CASAGIT, POLIAMBULATORIO BIS A ROMA PER GOVERNARE I COSTI.UN PIANO PER LA SANITA’ DEI PROFESSIONISTI


di Corrado Chiominto *

 

Arriverà a febbraio-marzo un nuovo poliambulatorio Casagit a Roma. Amplierà di fatto le prestazioni della struttura in piazza Apollodoro con nuove specializzazioni, con un ambulatorio di analisi e con nuove strumentazioni (dalla Moc alla Rx).

La decisione di realizzare questa nuova struttura nasce dalla scelta strategica di Casagit di salvaguardare i servizi per i giornalisti e di diventare un punto di riferimento per il mondo dei professionisti. Già, la novità è proprio questa. Si sperimenta l’ ingresso nella gestione diretta del settore sanitario allargando la platea a nuovi “clienti”.

Casagit si trasforma così in un player attivo, non solo un ‘pagatore’, nel mondo sanitario.Lo scenario del settore sanitario sta cambiando velocemente.
Lo Stato si ritira dall’assistenza pubblica. I tagli sui fondi del servizio sanitario nazionale e la stretta sulle prescrizioni dei medici di base avranno l’effetto di ridurre la presenza pubblica in un settore strategico per il benessere dei cittadini.
Lo spazio lasciato libero entra così nel mirino di chi punta a coprire le esigenze di una ‘’domanda’’ di welfare alla quale la sanità pubblica non riesce a dare risposte. Ma non tutti sono no-profit come Casagit. Le assicurazioni, che dalla gestione del rischio e della salute puntano a trarre utili, hanno già iniziato il loro pressing, con documenti informativi e pagine pubblicitarie sui giornali.
In questo contesto le casse sanitarie, che non hanno come finalità il lucro ma i servizi ai propri iscritti, potrebbero rappresentare un pilastro importante nel mondo sanitario per aggregare la domanda di prestazioni sanitarie, diventando una interfaccia in grado di fare economia di scala e anche di fronteggiare le mire  di un settore sanitario privato sempre molto vorace.
La Casagit ha tutte le carte in regola per diventare un protagonista di questi cambiamenti. I giornalisti non sempre ne sono consapevoli: ma la nostra cassa integrativa viene guardata con attenzione dai diversi fondi sanitari ed è da loro considerata un gioiellino. Ma non è solo una opportunità.

Trasformarsi in un perno per l’intero settore dei professionisti rappresenta anche una necessità: solo allargando la platea e i servizi si riuscirà a garantire una sostenibilità dei conti (che il cda di Casagit è impegnato a mantenere in ordine, leggi il servizio di Rossella Lama), un equilibrio tra entrate ed uscite che è l’unica garanzia di lunga vita per la cassa dei giornalisti.
Ecco, allora che Casagit Servizi (la Srl creata per fornire servizi all’esterno e – in prospettiva – alimentare le entrate della cassa dei giornalisti)  ha stipulato prima un accordo per fornire servizi a Confcommercio e dall’inizio del prossimo anno estende il proprio poliambulatorio di Roma, attrezzando un ulteriore piano, preso in affitto dai ‘cugini’ dell’Inpgi, per fornire servizi ai professionisti dell’Adepp, l’associazione che riunisce i casse previdenziali di molte categorie.

Al progetto la Casagit sta lavorando da oltre un anno e, ottenuti i permessi e terminati i lavori, l’avvio del nuovo Poliambulatorio è previsto per l’inizio del prossimo anno, probabilmente tra febbraio e marzo.
La struttura, che sarà gestita insieme a Impresa Medica – cioè la stessa società che attualmente gestisce il poliambulatorio dei giornalisti –  servirà ad estendere una collaborazione che, in un futuro, potrebbe portare alla creazione di una ‘’rete’’ di servizi sanitari di Casagit sul territorio di Roma e anche delle altre più grandi città – in particolare Milano e Torino – dove il numero di giornalisti presenti consentirebbe di governare meglio i costi.

Sarà una rete che – è questo quel che ho detto in Cda – non dovrà essere esclusiva e limitare la libertà dei colleghi di rivolgersi ad altri specialisti. Ma potrà diventare un punto di riferimento, con costi calmierati per i soci casagit, con effetti positivi sul bilancio della Cassa. Anche il gestore non dovrà essere limitato ad una sola società, ma dovrà essere in grado di mettere ‘’in concorrenza’’ più attori del settore privato.
Se il vecchio poliambulatorio rimarrà riservato ai soli giornalisti, il nuovo integrerà l’offerta e i colleghi potranno comunque utilizzare i servizi aggiuntivi in convenzione diretta (in pratica pagherà direttamente Casagit per le specializzazioni che non si trova nel primo poliambulatorio). La convenzione, invece, è in indiretta con il laboratorio di analisi.  Gli ‘esterni’, cioè le altre categorie di professionisti, dovranno invece pagare le visite.

Comunque oltre al laboratorio di analisi ci saranno ecografi, macchinari per misurare la Moc, Rx. Anche le specialità saranno moltissime: dall’allergologia all’oncologia, dalle diverse branche della chirurgia (toracica, vascolare, endoscopica digestiva ecc) alla neurologia. Per 28 specializzazioni abbiamo già avuto l’autorizzazione e per altre 31 siamo in attesa dell’autorizzazione definitiva.
* Cda Casagit, consiglio consultivo di Puntoeacapo

Lascia per primo un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*


11 − sette =