INPGI2, BONUS COVID ENTRO IL 15 APRILE. I 200 MILIONI DEL FONDO PARTITE IVA GIA’ DA RIFINANZIARE

di Paola Cascella *

Diecimila fino a oggi su una platea potenziale di circa 17.000. Tanti sono i giornalisti autonomi iscritti a Inpgi2 che hanno chiesto il bonus di 600 euro messo a disposizione dal governo per le situazioni di difficoltà dovute all’emergenza Covid 19.

Basteranno i 200 milioni stanziati per tutte le casse autonome che come la nostra fanno capo all’Adepp? Difficile, anzi impossibile, visto che le 333.000 domande presentate il 2 aprile hanno praticamente saturato il fondo dei 200 milioni e che il termine ultimo delle domande  scade il 30 aprile.

I primi che sono riusciti a inoltrare il modulo, nonostante il blocco iniziale del sistema mail dell’Istituto, riceveranno il bonus entro pochi giorni, probabilmente anche prima della scadenza del 15 prossimo. E gli altri? Nessuno sarà escluso, nessuno resterà indietro.

Come? Lo ha spiegato oggi la presidente dell’Inpgi Marina Macelloni in un pre Cda tenutosi in videoconferenza. “Tutti devono essere pagati”, ha detto. L’attesa è per le prossime mosse della ministra del Lavoro Nunzia Catalfo che nei giorni scorsi ha rassicurato che se i soldi non bastano, ci sarà una integrazione del Fondo di sostegno al reddito di professionisti e autonomi iscritti alle casse private.
Non solo. Catalfo starebbe ragionando sulla possibilità di replicare ad aprile e anche a maggio quello che inizialmente era stato definito un una tantum. Vedremo se le promesse saranno mantenute, fanno capire all’Inpgi. Che intanto si prepara l’8 aprile a presentare al ministero un primo bilancio cronologico delle domande pervenute in via Nizza. Domande protocollate una ad una dal personale dell’Istituto che non si è risparmiato né di sabato né di domenica.

Un monitoraggio chiesto da Catalfo per avere il panorama numerico della situazione complessiva. Come annunciato, sarà Inpgi ad anticipare il bonus ai giornalisti che abbiano i requisiti. Recuperando poi quanto speso dal Fondo ministeriale (in tempi sperabilmente rapidi).

L’istituto pensa anche ad altre misure per dare una mano ai giornalisti in difficoltà. A partire dall’indennizzo di 500 euro stanziato sempre per una parte degli autonomi Inpgi2, ma al lordo, contrariamente a quello INPS di 600 euro che invece è al netto. Una inammissibile disparità tra i cittadini, secondo l’Inpgi.

Verrà chiesta anche una corsia preferenziale ai ministeri che devono dare la loro approvazione alla copertura per le misure del congedo parentale e della dilazione dei contributi.

* Cda Inpgi per Inpgi Futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


3 × 2 =