CASAGIT, IL LAZIO REGIONE PILOTA PER LE INNOVAZIONI. L’IMPEGNO DI CASAGIT PER TE

 

di Mario Antolini *

Il Lazio rappresenta un modello particolare nell’universo Casagit: al punto da essere spesso regione – pilota per innovazioni che – se reggono alla prova nella nostra regione – poi possono essere tranquillamente esportate altrove senza particolari problemi.
Questo avviene per la rilevanza numerica della sua popolazione, come per la particolarità del suo sistema sanitario (un servizio pubblico sempre più in affanno, con tempi di attesa spesso biblici, cui fa concorrenza una rete privata capillare e aggressiva),

Non si intende certo dire che nella nostra regione la Casagit si eserciti in scombiccherati esperimenti sulla pelle dei soci: ma solo che certi modelli convenzionali (vedi il recente accordo con il Fatebenefratelli) possono poi essere replicati altrove; o che le risposte studiate al Poliambulatorio per rispondere alla domanda di fisioterapia potrebbero trovare applicazione in altre regioni; o che le criticità emerse inizialmente nel Lazio non debbano essere considerate un campanello di allarme di cui poi si debba tener conto in tutta Italia.

Sono i freddi numeri a rendere evidente la specificità della nostra regione.

Su un totale complessivo di 48.572 iscritti alla Casagit, la Consulta di Roma con i suoi 17.130 assistiti (8.578 soci titolari e 8.552 familiari, secondo i dati di bilancio 2016) è infatti la più grande d’Italia: seguono Milano (13.848 assistiti) e Bologna (2.244), poi tutte le altre Consulte fino a chiudere con i 98 assistiti di Campobasso.

Ugualmente assai rilevante la presenza degli iscritti ai Nuovi Profili Due, Tre e Quattro: ben 647 nel Lazio (il 46 per cento dei 1.403 iscritti in Italia), distanziando significativamente Milano (293 iscritti), Venezia (83) e via via tutte le altre Consulte.

Questi dati evidenziano con efficacia la rilevanza della Consulta romana, che in buona sostanza include il 35 per cento degli iscritti alla Cassa. Questi soci trovano un assai valido supporto negli uffici della Consulta in piazza della Torretta, dove si lavorano circa 22 mila pratiche l’anno.

Inoltre i giornalisti romani hanno a disposizione lo sportello del lunedì a Saxa Rubra, e una serie di cassette postali (Montecitorio, Ansa, Repubblica, Messaggero, Mediaset, Sole24ore, eccetera) dove lasciare in busta chiusa le loro pratiche, che sono periodicamente ritirate dal personale della Consulta.

Ugualmente rilevanti sono i dati economici relativi alla nostra regione. Complessivamente, nel 2016 sono arrivati alla Cassa 28.977.610 euro di contribuzione dai soci del Lazio (23.247.588 dalla Lombardia, 3.368.761 dall’Emilia Romagna) su un totale complessivo di 79.309.822 euro di contributi introitati da Casagit.

Nel Lazio, il contributo medio è di 3.378 euro (3.232 in Lombardia, 2.636 in Emilia Romagna). Sul fronte della spesa per prestazioni, nel 2016 il Lazio ha impegnato la Cassa per 26.645.395 euro (15.320.966 la spesa a Milano, 1.903.604 a Bologna) sui 55.419498 euro spesi complessivamente dalla Cassa a livello nazionale.

Il costo medio dell’assistito laziale è pari a 1.749 euro, contro i 1.333 di Milano e i 1.074 euro di Bologna: quindi un importo ancora rilevante, ma è da ricordare come questa cifra si sia gradualmente e costantemente ridotta nel corso degli anni, e si stia ancora riducendo, grazie alla azione di razionalizzazione dell’assistenza in Regione, senza peraltro restringere il livello di qualità offerto ai soci.

Sul territorio, la presenza di Casagit si esplica in una vasta rete di convenzioni: 45 strutture di ricovero (con un costante ampliamento degli interventi a pacchetto, con oneri minimi o nulli a carico del socio), 220 studi odontoiatrici (una ventina nelle provincie), oltre 440 medici specialisti. E il Poliambulatorio di piazza Apollodoro: una struttura importante, ora in fase di riorganizzazione per migliorarne l’efficienza e ridurre drasticamente i tempi di attesa.

Il progetto è di offrire al primo piano un ampio ventaglio di prestazioni ambulatoriali (visite, ma anche esami diagnostici) destinando il piano terra a una maggiore offerta di fisioterapia, in modo da favorire quanti – avendo esaurito il ciclo delle 12 sedute previste dalla Cassa – possano eventualmente continuare le sedute al Poliambulatorio a un prezzo calmierato (30/35 euro a seduta) invece che a quello di mercato.

* Fiduciario uscente della Casagit per il Lazio, candidato nella lista di Casagit Per te

 

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


tre + 18 =