INPGI, PARTE CON UN CONDONO SULLE SANZIONI CONTRIBUTIVE L’OPERAZIONE DI RECUPERO DELLE ENTRATE

di Paola Cascella *

Un monte crediti contributivi di 180 milioni (iscritti a bilancio), con un contenzioso legale della durata media di dieci anni, Cassazione compresa. 180 milioni, dei quali circa sei diventati inesigibili dal momento che nel frattempo molte aziende editoriali che avrebbero dovuto versarli continuano a navigare in cattive acque o, peggio, sono sparite dal mercato o magari hanno cambiato denominazione sociale anche dieci o venti volte.

Ecco perchè col voto unanime del Consiglio di amministrazione l’Inpgi ha varato un condono, il terzo nella storia dei suoi ultimi 15 anni, che se avrà il benestare dei ministeri vigilanti dovrebbe portare liquidità nelle casse di via Nizza, consentendo anche il risparmio delle spese processuali e la regolarizzazione delle posizioni di molti giornalisti.

Sono i maggiori obiettivi in questo momento di grave difficoltà dell’Istituto, soprattutto dopo che la legge che prevede il passaggio dei comunicatori dall’Inps alla nostra platea di iscritti nel 2023 ha indicato come priorità l’aumento delle entrate. Con questo pacchetto di agevolazioni Inpgi si aspetta un rientro di circa il 25 per cento del proprio credito, come già successo in passato, ovvero 45 milioni di soli contributi ai quali vanno aggiunte le sanzioni civili ridotte, pari a circa un milione.

La sanatoria, che ha una parte strutturale, si articola su diversi interventi. Il primo prevede il taglio delle sanzioni civili addebitate alle aziende per i mancati versamenti. Mantenendo naturalmente intatto l’obbligo del pagamento dei contributi previdenziali dovuti, senza un euro di sconto. Il taglio verrà applicato anche ai debiti già al centro di un contenzioso amministrativo o processuale e nei casi in cui sia in atto un accordo di rateizzazione.

Le aziende avranno 180 giorni per chiederne l’applicazione (dal momento dell’approvazione dei ministeri) e potranno versare contributi e sanzioni decurtate in un’unica soluzione o rateizzando l’importo. L’interesse di dilazione che pagheranno sarà dell’1,5 per cento all’anno, con un numero di rate che varia secondo l’ammontare complessivo del debito: fino a 20.000 euro in 12 rate; in 24 rate tra i 20.000 e i 50.000; in 36 oltre i 50.000. Con un’avvertenza: saltando due rate, anche non consecutive, si perde automaticamente il beneficio.

Le sanzioni civili per il mancato pagamento dei contributi potranno essere ridotte se il datore di lavoro si autodenuncerà prima che parta la contestazione da parte dell’Inpgi, regolarizzando spontaneamente il debito. L’importo verrà allineato alla misura degli interessi legali maturati dalla scadenza del termine per il versamento dei contributi omessi fino alla data del pagamento effettivo e fino ad un massimo del 5 per cento del non versato.

Dopo la contestazione dell’Inpgi, ma prima dell’inizio dell’iter processuale, l’importo delle sanzioni è ridotto ad un terzo del loro ammontare. Infine, se per sbaglio i contributi sono stati versati all’Inps o ad altri enti previdenziali, e il contenzioso giudiziale non è ancora partito, non verrà addebitata alcuna sanzione.

Un terzo capitolo riguarda il recupero dei crediti contributivi di giornalisti liberi professionisti iscritti alla Gestione separata. Inpgi è tenuto alla riscossione coattiva di quanto dovuto dai datori di lavoro per l’assicurazione previdenziale, un’operazione che attualmente avviene col ricorso per decreto ingiuntivo (lento e costoso) mentre per le somme attribuite ai giornalisti morosi interviene l’Agenzia delle entrate attraverso l’iscrizione a ruolo.

Ora si vuole estendere l’iscrizione a ruolo anche ai datori di lavoro così limitando il contenzioso e riducendo i tempi di riscossione. Di più: in questo modo Inpgi accelera i tempi, mentre le aziende possono dilazionare il dovuto fino a sei anni (72 rate), ma anche fino a dieci (120 rate mensili) se si trovano in particolare situazione di disagio economico – finanziario. Ulteriore vantaggio,verrebbe a cessare la necessità da parte delle aziende di presentare una garanzia fideiussoria bancaria o assicurativa, molto costosa e difficile da ottenere, ma obbligatoria in base all’ordinamento interno dell’Inpgi.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


venti + otto =