai soli giornalisti degli immobili rimasti invenduti della prima tranche delle dimissioni dell’Inpgi. Contemporaneamente è stata identificata e avviata la vendita della seconda tranche.
Ecco le cose da sapere emerse nella riunione congiunta della commissione acquisti e assegnazione alloggi e di quella affitti immobili che si è tenuta oggi.

 

VENDITA RISERVATA A GIORNALISTI E DIPENDENTI INPGI

Così come richiesto dalla commissione alloggi, gli immobili non acquistati dei palazzi inseriti nella prima tranche delle dimissioni Inpgi saranno presto messi in vendita in modo riservato ai soli giornalisti iscritti all’Inpgi e ai dipendenti Inpgi per un periodo di 30 giorni. Poi si procederà a un terzo step con la vendita al mercato libero. I dati saranno presto pubblicati sul sito dell’Inpgi.

Al momento sono previsti due bandi: il primo che arriverà a metà mese riguarderà gli immobili liberi, che saranno venduti a prezzo pieno; il secondo bando, con gli immobili affittati, è previsto per la fine del mese e il prezzo di acquisto sarà come quello degli inquilini. In pratica, in quest’ultimo caso, l’abbattimento è del 25% e non si pagheranno commissioni.

Attenzione: è comunque prevista la possibilità di prelazione da parte degli inquilini che, anche se non hanno fatto l’opzione di acquisto, potranno decidere di avvalersene. Secondo gli esperti della Sgr, un 10% di inquilini potrebbe utilizzare questa chanche.

Sarà possibile avanzare la proposta anche per più di un immobile, magari indicando la priorità, e si usufruirà anche della possibilità di stipulare mutui convenzionati. Il notaio, invece, dovrà essere lo stesso per tutto lo stabile, verrà proposto dalla Sgr e pagato dall’acquirente.

Chiaramente per acquistare un’immobile occupato bisognerà sapere a quanto è affittato e per quanto tempo (leggi sotto).

 

TUTELE PER AFFITTUARI DELLA PRIMA TRANCHE

Sono circa 200 gli affittuari negli immobili della prima tranche di dimissioni che hanno chiesto di utilizzare i meccanismi di tutela per l’affitto in base ai criteri indicati. La Sgr sta procedendo nella verifica dei requisiti (tra questi basta anche solo l’iscrizione all’Inpgi) e nel caso al rinnovo della locazione con un contratto 6+2. I tempi per questa verifica potrebbero arrivare all’inizio di giugno.

 

LA SECONDA TRANCHE DI DISMISSIONI

Sono 20 gli immobili interessati dalla seconda parte delle dimissioni per un totale di 451 abitazioni, sei negozi e tre uffici. Ecco l’elenco (http://www.inpgi.it/?q=node/1530). Le lettere saranno inviate entro la fine di aprile agli affittuari e sono già stati fissati i prezzi di vendita. I criteri utilizzati sono quelli applicati alla prima tranche dopo il confronto con le associazioni degli inquilini e prevedono uno sconto del 25% sul valore calcolato utilizzando una serie di criteri.

Anche per questi immobili rimangono i meccanismi di tutela individuati (come la possibilità di scegliere un immobile più piccolo) o acquistare l’usufrutto dell’appartamento (un criterio chiaramente finalizzato a favorire chi non ha figli a cui lasciare l’eredità).

In quest’ultimo caso l’immobile viene venduto come nuda proprietà. E’ previsto comunque un confronto con le associazioni degli inquilini ma anche un dialogo diretto con i singoli affittuari per spiegare criteri utilizzati e calcolo dei valori.

Un piano di manutenzione straordinario che serve a migliorare gli immobili e quindi anche a fissare un prezzo adeguato verrà attuato anche su questi immobili: vale in totale – in base al capitolato d’appalto che però spesso viene ritoccato al ribasso – circa 5,8 milioni di euro.

Su questo punto sarà possibile confrontarsi con la Sgr per scegliere eventuali priorità e modificare le cose da fare. I lavori di manutenzione per la prima tranche sono invece già stati avviati e l’importo, previsto inizialmente per 8,8 milioni si è ridotto a 5,3 milioni con i ribassi dell’asta di assegnazione.

* Vicepresidente della Commissione Immobili Inpgi, comitato consultivo di Puntoeacapo

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


quattro − 2 =