INPGI, PAZZA IDEA: ALZARE DA CINQUE A DIECI ANNI LA PRESCRIZIONE DEI CONTRIBUTI

di Gabriele Testi *

Una provocazione, forse soltanto una provocazione. Ma perché non provare a ragionare, senza freni inibitori o preconcetti ideologici, di soluzioni “creative” volte ad accrescere il volume di denaro destinato ad affluire nelle casse dell’Inpgi e, dunque, ad alimentare le pensioni e il welfare giornalistico?

Una soluzione capace di incidere positivamente sull’ammontare dei contributi assicurativi dovuti per legge e per regolamento all’Istituto Nazionale di Previdenza dei Giornalisti Italiani potrebbe, infatti, essere approvata dal Parlamento con una norma di un solo articolo, per di più a costo pressoché nullo per la collettività e con seri benefici per le finanze dell’ente di via Nizza.

Una raccomandazione in tal senso potrebbe arrivare dal Consiglio di amministrazione o dalla stessa presidente Marina Macelloni, anche in ragione dell’ampia autonomia concessa dal legislatore agli enti di previdenza privatizzati per le loro necessità di bilancio.

Sulla base della cattiva quanto dilagante abitudine degli editori e degli uffici stampa di non assumere in regola i professionisti dell’informazione e i loro colleghi pubblicisti (ormai nella società civile si dà per scontato che un giornalista sia “di default” un lavoratore autonomo, cui imporre l’apertura della Partita Iva, in spregio alle norme più basilari del Codice Civile…), si potrebbe in effetti ipotizzare di estendere da cinque a dieci anni la prescrizione degli oneri assicurativi obbligatori di pertinenza dell’Inpgi.

La misura, fermo restando l’indispensabile vaglio di costituzionalità di un’idea rivolta a una sola platea di prestatori d’opera, da un lato ripristinerebbe la situazione vigente prima della Riforma Dini, dall’altro consentirebbe di sanzionare, anche molto indietro nel tempo, i comportamenti scorretti e sleali dei datori di lavoro sia in sede civile che penale, arrivando a colpire, quando meno se lo aspettano o credono di averla fatta franca, gli amministratori delle persone giuridiche “incriminate”.

Dunque, a mo’ di “pena del contrappasso” nell’ambito di un mercato del lavoro intellettuale particolarmente restio ad applicare le regole generali delle assunzioni e dei contratti individuali, in cui si fa sempre più fatica a “gestire” da dipendente la figura del giornalista (e soltanto il giornalista!) come un comune impiegato od operaio, la reale possibilità di regolarizzare ex post i lavoratori retrodatando l’inizio dei rapporti di ben dieci anni rappresenterebbe uno strumento di deterrenza eccezionale.

Non si tratterebbe nemmeno di una misura peregrina, se è vero che già una volta in passato, attraverso la Legge 153 del 30 aprile 1969, il legislatore italiano (ministro del Lavoro era il socialista Giacomo Brodolini all’interno del governo Rumor I) decise di raddoppiare i termini prescrizionali dei contributivi assicurativi obbligatori dovuti all’Inps e agli altri enti di previdenza e assistenza, Inpgi compreso.

Non soltanto: sino alla sentenza 6173 del 7 marzo 2008, emessa dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite allo scopo di risolvere un contrasto giurisprudenziale cagionato dall’incerto tenore letterale dell’articolo 3 della Legge 335/1995 voluta dal governo tecnico guidato da Lamberto Dini, si è ritenuto che la prescrizione decennale della previgente normativa sopravvivesse in taluni specifici casi, nell’arduo bilanciamento tra iniziative dirette del lavoratore (o degli eredi) volte a rivendicare i propri diritti e accesso ispettivo autonomo nelle aziende dei funzionari di vigilanza.

Si tratta di un provvedimento che sarebbe agevolato nel suo concreto atteggiarsi dalla natura “pubblica” e manifesta, per definizione e per prassi, dell’attività giornalistica, i cui attori hanno numerose relazioni sociali, firmano con nome e cognome gli articoli sui media cartacei o digitali e dove i direttori responsabili delle testate sono esplicitamente indicati nel registro della stampa presso i tribunali, con la conseguenza di rendere molto più facile la costruzione di un apparato probatorio e testimoniale capace di reggere in giudizio.

La morale della favola sarebbe questa, grossomodo. Non regolarizzi i giornalisti? Fai attenzione, perché potresti essere chiamato a rendere conto delle tue azioni anche a distanza di dieci anni dai fatti oggetto di sanzione, il doppio del tempo concesso a tutte le altre categorie di lavoratori…

* Sindaco supplente Inpgi 1 con Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


diciannove + uno =